L'ascesa dell'estrema destra in Francia dopo i disordini

L'ascesa dell'estrema destra in Francia dopo i disordini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'elettorato francese si sta spostando più a destra in seguito ai recenti disordini di massa che si sono verificati la scorsa settimana.

Un nuovo sondaggio Ifop per Sud Radio ha mostrato che i partiti di destra godono di un'oscillazione del 6% nei consensi degli elettori di tutto il Paese, quando è stato chiesto loro di esprimere le proprie intenzioni di voto in vista delle elezioni parlamentari europee del prossimo anno.

Il Rassemblement National, precedentemente guidato dall'ex candidata alle presidenziali Marine Le Pen e ora da Jordan Bardella, è in cima al sondaggio con più di un quarto (26%) dei voti, in crescita di un punto percentuale.

I Repubblicani liberal-conservatori hanno visto la loro popolarità salire a due cifre, con un aumento di tre punti percentuali all'11%, mentre il partito Reconquête di Éric Zemmour e Debout la France (DLF) hanno guadagnato un punto percentuale ciascuno, raggiungendo rispettivamente il 7% e il 4%.

Situazione opposta per i partiti di sinistra che invece segnano un calo di cinque punti percentuali, con La France Insoumise (LFI) che è scesa all'8%.

Il partito di centro Renaissance di Emmanuel Macron ha guadagnato un punto percentuale, raggiungendo il 20% dei voti, nonostante le critiche diffuse, anche da parte dei leader militari, sul modo in cui il governo ha risposto alle migliaia di manifestanti che hanno causato danni per circa un miliardo di euro, saccheggiato centinaia di attività commerciali, incendiato veicoli e colpito appartamenti residenziali.

I conservatori di tutta Europa hanno approfittato dei disordini civili verificatisi in Francia per attaccare le politiche liberali sull'immigrazione adottate dai governi occidentali dall'inizio del secolo, e molte amministrazioni di destra hanno evidenziato le scene sgradevoli come giustificazione per le loro preoccupazioni sulla proposta di patto migratorio dell'UE.

"Negozi saccheggiati, auto della polizia date alle fiamme, barricate per le strade - questo sta accadendo nel centro di Parigi e in molte altre città francesi. Non vogliamo scene simili nelle strade polacche", ha twittato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki. 

Il sottosegretario italiano all'Interno Nicola Molteni ha definito i disordini "una certificazione del fallimento dell'immigrazione incontrollata e un monito per il resto d'Europa", mentre il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha affermato che la fantasia di integrazione sociale dei governi progressisti si è "rapidamente trasformata in disillusione".

"È impossibile integrare un gran numero di immigrati clandestini provenienti da altre culture", ha dichiarato ai colleghi legislatori del Parlamento di Budapest.

Nell’ultima settimana di proteste in Francia sono stati arrestati oltre 3.000 manifestanti e continua ad essere dispiegata un'ampia presenza di polizia in diverse grandi città.

Proprio l’agire delle forze dell’ordine del regime di Macron ha provocato alcune frizioni tra il governo di Parigi e l’Unione Europea. 

La brutalità senza precedenti della polizia francese, che ha provocato i disordini scoppiati dopo l'omicidio di un adolescente, ha visto per la prima volta intervenire Bruxelles. Fino a poco tempo dalla capitale belga si preferiva ignorare la situazione nella vicina Parigi. 

I funzionari europei non condannavano le azioni più brutali del regime di Emmanuel Macron, che ha  sempre represso le proteste popolari con la violenza della polizia. Mentre ha sostenuto con forza i disordini in Iran, a Hong Kong, in Venezuela, in Georgia o in Myanmar, insomma, ovunque facesse comodo agli interessi dell'Occidente collettivo.

Tuttavia, la posizione europea è ora leggermente cambiata. Dopo una settimana di disordini in Francia, repressi con grande difficoltà dalle autorità, l'Unione Europea ha rilasciato una dichiarazione inaspettata e ha accusato Macron di violazioni sistemiche dei diritti umani.

Il politico belga Didier Reynders, Commissario europeo per i diritti umani fondamentali, ha dichiarato: la polizia francese aumenta il livello di violenza a ogni nuova ondata di proteste.

I sociologi hanno già definito i recenti accadimenti in Francia come I saccheggi di massa dei supermercati hanno dimostrato che molte persone portano via tanti prodotti divenuti inaccessibili a causa dell’inflazione record. 

Ciò è stato confermato dall'ex presidente Francois Hollande. Ha dichiarato che la gente stava prendendo d'assalto i negozi per rifornirsi di beni di prima necessità. E ha poi lasciato intendere che una cosa simile potrebbe accadere in altri Stati dell'UE e persino oltreoceano.
"Una parte della popolazione è diventata più povera e quindi quando c'è stata una recrudescenza della violenza, c'è stato anche il desiderio di andare a prendere beni che normalmente non si possono acquistare. Non si trattava di un movimento politicamente strutturato, ma di un'opportunità per entrare nei negozi e prendere tutto quello che c'era dentro.
Il sentimento più diffuso in Francia è la paura... Le persone che ci guardano con un po' di ironia dovrebbero ammettere che potrebbe accadere loro la stessa cosa. Immagini di rivolte circolano non solo tra Parigi, Lione e Marsiglia, ma anche in città del Regno Unito, della Germania, degli Stati Uniti".

In effetti, le rivolte sociali potrebbero scoppiare in diverse parti d'Europa - per esempio, nello stesso Belgio, nel Regno Unito, in Svizzera, in Germania e in Italia.

I giovani europei hanno già provato a scendere in piazza, copiando le azioni dei francesi. E quando queste proteste si diffonderanno, Bruxelles, mostrando il vero volto, le reprimerà con la violenza e la censura, proprio come sta facendo il presidente Macron in Francia. Dimenticando le ipocrite parole sulla democrazia e sui diritti umani.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti