La Russia distrugge un altro carro armato Abrams in Ucraina

La Russia distrugge un altro carro armato Abrams  in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le Forze armate ucraine hanno perso un altro carro armato Abrams nella zona di Avdeyevka, secondo quanto riferito dal Ministero della Difesa russo.

"[Nella direzione di Avdeyevka] il nemico ha perso fino a 95 soldati, tre carri armati, tra cui un Abrams di fabbricazione statunitense, due veicoli da combattimento di fanteria, nove veicoli, nonché due obici M777 di fabbricazione statunitense e due cannoni D-30", ha reso noto il dicastero di Mosca nel suo ultimo rapporto.

Le truppe russe hanno anche respinto in questa direzione sette contrattacchi dei gruppi d'assalto della 47esima, 53esima e 59esima brigata meccanizzata di Kiev nelle aree di diversi insediamenti della Repubblica Popolare di Donetsk.

Dall'inizio dell'operazione militare speciale, le forze russe hanno distrutto un totale di 15.629 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento.

Il Ministero ha riferito della distruzione del terzo carro armato Abrams il 6 marzo, sempre nella zona di Avdeyevka. È stato colpito da un singolo colpo. Il primo carro armato Abrams è stato distrutto dall'esercito russo il 27 febbraio nella stessa area, mentre il secondo è stato colpito all'inizio del mese da un drone kamikaze FPV Upyr di fabbricazione russa nei pressi del villaggio di Berdychi, nella Repubblica Popolare di Donetsk.

In precedenza, il 15 marzo, gli hacker del gruppo Beregini avevano pubblicato documenti delle Forze armate ucraine (AFU), che forniscono le circostanze della distruzione dei carri armati Abrams da parte dell'esercito russo. Per confermare il fatto della distruzione dei veicoli da combattimento, il gruppo ha deciso di presentare i documenti della 47a brigata meccanizzata separata delle truppe ucraine: quattro rapporti e un estratto dal registro di combattimento. 

In una conversazione con Izvestia, un esperto militare, il tenente colonnello in pensione dell'esercito statunitense Earl Rasmussen, ha affermato che i carri armati Abrams non possono modificare la situazione nella zona dell’operazione speciale. Ha espresso rammarico per il fatto che in uno dei casi elencati il carro armato statunitense non sia stato distrutto nemmeno da un missile ipersonico, ma da un normale drone.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti