La minaccia (neanche tanto velata) del rappresentante Onu ucraino a Lavrov

La minaccia (neanche tanto velata) del rappresentante Onu ucraino a Lavrov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marinella Mondaini

Il rappresentante dell’Ucraina all’ONU, Sergej Kislic, ha minacciato di morte il ministro degli Esteri russo Lavrov, con un cinico messaggio: “Von Lavrov, il cui aereo Il-Iljuscin sta per decollare dall’aeroporto Kennedy, conclude la sua vacanza nel mondo libero più con un piagnucolio che con il botto. Il suo disco rotto sulla “Bucha è una messinscena” continua a risuonare sul grammofono di Mosca, mentre le sue lamentele contro i malvagi anglosassoni sono artritiche. Il Consiglio di Sicurezza, per quanto imperfetto possa essere, considererà comunque opportune le questioni portate alla sua attenzione. L’Il- l’Iljuscin ti aspetta! È inevitabile!”

Ieri Lavrov subito dopo la tragedia aveva chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’Onu per discutere dell’abbattimento dell’aereo russo Il-76 da parte dell’Ucraina. Ma la Francia ha rifiutato la richiesta della Russia. Come ha detto il primo vice rappresentante della Russia l’ONU, Dmitrij Poljanskij, la Francia ha scelto la strada dell’abuso dei suoi poteri di presidente del Consiglio di Sicurezza e rifiuta di soddisfare la nostra richiesta di una riunione urgente. Si è dichiarata d’accordo a farla solo alle 17.00 del 25, ovvero il 26, gennaio, ora di Mosca.

Così Parigi cerca di guadagnare tempo e dare a Kiev il modo e il tempo di trovare una spiegazione più o meno plausibile di quanto è accaduto”. Subito dopo l’abbattimento dell’aereo gli ucraini hanno mostrato un comportamento assai strano, prima hanno festeggiato la “vittoria” godendo della morte dei russi poi dopo diverse ore i messaggi sono stati o cancellati o modificati. Fino al farfugliamento di stanotte del narco-fürer che senza spiegare niente, chiede “ un’indagine internazionale sull’aereo caduto”

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti