La resistenza del Panjshir? Due persone che vogliono proseguimento della guerra

La resistenza del Panjshir? Due persone che vogliono proseguimento della guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le forze anti-talebane nel nord dell'Afghanistan sono una piccola seccatura che può essere risolta sia attraverso i colloqui che con la forza militare, ha spiegato un portavoce del movimento militare.

“Non è un grosso problema. Sono solo due uomini che vorrebbero continuare la guerra, Amrullah Saleh e Ahmad Massoud", ha riferito Zabihullah Mujahid ai media russi. 

Mujahid, che è stato nominato ministro dell'informazione nel governo insediato dai talebani, si riferiva alla cosiddetta resistenza del Panjshir nel nord del Paese.

La valle del Panjshir, un'area facilmente difendibile a circa 150 km (93 miglia) a nord di Kabul, è stata una roccaforte contro i talebani dopo aver preso il controllo di Kabul e di vaste aree del paese durante la guerra civile afgana negli anni '90. 

La resistenza era guidata da Ahmad Shah Massoud, un carismatico comandante della milizia che è salito alla ribalta come guerrigliero antisovietico appoggiato dagli Stati Uniti.

Ahmad Massoud è il figlio ed erede del venerato signore della guerra mujaheddin. 

Saleh, invece, era un membro della forza combattente di Shah Massoud, prima di fare carriera nel governo del presidente Hamid Karzai. Ha servito come vicepresidente nell'ormai deposto governo afghano ed è fuggito nel Panjshir durante la presa del potere da parte dei talebani, dichiarandosi presidente ad interim.

Il gruppo "Resistenza II" ha effettuato diversi attacchi dalla sua base la scorsa settimana, ma secondo quanto riferito le forze talebane li hanno respinti, riconquistando i distretti di Bano, Deh Saleh e Pul e-Hesar nella provincia di Baghlan, che confina con la provincia del Panjshir.

“Abbiamo ripetutamente invitato Ahmad Massoud, esortandolo a risolvere le nostre divergenze attraverso i negoziati. Non c'è bisogno di combattere. Non abbiamo avuto sue notizie", ha precisato l'ufficiale talebano Mujahid.

Ha aggiunto che il rifiuto non ha infastidito molto i miliziani, dal momento che hanno abbastanza forza militare "per tenere sotto controllo la situazione nella valle del Panjshir".

Massoud sta usando la leggendaria reputazione di suo padre e i contatti con i vecchi comandanti mujaheddin per raccogliere sostegno alla sua causa. Ha anche pubblicamente supplicato gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali, esortandole a fornire armi, munizioni e altro supporto alla sua milizia, impegnandosi a combattere contro i talebani. Ma la sua capacità di guadagnare slancio al di fuori della propria tribù e rappresentare una minaccia militare credibile per il movimento islamista rimane in forte dubbio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti