/ La Russia blocca l'inchiesta dell'ONU sugli attacchi chimici in S...

La Russia blocca l'inchiesta dell'ONU sugli attacchi chimici in Siria

 

La missione diplomatica russa all'ONU respinge e ritiene «profondamente deludenti» i risultati dell'indagine sugli attacchi chimici in Siria.


In una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC)  che si è tenuta ieri sul presunto attacco chimico registrato nel mese di aprile nella città siriana di Khan Shaykhun, il vice ambasciatore russo Vladimir Safronkov ha messo in discussione i metodi utilizzati dagli esperti e, inoltre, tutte le tue conclusioni sull'attacco.
 
"I risultati della vostra indagine sugli attacchi relativi all'uso di sostanze tossiche sono profondamente deludenti. Gli ordini sono stati eseguiti selettivamente e senza utilizzare l'arsenale completo di metodi e mezzi, che comprendono il campionamento, le interviste testimonianze e la raccolta di prove direttamente sul luogo dei fatti", ha affermato il diplomatico russo.
 
Con queste parole, il rappresentante russo ha respinto i risultati della relazione della missione congiunta dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) e le Nazioni Unite (ONU), in cui si accusa Damasco dell'attacco con armi chimiche.

 
Secondo Safronkov, Mosca propone di aumentare l'efficacia del meccanismo congiunto delle Nazioni Unite e l'OPCW -  noto come Jim, in modo da non diventare uno strumento per regolare i conti con le autorità siriane, secondo l'agenzia britannica Reuters.
 
Il 24 ottobre scorso, la Russia ha posto il veto alla risoluzione preparata dagli Stati Uniti. sull'estensione del mandato del JIM, che scade il prossimo 17 novembre.
 
Ora, dopo aver messo in dubbio la relazione degli esperti, Mosca ha proposto una risoluzione per estendere il meccanismo, ma introdurre importanti modifiche e rinunciare alle conclusioni finora raggiunte.
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa