L'agenda di Lavrov alle Nazioni Unite

L'agenda di Lavrov alle Nazioni Unite

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



RT

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, oggi, dovrebbe tenere un dibattito aperto ad alto livello del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su "Un multilateralismo efficace attraverso la difesa dei principi della Carta delle Nazioni Unite", uno degli eventi distintivi della presidenza russa.

Invece, domani, Lavrov dovrebbe presiedere una discussione sul Medio Oriente, alla quale parteciperà Tor Wennesland, coordinatore speciale per il processo di pace in Medio Oriente. L'incontro si concentrerà sulla stagnazione della risoluzione del conflitto israelo-palestinese e sull'escalation delle tensioni.

Il multilateralismo effettivo della Russia

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha ripetutamente discusso la Carta delle Nazioni Unite e il sistema multilaterale negli ultimi anni. Più recentemente un tale dibattito, intitolato "Nuovo orientamento per il multilateralismo riformato", si è svolto il 14 dicembre 2022, durante la presidenza del Consiglio di sicurezza indiano. In precedenza, la Cina ha sollevato la questione il 7 maggio 2021, organizzando un dibattito aperto su "Sostenere il multilateralismo e il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite".

Le idee di multipolarità e di un ordine mondiale più equo - in contrasto con il modello centrato sull'occidente - sono state formulate da Mosca e Pechino il 4 febbraio 2022. La dichiarazione congiunta russo-cinese aveva sottolineato che "il mondo sta attraversando cambiamenti epocali”, inclusa una "trasformazione dell'architettura di governance globale e dell'ordine mondiale". Il documento criticava specificamente le azioni di "alcuni attori che rappresentano solo una minoranza su scala internazionale" per aver preso decisioni unilaterali per affrontare questioni internazionali.

Rivolgendosi alla 77a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 24 settembre 2022, il ministro degli Esteri russo Lavrov aveva ribadito che il modello unipolare di sviluppo mondiale che ha servito gli interessi dell'Occidente - che per secoli ha accumulato la ricchezza del mondo a spese di Asia, Africa e l'America Latina – stava rapidamente diventando un ricordo del passato.

Successivamente, nell'ottobre 2022, Lavrov aveva dichiarato all'emittente del canale televisivo Rossiya-1 che la riforma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) è già in ritardo data la costante sottorappresentazione dei paesi in via di sviluppo. Secondo Lavrov, ben sette rappresentanti dell'Occidente collettivo partecipano alle riunioni di 15 membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, mentre i paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina sono stati cronicamente sottorappresentati nell'organismo per decenni.

Negli ultimi due anni, la Russia ha rafforzato la cooperazione con i paesi del Sud del mondo in mezzo alla crisi finanziaria e alimentare in corso. Prima di partecipare agli eventi distintivi dell'UNSC, Lavrov ha incontrato il suo omologo cinese Qin Gang a Samarcanda, in Uzbekistan, il 13 aprile 2023.

Durante una conferenza stampa dopo l'incontro, Lavrov ha affermato che Mosca sostiene la nuova Iniziativa di sicurezza globale e l’Iniziativa di civiltà globale di Pechino, difende la Carta delle Nazioni Unite, sostiene il principio dell'uguaglianza sovrana, sostiene un multilateralismo effettivo ed è pronta a compiere sforzi congiunti per proteggere la pace e la stabilità nella regione, nonché lo sviluppo sostenibile.

Successivamente, Lavrov ha intrapreso una visita di alto profilo di quattro giorni in quattro paesi del Sud e Centro America, visitando Brasile, Venezuela, Nicaragua e Cuba. L'offensiva del ministro degli Esteri russo ha portato a una serie di accordi in vari ambiti di cooperazione, ma è servita soprattutto a controbilanciare la politica e l'egemonia degli Stati Uniti, secondo gli osservatori internazionali.

L'America Latina non è più il "cortile" degli Stati Uniti, come spesso Washington cerca di dipingere: i paesi della regione hanno mantenuto legami più stretti con Russia e Cina nonostante il crescente malcontento dei fautori della Dottrina Monroe negli Stati Uniti. Inoltre, il Brasile e l'Argentina hanno apertamente discusso l'istituzione di una valuta comune per il Mercato comune meridionale della regione, comunemente noto con l'abbreviazione spagnola Mercosur. Allo stesso tempo, Brasile, Russia, Cina e altri partecipanti al club BRICS stanno valutando l'introduzione di una nuova valuta per il blocco delle nazioni in via di sviluppo e la de-dollarizzazione.


Il brutto gioco degli Stati Uniti con i visti per la delegazione russa

Nessuna delle mosse di Lavrov è passata inosservata agli Stati Uniti, che hanno lanciato una campagna diffamatoria contro la Russia sin dal primo giorno della presidenza di Mosca al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad aprile.

Gli alleati NATO di Washington in Europa, così come il loro sottomesso regime di Kiev, hanno cercato di mettere in dubbio il diritto sovrano della Russia a presiedere l'organismo internazionale, ma alla fine hanno dovuto riconciliarsi con le regole dell'organizzazione.

Tuttavia, in un apparente tentativo di colpire Mosca, gli Stati Uniti sono ricorsi all'elaborazione dei ritardi nel rilascio dei visti per il ministro degli Esteri Sergey Lavrov e i suoi associati per aver preso parte agli eventi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 24-25 aprile. Solo il 14 aprile gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare visti per la delegazione russa.

"Sì, ci hanno dato i visti, ma, come sempre, questo è stato fatto con un grave abuso della posizione del paese ospitante della sede delle Nazioni Unite. Hanno esitato a lungo, poi hanno rilasciato i visti, ma non per l'intera delegazione, alcuni dei nostri delegati  non erano sulla lista", ha lamentato Lavrov il 19 aprile, durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri venezuelano.

Tuttavia, Washington ha escluso i giornalisti russi che avrebbero dovuto coprire il lavoro dei rappresentanti della nazione nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti non hanno fornito alcuna spiegazione per questo provvedimento.

Commentando la decisione degli Stati Uniti di non fornire i visti ai giornalisti russi, Lavrov ha ricordato: "Sapevo che gli Stati Uniti sono famosi per queste cose, ma ero sicuro che questa volta sarebbe stato tutto diverso", definendo il comportamento di Washington a dir poco "brutto". "Non dimenticheremo, non perdoneremo", ha aggiunto Lavrov.


L'agenda della Russia durante la presidenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

Il programma del Consiglio di sicurezza russo per aprile prevedeva tre discussioni aperte. Uno di questi si è già svolto il 10 aprile ed è dedicato ai rischi derivanti da violazioni degli accordi che regolano l'esportazione di armi e materiale militare.

La Federazione Russa ha colto l'occasione per sollevare la questione dell'esportazione illecita e non regolamentata di armi mentre i membri occidentali delle Nazioni Unite hanno intensificato le consegne di armi pesanti a Kiev.

Izumi Nakamitsu, sottosegretario generale e alto rappresentante per gli affari del disarmo, ha sottolineato che qualsiasi trasferimento di armi e munizioni dovrebbe includere valutazione del rischio prima del trasferimento e controlli dopo la spedizione, che includono ispezioni in loco e verifiche dell'utente finale.

Da parte sua, Vasily Nebenzya, rappresentante permanente delle Nazioni Unite della Federazione Russa, ha richiamato l'attenzione sul fatto che la crisi in Ucraina è diventata una chiara dimostrazione del comportamento insincero e irresponsabile dei paesi occidentali nel controllo degli armamenti. In particolare, ha citato il fatto che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno esercitato pressioni su paesi terzi affinché aumentassero le forniture di armi all'Ucraina, in diretta violazione delle norme internazionali fondamentali. Ha anche richiamato l'attenzione sulla perdita di armi della NATO in Ucraina.

La presunta fuga di notizie dal Pentagono ha fatto luce sui tentativi degli Stati Uniti di costringere i suoi alleati e partner ad aumentare le forniture di armi all'Ucraina. Nel frattempo, il giornalista vincitore del Premio Pulitzer Seymour Hersh ha rivelato all'inizio di questa settimana in un'intervista ai media russi che l'Occidente è ben consapevole che le armi che consegnano all'Ucraina vengono vendute sul mercato nero, qualcosa che i media mainstream hanno cercato di mettere a tacere.

Tutto sommato, la presidenza russa è stata principalmente dedicata alle questioni relative al Sud del mondo. Il programma di aprile del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite comprendeva briefing sul lavoro della Missione di stabilizzazione integrata multidimensionale delle Nazioni Unite in Mali (MINUSMA) e sulla missione delle Nazioni Unite in Colombia. Una serie di altri briefing di aprile si sono concentrati sullo Yemen, il deterioramento della situazione della sicurezza nella regione dei Grandi Laghi in Africa, la Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL), la Missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) e l'Ufficio integrato delle Nazioni Unite ad Haiti (BINUH).


Chi incontrerà Lavrov a margine dell'UNSC?

Sergey Lavrov ha invitato i capi dei dipartimenti per gli affari esteri, il Dipartimento di Stato e altri a prendere parte agli incontri che presiederà tra oggi e domani.

Non è ancora chiaro se il ministro degli Esteri russo incontrerà il segretario di Stato americano Antony Blinken. I due si sono incontrati brevemente a margine della riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Nuova Delhi mentre le tensioni tra Mosca e Washington erano alte.

Ieri, il ministero degli Esteri russo ha chiarito che non ci sono piani per un incontro tra Lavrov e Blinken presso la sede delle Nazioni Unite a New York City.

"In generale, al momento non abbiamo un'agenda con gli americani per discutere a livello ministeriale", ha detto ai giornalisti il viceministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

In precedenza, il rappresentante permanente della Russia all'Onu Nebenzya non aveva escluso che i due potessero incontrarsi a margine degli eventi del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Inoltre, quando il 7 aprile gli è stato chiesto se avesse intenzione di incontrare Blinken durante il suo viaggio a New York, Lavrov ha osservato che la Russia non rifiuta mai serie proposte di negoziato. Cinque giorni prima, il ministero degli Esteri russo aveva detto a Sputnik che Blinken aveva fatto una telefonata a Lavrov ma non aveva fornito ulteriori dettagli.

Washington sembra essere preoccupata sia per la crescente attività della Russia nel Sud del mondo sia per l'accelerato riavvicinamento tra Russia e Cina, a seguito delle mosse provocatorie dell'amministrazione Biden contro i due attori globali.

In precedenza, è stato riferito che l'amministrazione Biden sta cercando di riprendere il dialogo con la leadership cinese dopo aver annullato la visita di Antony Blinken nella Repubblica popolare per lo scandalo dei palloncini "spia". Secondo la stampa occidentale, Pechino sta attualmente trattando con freddezza gli alti funzionari statunitensi evitando un impegno ad alto livello.

Nel frattempo, Nebenzya ha rivelato che, oggi, molto probabilmente Lavrov terrà un incontro con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a New York.

"Sappiamo per certo che il ministro [degli Affari esteri Sergey Lavrov] incontrerà [il segretario generale delle Nazioni Unite] Antonio Guterres lunedì, con di molte domande e argomenti di discussione che si sono accumulati", ha detto Nebenzya a un'emittente russa la settimana scorsa.


Traduzione de l'AntiDiplomatico

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti