“La Francia voleva vendicare l’attentato di Nizza ed ha ucciso 164 civili siriani”

“La Francia voleva vendicare l’attentato di Nizza ed ha ucciso 164 civili siriani”

L'attacco dell’aviazione militare francese su un villaggio siriano, il 19 luglio scorso, è stato effettuato come rappresaglia per l'attentato di Nizza, ha dichiarato l'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In una riunione degli Stati del Consiglio di sicurezza delle Nazioni (UNSC), che si è svolta ieri, il rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite (ONU), Bashar al-Jaafari, ha rivelato che le autorità francesi hanno voluto punire il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo), ma hanno fatto calcoli sbagliati.



"L'Air Force francese ha bombardato la città e ha causato molte vittime. Due volte più morti nell'attacco di Nizza, così il presidente francese ha voluto vendicarsi per quello che è successo lì e ucciso 164 civili", ha spiegato al-Jaafari.

Secondo il diplomatico i terroristi hanno usato gli abitanti del villaggio di Tukhar al-Kubra, vicino al confine con la Turchia, come "scudi umani" e hanno lasciato la città poco prima del bombardamento sapendo che il presidente François Hollande aveva “giurato vendetta per quello che è successo a Nizza."

Durante l'incontro, il rappresentante permanente della Russia, Vitali Churkin, a sua volta, ha chiesto chiarimenti sui bombardamenti in Siria del 19 luglio scorso. Mentre il diplomatico francese François Delattre, rappresentante francese all’ONU non ha commentato.

Inoltre, il rappresentante degli Stati Uniti, Samantha Power ha affermato che il suo Paese indagherà la veridicità delle informazioni con le organizzazioni non governative, affermazione che ha  irritato Churkin, perché gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli USA e dai suoi alleati in Siria sono facilmente verificabili perché usano droni dell’intelligence satellitare. Egli ha inoltre indicato che ci sono i video di tutti i bombardamenti moderni.

"Cioè, non ci sono droni americani né forze speciali degli Stati Uniti e dei loro alleati in Siria, e non vi è alcuna capacità dell’intelligence satellitare degli Stati Uniti o dei video che hanno realizzato tutti i bombardieri moderni quando svolgono un attacco (...) Questo mi fa pensare che non sapremo mai la verità, che tutto sarà spazzato sotto il tappeto", ha lamentato Churkin.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia