Lavrov alla giornalista CNN: "Qualcuno di voi è stato in Donbass?"

Lavrov alla giornalista CNN: "Qualcuno di voi è stato in Donbass?"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha incontrato oggi il suo omologo della Repubblica popolare di Lugansk, Vladislav Deinego, e il primo viceministro degli esteri della Repubblica popolare di Donetsk, Sergei Peresada.

In una conferenza stampa successiva all'incontro, Lavrov ha dichiarato che l'operazione che Mosca sta portando avanti in Ucraina da ieri mattina presto è stata provocata dalle stesse autorità ucraine. In particolare, ha accusato il presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, di aver sprecato tutte le possibilità di negoziazione.

Allo stesso modo, il ministro degli Esteri russo ha accusato Kiev di aver compiuto un "genocidio" nel Donbass e ha criticato la politica linguistica dell'Ucraina, che, ha ricordato, viola i diritti degli ucraini di lingua russa.

"Le democrazie che lo sostengono accettano il divieto di una lingua parlata da un gran numero di persone e l'educazione in quella lingua?", ha chiesto a un giornalista.

Dopo la risposta di un corrispondente che gli chiedeva di non usare "eufemismi" e sosteneva che non si trattava di una "operazione militare speciale", ma piuttosto di "una conquista militare su larga scala" , Lavrov ha ribadito che "nessuno occuperà l'Ucraina " .

"Affinché non ci siano eufemismi, vogliamo che il popolo ucraino sia in grado di definire il proprio futuro", ha affermato il ministro.

"Gli obiettivi dell'operazione sono stati dichiarati apertamente: smilitarizzazione e denazificazione ", ha ripetuto il capo della diplomazia russa.

Allo stesso modo, il ministro degli Esteri ha respinto come false le dichiarazioni del presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, sulla sua volontà di negoziare uno status neutrale per il suo Paese.

"Semplicemente non sta dicendo la verità al momento. Sta semplicemente mentendo quando dice di essere pronto a discutere dello status di neutralità", ha rivelato Lavrov, aggiungendo che i negoziati con Kiev riprenderanno dopo il ripristino di "un regime democratico ."

"Qualcuno della CNN è stato nel Donbass?"

Al termine della conferenza stampa, Lavrov ha replicato a un giornalista della CNN che ha partecipato in videoconferenza da Kiev.

"Perché nessun giornalista occidentale ha coperto ciò che sta accadendo sulla linea di contatto controllata dal governo ucraino in Donbass per tutti questi otto anni? E ancora di più, se ora sono inorriditi da ciò che sta accadendo a Kiev, qualcuno della CNN è stato nel Donbass?" sono e domande che ha posto Lavrov..

"Ha visto le scuole distrutte, ha visto donne che trasportavano bambini uccisi, hai visto una spiaggia per bambini bombardata? Qualcuno ha mai visitato quel posto?".

Zelensky

Il presidente ucraino Vladimir Zelenski ha affermato venerdì che l'Ucraina ha bisogno di "una coalizione contro la guerra" per esercitare pressioni sulla Russia e raggiungere così un possibile negoziato.

Attraverso il suo account Twitter, il presidente ha assicurato di aver parlato con il suo omologo polacco, Andrzej Duda, e di aver concluso che la Polonia e le altre nazioni del gruppo Bucarest Nove potrebbero assistere l'Ucraina fornendo "aiuti alla difesa, sanzioni [e] pressioni sull'aggressore ".

"Insieme dobbiamo mettere la Russia al tavolo dei negoziati. Serve una coalizione contro la guerra", ha aggiunto.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti