/ "La sua vita è a rischio imminente". Deputati europei visitano in...

"La sua vita è a rischio imminente". Deputati europei visitano in carcere l'ex vicepresidente dell'Ecuador Glas

 

La vita dell’ex vice- presidente ecuadoriano Jorge Glas "corre un rischio imminente" nel carcere in cui è stato rinchiuso dopo una dubbia sentenza di corruzione fomentata dall’attacco politico del presidente Moreno contro tutti coloro politicamente legati a Rafael Correa.

 
L’euro-deputato di Izquierda Unida (UI) Manuel Pineda Marín ha visitato Glas lunedì 29 luglio nel Centro di riabilitazione sociale (CRS) Sierra Norte, situato nella città di Latacunga. Insieme a Henar Moreno, deputato spagnolo; e Maite Mola Sanz, vice presidente del GUE. Lo riporta Edgar Romero su RT oggi.

 
L'ex vice-presidente dello Stato è stato condannato a 6 anni di carcere nel 2017 per presunta associazione illecita al noto caso Odebrecht. Tuttavia, la sua sentenza non è ancora convalidata, mancando la revisione di un appello, che sarà fatto il prossimo settembre.

  
23 ore bloccato nel carcere
 
Il carcere di massima sicurezza Sierra Norte - afferma il deputato spagnolo - "è una prigione in cui ci sono rivolte praticamente ogni settimana". La più recente è stata registrata lo scorso lunedì 22 luglio, con un bilancio di due detenuti morti e un poliziotto ferito.

 
Glas è stato trasferito in questa prigione nell'ottobre dello scorso anno. Il governo ecuadoriano ha dichiarato, in una nota, che il cambio di locali era dovuto a "motivi di sicurezza", dopo la fuga dell'ex segretario alla comunicazione Fernando Alvarado Espinel, perseguito per aver rimosso un dispositivo elettronico di sorveglianza.  

 
"È una prigione complicata", dice Mola, riferendosi a CRS Sierra Norte. Si tratta di una prigione "favorevole alle rivolte sovraffollate, perché ci sono bande" e ritiene che "Glas sia un ostaggio particolarmente accattivante", che altri prigionieri possono usare per ricattare le autorità e ottenere le loro richieste.

 
"È l'ostaggio perfetto", afferma il deputato Moreno nella stessa linea, e specifica le condizioni della prigione: "Abbiamo visto una prigione che, come ci dicono, era prevista per circa 4.000 persone di capienza e ce ne erano quasi 6.000, quindi le condizioni sono sovraffollate ".

 
Secondo lui, "Glas è in condizioni chiaramente disumane perché è rinchiuso nella sua cella per 23 ore al giorno, può andarsene solo per un'ora". Il deputato ritiene che, in parte, "fa bene alla tua sicurezza, ma ha un altro effetto dannoso, perché l'essere umano è un essere sociale".
 

A ciò si aggiungono le minacce di morte che Glas avrebbe ricevuto. "Alcuni dei prigionieri hanno addirittura registrato un video con i coltelli in mano in cui annunciavano che lo avrebbero ucciso", afferma Pineda, riferendosi a un materiale audiovisivo che circolava sui social network.

 
La registrazione è stata archiviata dalle autorità. Il Ministro degli Interni, María Paula Romo, aveva dichiarato alla stampa: "Non ci sembra plausibile ciò che ci viene mostrato nel video da diverse cose: i colori delle pareti e il tipo di docce, non corrispondono al centro ".
 

Artrite cronica
 
Pineda afferma di aver visto Glas "tremendamente magro, a seguito dello sciopero della fame di 53 giorni che ha fatto", per protestare contro il trasferimento in quella prigione. Tuttavia, è stata sorpresa dalla "forza mentale, intellettuale e persino fisica dell'ex vicepresidente".


Tutti e tre concordano sul delicato stato di salute di Glas, che soffre di una forma cronica di artrite. "Mentre gli stanno dando il farmaco, uno degli effetti collaterali di quel farmaco è che riduce le sue difese", afferma Moreno. E Pineda aggiunge: "qualsiasi malattia che per noi possa essere facilmente superata, può causare a lui la morte". Secondo quanto riferito, nel centro di detenzione ci sono prigionieri con tubercolosi endemica, per esempio.
 

Il processo rapido contro Glas
 

Il processo contro Glas è iniziato nell'agosto 2017, poco più di due mesi dopo aver assunto la posizione di vice presidente con il presidente, Lenín Moreno, con il quale ha formato la coppia che ha vinto le elezioni.
 

Il 2 agosto di quell'anno, l'allora vicepresidente Glas ha emesso una dichiarazione in cui respingeva alcune misure adottate dal governo Moreno, come la consegna dell'amministrazione del settore elettrico agli oppositori e il controllo dei media pubblici ai rappresentanti dei media privati .
 

Il giorno dopo, Moreno, con un decreto, ha ritirato tutte le funzioni affidate a Glas come vice presidente; e il 21 agosto, l'attuale procuratore dell'Ecuador, Diana Salazar, che ha poi diretto l'unità Trasparenza e Anticorruzione dell'Ufficio del Procuratore Generale dello Stato, ha presentato le presunte prove contro l'ex vicepresidente.
 

Alla fine di agosto, la Corte nazionale di giustizia ha chiesto all'Assemblea nazionale (il Parlamento) la non immunità di Glas, che è stata accettata.
Alcuni giorni dopo, il giudice nazionale Miguel Jurado, su richiesta dell'allora procuratore Carlos Baca, ha emesso una misura precauzionale che vietava la partenza del paese dall'ex vicepresidente e il 2 ottobre lo ha cambiato in detenzione preventiva. Da allora, è stato arrestato.

 
Nei due mesi successivi è stato condotto il processo, che è culminato con una pena detentiva di 6 anni, dopo essere stato condannato il 13 dicembre di quell'anno.

 
"Irregolarità" nel processo
 

"È in prigione per un processo pieno di irregolarità", afferma Pineda, che sottolinea che "l'unica prova che hanno contro Glas è la dichiarazione di un rappresentante della società di Odebrecht, che è un corruttore", in riferimento all'imprenditore Il brasiliano José Conceição dos Santos Filho, che ha dichiarato di aver pagato tangenti per circa 16 milioni di dollari, attraverso lo zio dell'ex vice presidente Ricardo Rivera.


Oltre alla dichiarazione di Santos, che l'Ecuador ha deciso di non accusare, la Procura ha presentato trasferimenti bancari tra l'altro perseguiti nel caso Odebrecht e società offshore, elementi trovati nelle ispezioni di diversi indirizzi e uffici delle persone coinvolte; nonché informazioni ospitate su computer, memorie, denaro e telefoni cellulari. In un'intervista con l'immediato Ecuador, l'allora procuratore Baca ha riconosciuto che il denaro di Odebrecht non era stato trovato nei conti di Glas.
 

A ciò si aggiunge "che viene applicata la legislazione abrogata, intorno alla quale viene condannato a sei anni di carcere, quando la legislazione attuale gli consentirebbe solo cinque anni [...] e la detenzione preventiva non avrebbe potuto essere applicata", prosegue Pineda.
 

In effetti, Glas è stato perseguito con il codice penale del 1971, già abrogato e non con l'attuale codice penale organico globale (COIP).
 

In un documento sul caso, che hanno presentato dopo aver visitato Glas, il deputato cileno Hugo Gutiérrez Galvez e il giurista Rubén Jerez Atenas, lo hanno definito un "Frankenstein legale", perché, dicono, l'Assemblea ha approvato l'illegalità e la pressione preventiva dell'allora vice presidente ai sensi dell'articolo 370 del COIP, ma è stato processato e condannato con il codice penale del 1971.
"Tutto questo implica un attacco diretto alla Costituzione, che vieta l'applicazione di norme penali che non esistono", afferma il documento.
 

Petizione al Parlamento europeo


Con le informazioni raccolte, i tre politici europei prepareranno una relazione congiunta.


Pineda presenterà il documento al Parlamento europeo e proporrà l'uscita del paese sudamericano dell'Accordo commerciale multipartitico dell'Unione europea con Colombia, Perù ed Ecuador; accordo a cui Quito ha aderito nel novembre 2016.
Il deputato afferma che, tra i suoi articoli, l'accordo stabilisce il rispetto dei principi democratici e di quelli enunciati nella Dichiarazione universale dei diritti umani.


"Qui vengono violati i diritti dell'ex vicepresidente Jorge Glas e non solo di lui, vengono violati i diritti umani e politici dell'intero ambiente dell'ex presidente Rafael Correa (predecessore di Lenín Moreno)", afferma Pineda.
 

"Ovviamente, ciò che viene portato avanti qui è una persecuzione politica a cui vogliono dargli un aspetto legale", aggiunge l'eurodeputato, e ritiene che, come altri casi in America Latina, come Luiz Inacio Lula Da Silva, in Brasile, e Cristina Fernández de Kirchner, in Argentina, parla di "legge" o giudiziarizzazione della politica.
 

Mola, nel frattempo, ha detto che il suo Gruppo tradurrà il rapporto e lo invierà con l'obiettivo di "rompere il silenzio" su ciò che sta accadendo in Ecuador. Inoltre, realizzeranno un "piano d'azione" che prevede l'invio di osservatori da diversi paesi in Ecuador, in modo da sollecitare la risoluzione del caso Glas.
 

Il deputato Henar Moreno, nel frattempo, ha parlato di intraprendere una campagna di informazione e richiesta di solidarietà sotto due aspetti: quello legale, per "parlare con organizzazioni di avvocati e associazioni di avvocati professionisti [...] e provare a fare viaggi per vedere quale sono le condizioni dei processi in America Latina e, in particolare, in Ecuador "; e con le organizzazioni per i diritti umani, affinché vedano, non solo la situazione di Glas, ma di altre persone private della libertà nel paese.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa