La grande menzogna del "massacro di Tienamen"

La grande menzogna del "massacro di Tienamen"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tra i tanti documenti disponibili sul Web sull'incidente del 4 giugno 1989 a Pechino, questo è eccezionale in più di un modo.

Ricorda che 80.000 persone hanno manifestato pacificamente in piazza Tiananmen per diverse settimane e che non vi è stato alcun massacro; che alcuni leader del movimento di protesta erano stati addestrati dalla CIA; che rivoltosi armati hanno ucciso soldati disarmati nei vicoli adiacenti nella notte del 3-4 giugno; che l'esercito è intervenuto dopo questi omicidi e che gli scontri nei vicoli hanno provocato in totale 241 morti; che il famoso Tankman tornò a casa pacificamente dopo aver discusso con l'equipaggio del carro armato; che questi eventi sono stati commentati, e non nascosti al popolo cinese, dai media di quel paese.

Ho tradotto il succo, ma per le foto (travolgenti) devi usare questo link.

                                  *

Il 4 giugno 1989, in piazza Tienanmen, a Pechino, accadde qualcosa. Secondo il resoconto dei media occidentali sulla "stampa libera", tra i 3.000 ei 10.000 manifestanti disarmati furono "massacrati" in piazza dall'Esercito Popolare di Liberazione Cinese. CNN: "Centinaia, se non migliaia, sono stati uccisi quel giorno". Secondo Reuters: "La Cina non ha mai fornito un bilancio totale delle vittime, ma gruppi per i diritti umani e testimoni affermano che la cifra potrebbe raggiungere le migliaia".

BBC: “La repressione dell'esercito cinese sulle proteste di piazza Tiananmen nel 1989 ha ucciso almeno 10.000 persone, secondo documenti britannici recentemente rilasciati. La cifra è stata fornita in un cablogramma diplomatico segreto dell'ambasciatore britannico in Cina, Sir Alan Donald. Le stime precedenti del bilancio delle vittime nelle proteste a favore della democrazia andavano da diverse centinaia a oltre 1.000”.

La BBC fa molte false affermazioni nei suoi servizi, citando in gran parte la testimonianza di un diplomatico britannico come se fosse un fatto innegabile, e riproducendo il luogo comune a molte fonti occidentali, che interpretano l'evento di Tienanmen del 4 giugno come una protesta "pro-democrazia". Un'altra bugia comune è che i cinesi non sapevano nulla dell'evento, a causa della "pesante censura da parte del loro governo autoritario". Non solo questa bugia è facilmente confutata quando si parla con qualcuno che vive nella Cina continentale, Mango Press ha già prodotto una traduzione di un documento ufficiale del governo su questi eventi.

Allora qual è la verità sul "Massacro di Piazza Tienanmen"? Questo è lo scopo di questo articolo. Abbiamo cercato fonti cinesi e occidentali, resoconti di testimoni oculari e cablogrammi trapelati dalla CIA per determinare la verità di quel fatidico giorno. Infine, utilizzeremo prove convergenti per vedere, una volta per tutte, chi mente, ed a quale scopo, sia da parte occidentale che cinese.

Per capire perché è accaduto quel 4 giugno, è necessario avere una conoscenza di base delle condizioni storiche che hanno portato alle proteste. Sfortunatamente, le spiegazioni storiche che costituiscono lo sfondo della protesta sono generalmente omesse dalle fonti borghesi.

Perché quando un lettore comprende le condizioni materiali che costituiscono questo sfondo, inizia a mettere in discussione la narrativa occidentale.

LA RIVOLUZIONE CULTURALE

La maggior parte delle cause alla base del 4 giugno possono essere ricondotte alla Rivoluzione Culturale. Una spiegazione completa della Rivoluzione Culturale va ben oltre lo scopo di questo articolo, ma ecco un breve riassunto.

Nel 1966, il potere di Mao Zedong all'interno della struttura organizzativa del PCC (Partito Comunista Cinese) aveva cominciato a scemare dopo i fallimenti personali del Grande Balzo in avanti. Per eliminare i ranghi del partito dagli "elementi borghesi", Mao mobilitò gruppi di studenti universitari, lavoratori scontenti e altri membri della società cinese.

La Rivoluzione Culturale ha raggiunto alcuni dei suoi obiettivi dichiarati, inclusa l'elevazione della "Banda dei Quattro" di estrema sinistra a un rango preminente all'interno del PCC. Molte fonti cinesi contemporanee, incluso il People's Daily, qualificano la Rivoluzione Culturale come una "grande battuta d'arresto". La vedono come una mossa in gran parte nefasta che ha provocato il caos in tutta la Cina per un intero decennio. Il People's Daily, ampiamente considerato dai media borghesi occidentali come un "portavoce del governo cinese", dice questo sulla Rivoluzione Culturale:

"Il PCC ha ammesso, analizzato e corretto gli errori commessi da se stesso e dai leader del Paese, imparando sia dai fallimenti che dalle esperienze di successo" (17 maggio 2016).

Ma cosa c'entrano la Rivoluzione Culturale e la “presa di potere” di Mao con le proteste in piazza Tiananmen? Più di quanto potete immaginare.

LA BANDA DEI QUATTRO

Ancora una volta, una storia completa della Banda dei quattro va oltre lo scopo e l'ampiezza di questo articolo, ma per capire il 4 giugno, devi anche capire quale ruolo chiave hanno giocato da questi quattro.

La banda dei quattro era composta da "ultra-maoisti": Zhang Chunqiao, Yao Wenyuan, Wang Hongwen e la moglie di Mao, Jiang Qing. I numerosi e caotici "eccessi" della Rivoluzione Culturale, compresa la distruzione di siti del patrimonio religioso e culturale, sono stati attribuiti alle loro aattività al vetriolo.

La Band perse il potere nel 1976, quando l'allora Primo Ministro Zhou Enlai morì. C'è stata una breve "lotta di potere" (come dicono i media occidentali) in cui la Banda dei Quattro controllava l'apparato dei media, e Hua Guofeng, un riformista "pro-Mao", aveva l'appoggio della magistratura. Hua ha riabilitato Deng Xiaoping, un famoso politico pro-riforma in Cina che era stato denunciato dalla fazione ultra come "un camionista capitalista". Deng divenne Primo Ministro ad interim della Cina nel 1976 e poco dopo la Banda dei Quattro fu arrestata.

Jiang Qing, la moglie di Mao, ha cercato di istigare un'insurrezione armata a Shanghai, volta a rovesciare il Comitato Centrale della Repubblica Popolare Cinese. Questo tentativo di colpo di stato fallì e la Banda dei Quattro fu arrestata per incitamento alla controrivoluzione. La maggiore responsabilità del caos che ha afflitto la società cinese durante la Rivoluzione Culturale, in ogni caso, è stata attribuita alla Banda dei Quattro.

ORDINE O CAOS

Secondo le università borghesi occidentali, tra 750.000 e 1,5 milioni di persone sono state uccise a causa degli eccessi della Rivoluzione Culturale (The World Peace Foundation, 2016). I persistenti fallimenti e i danni alla società causati dalla brutalità della rivoluzione hanno colpito varie parti. La negligenza dell'istruzione durante la rivoluzione ha fatto sì che molti studenti non avessero diplomi formali e cercassero riforme ancora più grandi.

Dopo la sconfitta della Banda dei Quattro, i leader cinesi guidati da Deng Xiaoping lanciarono la politica del “Boluan Fanzheng”, (? ? ? ?). Questa politica significa letteralmente "porre fine al caos e tornare alla normalità", ed i suoi obiettivi principali erano di annullare il caos dell'ultimo decennio e riabilitare coloro che avevano sofferto inutilmente sotto le prove della Rivoluzione Culturale.

Una delle figure di spicco nella campagna di Boluan Fanzheng era un alto funzionario comunista noto come Hu Yaobang. Hu era visto come il "riformatore liberale" della leadership del Partito Comunista, a differenza del più "conservatore" Zhao Ziyang e del "centrista" Deng Xiaoping. Hu era odiato da molti "anziani del partito" (membri più anziani e più rivoluzionari del PCC), e come risultato di alcune controverse decisioni politiche, inclusa l'ulteriore liberalizzazione della nuova economia di mercato socialista, emersero proteste. Era il 1987 e molti studenti iniziarono a manifestare nelle loro università. Il loro messaggio era chiaro: continuare con le riforme.

È importante ricordare che durante la Rivoluzione Culturale, appena terminata quando sono iniziate le proteste studentesche, gli studenti sono stati incoraggiati a ribellarsi ed a criticare i loro insegnanti. Questa era la politica ufficiale del governo, e più tardi durante la Rivoluzione Culturale molte università furono chiuse in modo che i loro studenti potessero essere mobilitati come Guardie Rosse paramilitari. Questo stato d'animo era ancora pervasivo tra molti nuovi studenti che frequentavano università appena riaperte.

Gli anziani del partito della "Vecchia Guardia" hanno usato questa diffusa interruzione per sollecitare Hu a dimettersi. L'uso di frasi come "continuare la riforma" sembra dare credito all'interpretazione che queste proteste fossero un appello alla "libertà e democrazia". Carl Zha, personaggio di Twitter e conduttore del podcast 'Silk And Steel', presente alle proteste dell'87, spiega nel suo account di Tiananmen che molti studenti nel 1987 chiedevano ulteriori riforme sociali, piuttosto che riforme economico politiche.

Un esempio che fa è che nella Cina post-rivoluzione culturale, tenere per mano qualcuno con cui uscivi nel campus universitario era proibito. Molte norme sociali erano ancora molto conservatrici e basate sulla cultura cinese. L'impulso alla riforma era rivolto più alla liberalizzazione della società che dell'economia o del governo.

In ogni caso, i media occidentali ignoreranno o oscureranno deliberatamente questo punto per servire i propri interessi. Il 15 aprile 1989 Hu Yaobang morì per cause naturali. In risposta, una veglia funebre di fatto iniziò in piazza Tiananmen, con molti studenti venuti a deporre corone o candele a sostegno dell'ideologia riformista di Hu.

EVENTI LUOGO DI TIANANMEN

Queste proteste sono spesso viste dai media e da molti accademici occidentali come un movimento monolitico, che esorta il Partito Comunista a dimettersi e chiede l'istituzione della "democrazia liberale". Questa idea non potrebbe essere più lontana dalla verità, perché al suo apice, il movimento di protesta in Piazza Tiananmen aveva poco più di 80.000 persone presenti.

Il movimento non includeva solo gli studenti, che erano semplicemente il gruppo più rumoroso, ma anche molti operai, lavoratori migranti e contadini dell'area di Pechino che hanno preso parte all'azione, ogni gruppo con un diverso orientamento politico.

Alcuni dei manifestanti erano marxisti-leninisti, alcuni erano maoisti irriducibili, altri erano liberali. Questa non è una cospirazione oscura del governo cinese, ma un fatto confermato; un'operazione congiunta MI6-CIA nota come "Operazione Yellowbird" è stata lanciata per formare fazioni "pro-democrazia" nelle università cinesi. Sul campo, le Triadi furono inviate da Hong Kong per addestrare gli studenti alla guerriglia, armandoli con pali di ferro e insegnando loro le tattiche di insurrezione.

L'obiettivo finale dell'operazione Yellowbird era quello di individuare persone di alto valore dal movimento di protesta, ed è riuscito a estrarne oltre 400. La ragione per cui i media occidentali ignorano le migliaia di manifestanti comunisti nella piazza è che il successo di Yellowbird ha permesso loro di concentrarsi sugli studenti liberali e filocapitalisti.

I più famosi di questi leader della protesta studentesca sono Chai Ling e Wang Dan. Wang Dan ha preso il potere nel nuovo gruppo "pro-democrazia" della sua università, non attraverso un'elezione, ma definendosi un leader.

Chai Ling è meglio conosciuta per le sue dichiarazioni al vetriolo che chiedono un regime change diretto in Cina:

"Gli studenti hanno fatto un ottimo lavoro e il governo è stato costretto a cambiare comportamento, ma il nostro obiettivo finale è cambiare l'intero sistema".

In un ormai famoso documentario americano intitolato "The Gate of Heavenly Peace", Chai Ling viene intervistato da Peter Cunningham il 28 maggio 1989. Ecco questa famigerata intervista:

Chai Ling: “L'ho tenuto per me tutto il tempo perché, essendo cinese, pensavo che non avrei dovuto parlare male dei cinesi. Ma non posso fare a meno di pensare a volte - e potrei anche dirlo - voi cinesi, non valete la mia battaglia, non valete il mio sacrificio!

Quello che speriamo davvero è lo spargimento di sangue, il momento in cui il governo è pronto a massacrare sfacciatamente il popolo. Solo quando la piazza sarà inondata di sangue i cinesi apriranno gli occhi. Solo allora sarà veramente unito. Ma come spiegare tutto questo ai miei compagni?

E ciò che è veramente triste è che alcuni studenti, e personaggi famosi ben collegati, stanno lavorando duramente per aiutare il governo, per impedirgli di prendere tali misure. Per amore dei loro interessi egoistici e delle loro relazioni private, cercano di provocare la disintegrazione del nostro movimento e di farci uscire dalla piazza prima che il governo diventi così disperato da prendere provvedimenti..."

Cunningham: Rimarrai in piazza anche tu?

Chai Ling: No.

Cunningham: Perché?

Chai Ling: Perché la mia situazione è diversa. Il mio nome è sulla lista nera del governo. Non voglio essere eliminato da questo governo. Voglio vivere. Ad ogni modo, è così che mi sento. Non so se la gente dirà che sono egoista. Credo che le persone debbano continuare il lavoro che ho iniziato. Un movimento democratico non può avere successo con una persona. Spero che tu non riporti quello che ho appena detto in questo momento, ok?".

Chai Ling e Wang Dan sono stati entrambi visti, o almeno dichiarati essere, dai media occidentali come i "leader" del movimento studentesco in piazza, e hanno goduto di settimane di copertura mediatica occidentale, mentre le altre 79.998 persone che hanno manifestato avrebbero dovuto essere in sintonia con Chai e le proteste "pro-democrazia". Almeno questo è quello che si potrebbe supporre dopo aver letto un rapporto britannico o americano all'epoca.

Non solo questo fondamentalmente non era vero, ma il cosiddetto leader di questo movimento stava attivamente chiedendo che migliaia di persone fossero martirizzate in nome della "libertà e democrazia", ??come sottolinea la stessa Chai. Ma era troppo importante per diventare una martire, quindi ha optato per la figa negli Stati Uniti, tramite l'allora fantoccio britannico di Hong Kong.

(..)

Chiaramente, la leadership di questa protesta, o almeno la leadership di fatto che gli Stati Uniti avevano messo in campo attraverso finanziamenti segreti, formazione e attenzione dei media, aveva un chiaro obiettivo in mente: creare le condizioni per un massacro in Piazza Tiananmen.

La protesta è iniziata in modo organico, come un modo per studenti e riformatori di mostrare il loro sostegno a Hu Yaobang, ma è stata cooptata da agenti stranieri maliziosi.

Il governo cinese, da parte sua, ha mostrato un'incredibile moderazione. Le proteste continuarono senza intoppi dal 16 aprile al 20 maggio, senza incidenti. Se da 70 a 80.000 persone fossero sedute e occupassero Parliament Square in Gran Bretagna o Pennsylvania Avenue a Washington DC, questo autore non pensa che la manifestazione potrebbe continuare senza opposizione per 7 settimane, né nel 1989 né nel 2021.

LO SPAZIO DEL LUOGO

Il 20 maggio è stata dichiarata la legge marziale e ai manifestanti è stato ordinato, tramite telegiornali e altoparlanti in piazza, di tornare alle loro case. Molte persone sono diventate scontente delle proteste, specialmente dopo che i leader delle proteste non hanno offerto alcuna soluzione tangibile quando si sono incontrati con i funzionari del PCC.

Le forze militari del comando centrale hanno quindi tentato di entrare a Pechino, ma sono state respinte nelle aree di ingresso, principalmente da lavoratori scontenti e, come ha riferito il governo, da veri agenti controrivoluzionari.

Dopo il riordino, la notte del 2 giugno, fu fatto il primo tentativo di ripulire la piazza. Le truppe dell'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) inviate sul posto avevano un rudimentale equipaggiamento antisommossa. A causa delle sanzioni occidentali che impedivano l'acquisto di equipaggiamento antisommossa, erano per lo più dotati di bastoni di legno ed elmetti di plastica, con circa un soldato su dieci armato di fucile d'assalto.

Le truppe che si spostavano verso ovest lungo Chang'an Avenue sono state attaccate, una parte della folla ha disarmato i soldati armati e un'altra parte ha usato violenza contro i soldati.

Alcuni convogli sono riusciti a raggiungere piazza Tiananmen, dove soldati disarmati hanno potuto parlare con gli studenti a terra, convincendo molti ad andarsene pacificamente.

La notte del 2 giugno si sono verificate violenze nei vicoli e lungo Chang'an Avenue. Le armi che erano state confiscate agli ufficiali armati sono state consegnate ai rivoltosi, i veicoli blindati sono stati dati alle fiamme con bottiglie molotov e sono stati inviate truppe con soldati armati più pesantemente (in risposta ai primi incidenti).

Secondo un articolo del Washington Post del 5 giugno 1989: “I combattenti anti-governativi si erano organizzati in formazioni da 100 a 150 persone. Erano armati di bombe molotov e manganelli di ferro, per affrontare il PLA, che era ancora disarmato nei giorni precedenti il ??4 giugno" - da allora questo articolo è stato rimosso dagli archivi WaPo.

Ancora una volta, le armi sono state consegnate ai banditi che presidiavano le barricate costruite frettolosamente che bloccavano le strade. I soldati che sono stati catturati nei mezzi di trasporto del personale sono stati linciati, alcuni bruciati vivi. Le tre immagini sottostanti mostrano i corpi del tenente Liu Guogeng (???), del soldato semplice Cui Guozheng (???) e del primo tenente Wang Jinwei (???).

In seguito all'ostilità che le truppe antisommossa, la maggior parte disarmate, hanno subito all'ingresso della città, e mentre il bilancio totale delle vittime era di 4 manifestanti e 15 soldati o poliziotti, è stato dato l'ordine all'esercito di prendere il controllo dei vicoli.

Nella notte del 3-4 giugno, le forze armate sono entrate in città e hanno iniziato a reprimere i rivoltosi armati controrivoluzionari. Il PLA si è scontrato con rivoltosi trincerati che avevano preso posizioni di cecchino in edifici adiacenti a Chang'an Avenue, utilizzando i veicoli che avevano requisito. Dopo aver abbattuto le barricate antisommossa, il PLA è stato ancora una volta in grado di inviare truppe per lo più disarmate a Tienanmen.

Come confermano i cavi trapelati della CIA forniti da Wikileaks, non ci sono stati combattimenti in Piazza Tiananmen. Nessuno studente è stato giustiziato e nessun carro armato ha investito le persone. Il cablogramma in questione racconta gli eventi della notte dal punto di vista di un "diplomatico latinoamericano" chiamato Gallo:

Sebbene si potessero sentire degli spari, Gallo ha detto che a parte alcuni colpi agli studenti, non c'erano state sparatorie di massa sulla folla di studenti al monumento. Quando Poloff ha citato testimonianze oculari di massacri al monumento con armi automatiche, Gallo ha detto che una volta che è stato fatto un accordo per il ritiro degli studenti, unendo le mani per formare una colonna, gli studenti hanno lasciato la piazza dall'angolo sud-est.

Tutti, Gallo compreso, se ne sono andati.

Coloro che hanno cercato di rimanere indietro sono stati picchiati e condotti a unirsi alla fine del corteo di partenza. Una volta fuori dalla piazza, gli studenti si sono diretti a ovest su qianmen dajie mentre Gallo si è diretto a est verso la sua macchina". (CIA 1989.)

Dopo gli eventi del 4 giugno, il governo cinese ha rilasciato una stima del bilancio delle vittime intorno a 300. Il mondo occidentale ha immediatamente trattato questa cifra con disprezzo e scherno, poiché un resoconto più insidioso era già stato scritto da diversi media occidentali. Gli ambasciatori degli Stati Uniti, i giornalisti dei media britannici e in seguito i diplomatici britannici hanno aumentato questo bilancio da 1.000 a 3.000, quindi infine a 10 10.000 (!) vittime.

Una settimana dopo, il governo cinese ha messo il numero totale delle vittime a 203.

Questa cifra non è cambiata da quando è stata annunciata dal governo cinese, mentre le stime occidentali sembrano aperte a un aumento ogni volta che "una nazione occidentale lo richiede".

Una delle voci più citate riguardo al "massacro" nei giorni che seguirono era nientemeno che il rivoltoso preferito dai media statunitensi, Chai Ling.

Chai Ling ha detto prima che gli studenti che erano ancora nella piazza dopo che era stata pulita erano esausti e addormentati nelle loro tende; questi studenti sono stati poi travolti dai carri armati”.

È interessante notare che il cavo della CIA precedentemente citato smentisce anche le bugie di Chai Ling:

“Le truppe hanno iniziato un approccio lento e ordinato al monumento da nord con fanti che precedevano gli APC. Da quello che ha potuto vedere, Gallo ha stimato che la maggior parte delle tende in piazza fossero vuote quando i blindati le hanno ribaltate”.

Inoltre, non è solo la stessa CIA a sfatare la dichiarazione di uno dei suoi agenti, ma anche un altro leader della protesta studentesca, protagonista di The Gate of Heavenly Peace. A seguito delle bugie incendiarie di Chai Ling ai media occidentali, ha detto:

“Alcuni hanno detto che nella piazza sono morte 200 persone, altri hanno detto che lì sono morte 2.000. C'erano anche storie [Chai Ling] di carri armati in piazza, studenti che stavano schiacciando che stavano cercando di andarsene, devo dire che non ho visto niente di tutto questo, e non so dove hanno fatto; Io stesso sono stato in piazza, fino alle 6:30 di quella mattina. - Continuavo a pensare, useremo le bugie per attaccare un nemico bugiardo? ".

Una recente indagine di una delle madri di uno studente morto il 4 giugno è arrivata a un totale di 188 morti (Globaltimes, 2017), che è notevolmente vicino alla stima ufficiale fornita dal sindaco di Pechino.6 giugno 1989:

"Rapporto sull'andamento della rivolta e la repressione della ribellione controrivoluzionaria", pubblicato il 6 luglio 1989 dal sindaco di Pechino Chen Xitong:

"Oltre 3.000 civili sono rimasti feriti e oltre 200, tra cui 36 studenti, sono morti nella rivolta", scrive "(Wong, K., 2017).

Molti occidentali, compresi i giornalisti, credono sinceramente che nessuno in Cina abbia sentito parlare di Tiananmen. Pensano che la censura di stato sia così brutale che persino discutere dell'evento può portare a un gulag. Gli argomenti presentati, comprese molte fonti tradotte solo di recente in inglese dal cinese nativo, mostrano che non è così.

Wang Dan, tra molti altri manifestanti in piazza il 4 giugno, è stato arrestato e alcuni (compreso Wang) hanno trascorso del tempo in prigione per le loro attività di tradimento (compresa la partecipazione alle operazioni segrete della CIA). - Wang Dan è ora un uomo libero, che vive in gli Stati Uniti. Ma i media occidentali non vi hanno detto che la Cina ha giustiziato tutti i manifestanti studenteschi che ha arrestato?

I cinesi potrebbero non riferirsi agli eventi del 4 giugno come "il massacro di piazza Tienanmen", ma spesso sono molto meglio informati sugli eventi di quel giorno rispetto all'occidentale medio che usa "Tiananmen" come un bastone per "provare l'autoritarismo - in infatti, questa ossessione occidentale per una controrivoluzione cinese sconfitta mostra quanto siano sensibili gli occidentali alla propaganda". I cinesi chiamano l'evento "l'incidente 6-4" perché sanno meglio di noi che non ci fu alcun massacro di piazza Tiananmen il 4 giugno 1989, ma solo una violenta sommossa nelle strade laterali.

La BBC vi sta solo informando che stanno gonfiando il bilancio delle vittime a Tiananmen a 10.000 perché "abbiamo trovato note segrete" e dobbiamo considerarlo un fatto sovrano; ma mentre la versione cinese degli eventi è nota dal 1989, come mai mentono così tanto sulla Cina?

IL "TANKMAN"

L'angolo di fuoco della propaganda più famigerato è l'immagine del "Tankman" in piedi di fronte a una colonna di 30 carri armati Tipo 62. L'ipotesi fatta da questa foto è il coraggio di un uomo in piedi di fronte a carri armati che hanno appena (presumibilmente) finito di commettere un massacro.

L'intero video, ironia della sorte, mostra come l'intera colonna si fermi per investire quest'uomo, uno strano gesto per gli autori di una strage. Inoltre, "Tankman" si arrampica sullo scafo del primo carro armato e bussa al suo portello. Mentre tiene in mano le sue borse della spesa, "Tankman" chiacchiera con l'equipaggio del carro armato per circa 25 secondi, prima di scendere con cautela e delicatezza ed essere portato in salvo dai suoi amici. I carri armati proseguono poi verso Chang'an, ritorno alla base lasciando la piazza.

L'immagine ritagliata, mostrata dai media occidentali, mostra il "Tankman" che blocca alcuni carri armati, e raramente mostrano il filmato completo, inclusa la conversazione disinvolta del giovane in cima al Type-62.

CONCLUSIONE

Il racconto degli eventi da parte dei media occidentali, liberali e cosiddetti liberi non ha senso. Non c'è mai una spiegazione sul perché gli studenti abbiano protestato in piazza in primo luogo, e molto raramente c'è una discussione sugli obiettivi molto disparati dei gruppi di studenti.

Se dobbiamo credere che una colonna di carri armati si fermerebbe per un uomo, dopo aver ucciso 10.000 persone assetate di sangue, quali bugie ancora più ridicole scriverà l'Occidente sulla Cina?

In piazza Tienanmen il 4 giugno 1989 non ci fu alcun massacro.

Nelle strade laterali ci sono stati pesanti combattimenti tra gli elementi armati controrivoluzionari, la polizia e l'esercito. Il bilancio delle vittime per l'intero evento è stato di 241 in totale, compresi soldati, polizia e rivoltosi.

A seguito delle violenze, non ci sono state esecuzioni legate all'evento.

Wang Dan, leader della protesta e istigatore alla violenza, che non è riuscito a fuggire verso ovest, è stato arrestato. È stato condannato a 4 anni di carcere, più 2 anni di detenzione in attesa di giudizio. per incitamento alla violenza controrivoluzionaria. L'uomo è stato condannato a soli 6 anni di carcere. Ora vive liberamente nel meraviglioso mondo dell'Occidente capitalista.

La vera ragione per cui l'Occidente deve mentirvi sugli eventi di oggi è per salvare la faccia. Hanno tentato di rovesciare il governo sovrano della Cina attraverso la violenza fascista, e il loro tentativo di colpo di stato è stato schiacciato.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Il suo ultimo libro si intitola Philosophie politique, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx.

 

Potrebbe anche interessarti

La disoccupazione è necessaria al capitalismo di Francesco Erspamer  La disoccupazione è necessaria al capitalismo

La disoccupazione è necessaria al capitalismo

Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX di Paolo Desogus Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX

Sul silenzio assordante dei pestaggi dei lavoratori FEDEX

Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro di Giorgio Cremaschi Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro

Mamma Papà ho trovato un lavoro: il vostro

Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia di Francesco Santoianni Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia

Astrazeneca e la "scienza" che governa l'Italia

L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico di Giuseppe Masala L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico

L'Economist e la pietra tombale dell'UE in un grafico

Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata di  Leo Essen Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata

Franz Rosenzweig: Intelligenza sana e Malata

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5? di Antonio Di Siena Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti