Lavrov afferma che la conferenza svizzera sull'Ucraina è "una strada che non porta da nessuna parte"

Lavrov afferma che la conferenza svizzera sull'Ucraina è "una strada che non porta da nessuna parte"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Tenere una conferenza sull'Ucraina in Svizzera è una "strada che non porta da nessuna parte", poiché Mosca non ritiene che l'Occidente sia sinceramente pronto a impegnarsi in negoziati equi, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov coe riporta l'agenzia TASS.

"Che questa sia una strada verso il nulla, per usare un eufemismo, è evidente a qualsiasi normale osservatore politico. Ieri, il presidente russo Vladimir Vladimirovich Putin ha nuovamente chiarito e reso comprensibile la nostra posizione durante l'incontro con Alexander Grigoryevich Lukashenko. Non ho nulla da aggiungere. Non vediamo alcun desiderio a Kiev o da parte dei suoi padroni di condurre gli affari in modo equo", ha affermato il diplomatico di punta in una conferenza stampa dopo la riunione del Consiglio dei ministri degli Esteri della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) a Minsk.

"Invece di un dialogo diretto senza ultimatum, l'Occidente sta imponendo il cosiddetto processo di Copenaghen, pianificando una conferenza in Svizzera, dove, è stato esplicitamente dichiarato, vogliono formulare e finalizzare i famigerati 10 punti della formula di pace del [presidente ucraino Vladimir] Zelensky e poi presentarla alla Russia".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti