World Affairs/La denuncia di Mosca: Rifugiati siriani a Rukban usati come scudi...

La denuncia di Mosca: Rifugiati siriani a Rukban usati come scudi umani dalle milizie appoggiate dagli USA

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

La situazione umanitaria nel campo è quasi catastrofica poiché l'area adiacente è controllata da milizie appoggiate dagli USA.


L '"amministrazione" del campo siriano di Roukban, controllato dalle milizie appoggiate dagli USA, ha vietato il passaggio di autobus delle Nazioni Unite utili per evacuare i rifugiati. I miliziani vogliono mantenere i residenti del campo per usarli come scudi umani, ha affermato il generale Alexei Bakine, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.
 
"La cosiddetta amministrazione, controllata da formazioni armate illegali, ha dichiarato che gli autobus delle Nazioni Unite non possono entrare nel campo per evacuare gli sfollati che desiderano lasciare Al-Rukban", ha spiegato Bakine.
 
"Scudi umani"
 
"Tenendo conto del fatto che la popolazione del campo non ha la possibilità di lasciare il suo territorio senza l'accordo dell'autorità delle formazioni armate illegali, consideriamo questa affermazione come ulteriore prova dell'intenzione dei radicali di tenere rifugiati ad Al-Rukban come scudi umani", ha aggiunto il generale russo.
 
Il generale ha fatto appello al comando americano nell'area di Al-Tanf per influenzare le formazioni armate e per aiutare le persone a uscire dal campo dalle Nazioni Unite.
 
A luglio, Washington ha annunciato che gli Stati Uniti non avrebbero fornito aiuti alimentari ai rifugiati. Questa decisione è stata spiegata dal fatto che questa azione avrebbe potuto dare l'impressione che le truppe statunitensi stessero progettando di rimanere in Siria per sempre.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa