La Russia con il sistema Lancet può abbattere tutti i droni

La Russia con il sistema Lancet può abbattere tutti i droni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia ha sviluppato un sistema per abbattere i droni nemici: si tratta del primo sistema al mondo capace di ‘collocare delle mine nell’aria’. Questi esplosivi così collocati sul campo di battaglia colpiscono e possono abbattere gli obiettivi nemici a partire dai tanto temuti droni. Ad annunciarlo è Alexander Zakharov, capo progettista del gruppo di società ZALA AERO (una sussidiaria di Kalashnikov), in un programma sul canale televisivo Rossiya 1.

Il nuovo sistema è basato sulle munizioni chiamate Lancet, un drone kamikaze sviluppato da ZALA AERO. "Puoi inviare queste munizioni al cielo e organizzare uno sminamento in aria per diverse dozzine di ore", spiega Zakharov, secondo quanto riporta l’agenzia TASS. 

I droni da combattimento di un potenziale nemico hanno velocità di circa 150 chilometri all'ora e Lancet è in grado di colpirli, dice il progettista. "Noi, con i nostri 300 chilometri orari li possiamo colpire facilmente”. 

Attualmente il sistema è in fase di test. Zakharov afferma che le munizioni Lancet possono essere sparate da un lanciatore terrestre, ma anche in movimento e persino dal mare. Il progettista ha sottolineato che ci sono stati diversi lanci da una nave e che tutti i dispositivi hanno funzionato con un'efficienza del cento per cento.

Il drone autoesplosivo da ricognizione e attacco è in grado di localizzare e distruggere autonomamente bersagli aerei, terrestri e acquatici. Oltre ad avere diversi tipi di guida e sistemi di coordinate supportati da mezzi optoelettronici e combinati, il drone è dotato di un canale di comunicazione televisivo che trasmette un'immagine del bersaglio, che gli consente di confermare la buona riuscita dell'impatto. Questo complesso è in grado di abbattere obiettivi in ??un raggio fino a 40 chilometri.

La guerra dei droni è appena iniziata. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo