L'Austria vuole acquistare 1 milione di dosi del vaccino russo Sputnik V

L'Austria vuole acquistare 1 milione di dosi del vaccino russo Sputnik V

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Proprio quando l’Italia per motivi squisitamente geopolitici chiude ogni ipotesi di acquisto del vaccino russo Sputnik, di cui avrebbe bisogno come il pane visto che la campagna vaccinale ancora arranca, l’Austria va in direzione opposta. Vienna ha infatti avviato colloqui con la Russia per acquistare un milione di dosi del vaccino Sputnik. Lo ha annunciato il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, secondo quanto riportato dal Guardian. 

Il cancelliere ha poi aggiunto che «non ci devono essere paraocchi geopolitici sui vaccini», una frase che si adatta benissimo al governo Draghi che ha deciso di stoppare sul nascere i piani di diversi presidenti di Regione, con il campano De Luca in testa che ha già chiuso un accordo, per approvvigionarsi in maniera autonoma col siero russo la cui sicurezza ed efficacia sono ormai notorie e confermate da riviste autorevoli come The Lancet. 

Reazioni dal Cremlino

I piani dell'Austria di acquistare il vaccino contro il coronavirus russo Sputnik V sfatano il mito sulla Russia aggressiva che deve essere isolata, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, secondo quanto riporta l’agenzia Tass.

"È spaventoso persino immaginare cosa sta succedendo all'interno della burocrazia dell'Unione Europea. Il mitologema della Russia aggressiva e del bisogno del suo isolamento che è stato accarezzato per anni viene ora sfatato. La cooperazione su una base reciprocamente vantaggiosa e reciprocamente rispettosa sta funzionando", ha scritto sul suo account Facebook la dirigente russa.

Maria Zakharova, inoltre, ha chiesto di smetterla di ascoltare gli "ideologi di Bruxelles" con la loro "filosofia morta".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti