La lezione di Assad all'Occidente: 75 tonnellate di ossigeno al Libano

La lezione di Assad all'Occidente: 75 tonnellate di ossigeno al Libano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La lezione straordinaria di Assad e del popolo siriano all'occidente.

Nonostante le infami sanzioni di USA e UE, certi Paesi non perdono il loro senso di solidarietà.

Il Venezuela bolivariano, ad esempio, colpito duramente dalle sanzioni inviò, 2 mesi fa, un carico di camion con ossigeno per la città brasiliana di Manaus, che ne aveva urgente bisogno per l'impennata dei contagi da Covid-19. E questo nonostante che, a presiedere il Brasile, ci sia un nemico giurato di Caracas, ovvero il fascio-liberista Jair Bolsonaro.

Oggi, a tal proposito, il presidente siriano Bashar Al-Asad ha ordinato la fornitura di 75 tonnellate di bombole di ossigeno al Libano, a sostegno del suo paese vicino nella lotta contro la pandemia.

Il ministro siriano della Salute, Hasan Al-Qobash, in una conferenza stampa tenutasi al termine di un incontro tenutosi con il suo omologo libanese, Hamad Hasan, ha indicato che seguendo la direttiva del presidente Bashar al-Asad, Damasco fornirà Beirut 75 tonnellate di bombole di ossigeno per coprire le esigenze sanitarie che sorgono negli ospedali del Libano, che sono in piena lotta contro la nuova pandemia da COVID-19.  

Secondo il ministro siriano, questo carico verrà spedito per un periodo di tre giorni, al ritmo di 25 tonnellate al giorno, in modo da non influire sulla fornitura del sistema di ossigeno ai centri sanitari della Siria.

Da parte sua, il ministro della Sanità libanese  ha rivolto parole di gratitudine al capo di stato siriano per aver consentito la fornitura di ossigeno alla sua nazione, affermando che questo gesto contribuirà a salvare il Libano dalla sofferenza di una tragedia umana salvando la vita a molti libanese.

"Dopo che gli ospedali in Libano hanno esaurito l'ossigeno, il Ministero della Salute siriano è stato contattato per rifornire il Libano e la risposta è stata la più rapida possibile", ha sottolineato.

Dopo aver commentato che in questo momento ci sono un migliaio di pazienti collegati ai ventilatori polmonari esistenti in tutti gli ospedali libanesi, Hasan si è lamentato che la quantità di ossigeno che il suo paese ha è sufficiente solo per coprire le esigenze di questo stesso giorno di Mercoledì.

"Nonostante la necessità e l'aumento della domanda di ossigeno in Siria, abbiamo ricevuto una risposta positiva, il che dimostra che puntare sui fratelli in crisi è una scommessa saggia" , ha concluso Hasan.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti