La Lega araba esorta la Turchia a ritirare le sue truppe dalla Siria

La Lega araba esorta la Turchia a ritirare le sue truppe dalla Siria

Il segretario generale della Lega araba, Ahmed Aboul Gheit, ha esortato la Turchia a interrompere immediatamente le sue operazioni militari nella Siria nord-orientale e ritirare le sue truppe dal paese arabo.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Condanniamo questa aggressione, chiediamo alla Turchia di fermare completamente e immediatamente tutte le azioni militari, nonché di ritirare le truppe che sono entrate nel territorio siriano", ha dichiarato Gheit intervenendo all'apertura di una riunione di emergenza della Lega araba dedicato all'operazione militare dell'esercito turco in Siria.
 
Inoltre ha aggiunto che l'operazione militare turca nel nord-est della Siria è "un'invasione del territorio di uno stato arabo e un'aggressione alla sua sovranità".
 
Inoltre, il Segretario Generale della Lega Araba ha attribuito ogni responsabilità alla Turchia "per possibili conseguenze umanitarie dell'aggressione".
 
Secondo Gheit, esiste il rischio che "un vero genocidio dei curdi" che vivono in quelle regioni della Siria.
 
Il segretario della Lega araba ha sottolineato che circa 300.000 persone potrebbero diventare rifugiati a seguito di azioni turche.
 
I rappresentanti di Iraq e Libano hanno chiesto il rientro della Siria all'interno della Lega Araba. Damasco fu estromessa nel 2011 nei primi mesi del conflitto.
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti