La Russia concorda con l’OPEC+ una nuova riduzione delle esportazioni di petrolio

La Russia concorda con l’OPEC+ una nuova riduzione delle esportazioni di petrolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Giovedì scorso la Russia ha concordato con l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei loro alleati (OPEC+) un’ulteriore riduzione della fornitura di petrolio russo ai mercati internazionali.

"Sì, siamo d'accordo su questo, ma annunceremo i dettagli la prossima settimana", ha annunciato il vice primo ministro russo Alexander Novak in un incontro dei ministri con il presidente Vladimir Putin.

Il giorno prima Novak ha confermato che la Russia manterrà la riduzione delle sue esportazioni di petrolio a 300.000 barili al giorno a settembre. Inoltre, non ha escluso di estendere fino a ottobre l’ulteriore taglio volontario su cui lui e altri partner si sono impegnati.

"Vedremo. Ora stiamo seguendo la situazione e valutando il mercato insieme ai nostri colleghi di altri paesi. Partiremo da ciò che il mercato richiede", ha spiegato.

A marzo la Russia ha iniziato una riduzione volontaria della produzione di petrolio di 500.000 barili al giorno rispetto alla produzione media registrata a febbraio.

Il periodo di validità di questa riduzione è stato prolungato più volte. Questa politica energetica è stata prorogata ad aprile fino alla fine del 2023 e a giugno fino alla fine del 2024.

Su un argomento correlato, la CNBC ha pubblicato un articolo intitolato “Perché il mondo ha bisogno di più petrolio, non di meno” in cui il segretario dell’OPEC Haitham Al Ghais si è espresso a favore di politiche volte a mantenere la produzione di petrolio nei prossimi decenni.

"Cosa hanno in comune dentifricio, deodoranti, sapone, macchine fotografiche, computer, benzina, gasolio da riscaldamento, carburante per aerei, pneumatici per auto, lenti a contatto e arti artificiali? Se il petrolio sparisse oggi, questi e molti altri prodotti e servizi vitali che utilizzano petrolio o anche i suoi derivati ??svanirebbero. Le reti di trasporto si fermerebbero, le case potrebbero congelare, le catene di approvvigionamento crollerebbero e la povertà energetica aumenterebbe", ha avvertito.

Il segretario dell’OPEC sostiene che la transizione energetica necessaria per controllare il riscaldamento globale non sarà fattibile senza che il petrolio continui a soddisfare i crescenti bisogni delle società umane.

“La portata della sfida del cambiamento climatico è scoraggiante, ma soddisfare la crescente domanda mondiale di energia e mitigare il cambiamento climatico non deve necessariamente esistere nel vuoto o essere in conflitto tra loro. Piuttosto, il mondo dovrebbe agire per ridurre le emissioni e garantire che le persone hanno accesso ai prodotti e ai servizi di cui hanno bisogno per vivere comodamente", ha concluso Al Ghais.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti