La nuova carta delle élite occidentali: Ambientalismo e allarmi isterici sul clima

La nuova carta delle élite occidentali: Ambientalismo e allarmi isterici sul clima

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Rob Lyons*

Sì, il mondo si sta riscaldando e le emissioni di gas serra sono molto probabilmente la ragione più importante. Ma questo non significa che dovremmo andare d'accordo con l'idea folle di "zero emissioni nette".

Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha appena pubblicato la prima parte del suo sesto rapporto di valutazione, la prima valutazione del genere da sette anni. 

La risposta dei media mainstream è stata così prevedibile che sembrava che molti giornalisti scrivessero i loro articoli prima della sua pubblicazione, semplicemente dando un'occhiata al rapporto finale per aggiungere alcuni numeri che darebbero un tocco di rispettabilità al loro eco-hackeraggio. 

In una dichiarazione, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato con toni allarmanti: “L' odierno Rapporto del Gruppo di Lavoro 1 dell'IPCC è un codice rosso per l'umanità. I campanelli d'allarme sono assordanti e le prove sono inconfutabili: le emissioni di gas serra dovute alla combustione di combustibili fossili e alla deforestazione stanno soffocando il nostro pianeta e mettendo a rischio immediato miliardi di persone. Il riscaldamento globale sta interessando ogni regione della Terra, con molti dei cambiamenti che stanno diventando irreversibili. La soglia concordata a livello internazionale di 1,5 gradi Celsius è pericolosamente vicina."

Tuttavia, quella era una valutazione tranquilla rispetto a quella dell'editorialista delle questioni ambientali del Guardian, Damian Carrington: “ Come verdetto sui crimini climatici dell'umanità, il nuovo rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici non potrebbe essere più chiaro: colpevole da morire. Gli avvertimenti ripetutamente ignorati degli scienziati negli ultimi decenni sono diventati realtà. L'umanità, attraverso le sue azioni, o la mancanza di azione, ha inequivocabilmente surriscaldato il pianeta. Da nessuna parte sulla Terra si evitano temperature in aumento, inondazioni peggiori, incendi boschivi più caldi o siccità più brucianti."

Penserete che milioni di persone stiano morendo e che la vita sulla Terra stessa sia in pericolo. 

Non è vero. Questo è senza dubbio il momento migliore nella storia per essere vivi quando si tratta di essere in grado di vivere una lunga vita in relativo comfort. 

Sembra esserci spazio anche per lo scetticismo sulle previsioni dell'IPCC – per esempio, che danno troppo peso a scenari estremi e improbabili e quindi esagerano i rischi. 

Ma anche se prendiamo alla lettera le affermazioni dell'IPCC, un approccio più equilibrato potrebbe essere quello di riconoscere che lo sviluppo economico, alimentato da combustibili fossili a basso costo, ha permesso a miliardi di persone di vivere una vita sempre più sana e più ricca. 

Inoltre, abbiamo urgente bisogno di aiutare a sollevare altri miliardi dalla povertà in modo che abbiano un accesso affidabile a cibo, elettricità, servizi igienico-sanitari, assistenza sanitaria e istruzione. 

Tuttavia, le emissioni di anidride carbonica, metano e altri gas serra sembrano aver avuto l'effetto collaterale di rendere il mondo più caldo. Per alcune parti del mondo, il riscaldamento è stato vantaggioso, ma per il mondo nel suo insieme è probabile che abbia effetti negativi nel complesso, in particolare se tale riscaldamento risulta essere nella fascia alta delle stime. 

Se riuscissimo a trovare alternative flessibili ed economiche ai combustibili fossili, ciò contribuirebbe a limitare l'aumento delle temperature. E se possiamo evitare di bruciare cose, possiamo anche migliorare la qualità dell'aria. Ma se non riusciamo a trovare quelle nuove tecnologie e tecniche, allora, a conti fatti, i vantaggi dello sviluppo continuo che utilizza combustibili fossili potrebbero benissimo superare qualsiasi beneficio derivante da una rapida riduzione dell'uso di petrolio, carbone e gas. Una corretta analisi costi-benefici, priva di pregiudizi politici, sarebbe d'aiuto.

Cosa dovremmo fare invece? Potrebbe essere più efficace adattarsi a un mondo che si sta riscaldando o, più probabilmente, adottare un mix di politiche che riducano i gas serra laddove è relativamente facile farlo, dedicando le nostre energie a far fronte alle temperature più elevate. 

Ad esempio, le inondazioni e gli incendi in tutta Europa nelle ultime settimane hanno portato molti a concludere che questo è solo l'inizio di una catastrofe climatica. Ma mettere in atto misure preventive per evitare inondazioni e incendi, o per affrontarli rapidamente quando si verificano, ridurrà non solo il rischio di disastri legati al cambiamento climatico, ma di tutti i disastri, indipendentemente dalla causa. Allora perché non concentrarsi sullo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi per ridurre l'impatto dei disastri naturali piuttosto che spendere migliaia di miliardi per ridurre le emissioni?

In effetti, è quello che facciamo da tempo, da molto prima che il riscaldamento globale diventasse un grosso problema. Ecco perché le morti per disastri naturali sono diminuite drasticamente nell'ultimo secolo o giù di lì. Quindi, perché non continuare a farne la nostra priorità?

Coloro che chiedono di ridurre le emissioni a "zero" entro il 2050 farebbero bene a spiegare esattamente come intendono farlo. Anche se è un ipocrita da battere sul cambiamento climatico mentre vive uno stile di vita da miliardario con più jet privati, Bill Gates ha almeno la decenza nel suo recente libro di delineare quale enorme sfida sarebbe porre fine alle emissioni mantenendo standard di vita dignitosi . 

Non è semplicemente una questione di politici che sviluppano sufficiente "forza di volontà" per farlo. Sembra impossibile in una democrazia imporre il tipo di drastiche riduzioni degli standard di vita che sarebbero necessarie per raggiungere "zero emissioni nette" – motivo per cui così tanti eco-guerrieri vogliono ignorare del tutto gli elettori. 

Basta guardare l'onnipotente pasticcio in cui Boris Johnson è entrato in un solo aspetto, vietando le caldaie a gas nel Regno Unito, la cui scadenza è stata ora posticipata al 2040.

In realtà, politici e leader aziendali hanno colto al volo le preoccupazioni ambientali per darsi uno scopo, una storia che possono raccontarsi su come andare avanti in un momento in cui le economie sviluppate del mondo sono stagnanti e non hanno una visione ispiratrice per il futuro. 

Hanno passato 50 anni a sviluppare l'idea di "sostenibilità " per giustificare la propria esistenza, con frequenti profezie di sventura che vanno e vengono senza giungere a compimento.

Ad esempio, già nel 1992, l'ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore disse in un'intervista: “ Il compito di salvare l'ambiente terrestre diventerà il principio organizzativo centrale nel mondo del dopo Guerra Fredda. Senza una minaccia comunista a cui puntare e dire: " Beh, laggiù è anche peggio ", le élite occidentali hanno cercato un'altra Grande Idea e hanno deciso che l'ambientalismo è la cosa più vicina che hanno. Ecco perché continueranno a parlare di come abbiamo solo poche settimane/mesi/anni per evitare il disastro riorganizzando completamente la società intorno a principi ecologici.

In verità, le affermazioni surriscaldate sul "salvare il pianeta" riguardano in realtà le élite che si salvano da sole.

*Giornalista britannico specializzato in questioni scientifiche, ambientali e sanitarie. È l'autore di " Panic on a Plate: How Society Developed an Eating Disorder".

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti