/ Le alture del Golan, ultima avventura di Trump e jolly elettorale...

Le alture del Golan, ultima avventura di Trump e jolly elettorale di Netanyahu

 

Netanyahu vuole vincere le elezioni e Donald Trump vuole sviare l'attenzione dai suoi problemi interni. Per fare questo, hanno deciso di violare il diritto internazionale e prendersi gioco delle Nazioni Unite stabilendo che le alture del Golan appartengono a Israele.

Segue l'editoriale di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.
 
Lo stesso giorno in cui la Siria ha convocato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per denunciare il riconoscimento da parte degli Stati Uniti delle alture del Golan come territorio israeliano, l'aviazione sionista ha bombardato presunte installazioni iraniane ad Aleppo. La via più probabile era attraverso la Giordania, l'Iraq e il territorio delle forze democratiche siriane.
 
Questo evento, per stare lontano dall'aneddotica, è un altro esempio del disprezzo che entrambi, gli americani e gli israeliani, hanno nei confronti della comunità internazionale e della sovranità delle nazioni.
 
La decisione di Donald Trump di riconoscere il territorio occupato del Golan come parte di Israele è una violazione del diritto internazionale e delle molteplici risoluzioni delle Nazioni Unite da oltre mezzo secolo. Esso rappresenta anche un attacco contro un la minoranza drusa nella regione che è e mette in pericolo 1.600 truppe dalla Missione delle Nazioni Unite (UNODOF) sulle alture del Golan, lì per garantire la stabilità di una zona contesa.
 
La Risoluzione delle Nazioni Unite 497 del 1981, ratificata nuovamente nel 2008, conferma che il Golan Occupato è territorio siriano e non israeliano e che le leggi, la giurisdizione e l'amministrazione israeliana dei territori occupati non hanno alcun effetto legale. Nella stessa risoluzione, le Nazioni Unite hanno affermato che l'occupazione di quei territori è inammissibile.
 
L'occupazione del Golan impedisce a migliaia di siriani di tornare alle loro case. Almeno 140.000 sono stati costretti a lasciare le loro località perdendo lo status di cittadini per diventare sfollati interni. La maggior parte del territorio occupato del Golan è stato distrutto dalle forze israeliane e rimane così da 52 anni con circa 40 insediamenti illegali.
 
Israele e Stati Uniti Stanno violando la legge internazionale con totale impunità ... ma come al solito, Questa non è una nuova dinamica che sorprende qualcuno.
 
Nei colloqui di pace a Madrid nel 1991, Israele ha dimostrato la sua intransigenza rifiutando la richiesta di restituzione del territorio occupato. Così gli israeliani hanno sfidato i rappresentanti siriani e le Nazioni Unite, che con le risoluzioni 242 (1967), 338 (1973) e 407 (1981) chiedono vhe lo stato sionista cessi di occupare il territorio della Siria meridionale.
 
Israele è un paese antidemocratico, suprematista, espansionista e pericoloso per la sicurezza internazionale. Il suo totale disdegno verso qualsiasi corpo che non è complice dei suoi crimini, incluso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è molto più pericoloso di quanto possa sembrare all'inizio. Il peggior killer è colui che sa che è impunito.
 
La prima mossa è stata di dichiarare Gerusalemme come capitale di Israele, è ora la volta di annettere il Golan, e stanno prendendo in considerazione l'annessione della Cisgiordania. Dobbiamo capire che, quando si parla di questi problemi, non ci riferiamo a una zona senza significato. Parliamo del patrimonio storico e culturale e della vita di migliaia di civili. Israele, semplicemente, non rispetta la vita, la cultura o la storia.
 
Se oggi ci sembra terribile la ripartiizone dell'Africa, nel Medio Oriente di oggi si soffre ancora la sfortunata pianificazione Sykes-Picott, dovrebbero tremare i polsi quando sentiamo come gli israeliani vogliono reinventare i confini in modo da non avere epiteti per spiegarlo.
 
Stati Uniti e Israele hanno cercato di frammentare la Siria per anni e con decenni di distruzione della Palestina. Cosa ci fa pensare che si fermeranno qui?
 
Il 28 marzo 2019 le Nazioni Unite hanno mostrato il rifiuto della decisione del megalomane Donald Trump, che agisce come se fosse il padrone del mondo, in gran parte perché la comunità internazionale lo consente.
 
Solo Israele e Stati Uniti sostengono l'annessione del Golan occupato.
Anche i 28 paesi dell'Unione europea hanno fatto una dichiarazione congiunta dal Consiglio europeo in cui non riconoscono il Golan come parte di Israele, che lo occupa dal 1967, dopo la guerra dei sei giorni.
 
È il contesto della Guerra dei Sei Giorni, l'unghia infuocata che i sionisti alla quale si aggrappano per giustificare l'occupazione dei territori. Tuttavia, l'ex consigliere del ministero degli Esteri israeliano Robbie Sabel spiega che "in una guerra difensiva non è possibile conquistare i territori dell'altro paese".
 
La stessa legislazione internazionale vieta di prendere i territori del nemico. Applicando la logica israeliana di un bisogno pseudo-divino di espandersi, non dovrebbe esserci alcun problema nel modo in cui Hitler ha agito con la Cecoslovacchia e la Polonia.
 
Bashar al-Jaafari è stato chiaro alle Nazioni Unite: la risoluzione illegale degli Stati Uniti è un altro gesto della tendenza di voler costantemente umiliare l'ONU. Stanno guidando il mondo all'unica soluzione di un confronto violento.
 
Ciò che Netanyahu considera una risoluzione storica, secondo la Siria e il mondo, non è altro che un attacco e una vergogna. Ma è chiaro, il 9 aprile ci sono elezioni in Israele e Netanyahu ha tutti contro ed è colpito da casi di corruzione. Ecco perché ha bisogno di gettare nel mondo questo tipo di gesti di spavalderia e arroganza. Inoltre, non è male per lui ricordare ai cittadini americani per i quali l''establishment' del loro paese governa davvero.
 
Per questo motivo, non è stato Israele ma gli Stati Uniti che per prima delle Nazioni Unite ha chiesto alla Russia di fare pressione sul suo alleato siriano per ritirare (con la scusa di Hezbollah) le sue truppe dalla linea che separa il territorio occupato dal territorio controllato dalla Siria. Perché sì, i "poliziotti del mondo" sanno che possono permettersi di dire ai paesi sovrani cosa dovrebbero fare o non fare.
 
Colpisce il modo in cui la Casa Bianca ora si preoccupa della presenza di Hezbollah nel sud della Siria. Colpire per non usare una qualifica peggiore quando si verifica come per anni le forze israeliane e al-Qaeda abbiano vissuto nello stesso confine in modo "esemplare"; non solo facilitando il traffico di armi, ma fornendo anche cure mediche ai ribelli feriti in combattimento.
 
Non ci si può aspettare di meno da un paese che ha avuto come ministro della Difesa Moshe Ya'alon, che preferisce la presenza in Siria dello Stato islamico prima di quella iraniana. È il caso di ricordare al lettore che Ya'alon è lo stesso che, nel tentativo di vincere la presidenza è stata presentata alle elezioni israeliane del 9 aprile.
 
Decisioni come l'annessione delle alture del Golan, con la complicità della popolazione israeliana, mostrano la putrefazione di una società basta sulla colonizzazione, l'odio e la costante paranoia. La stessa società che ora discute di annessione anche in Cisgiordania.
 
La logica sionista in Siria è la stessa applicata in Palestina. Per prima cosa colonizzano un territorio, poi spostano la popolazione locale e alla fine la fanno propria. Nel processo, riscrivono la storia a loro piacimento.
 
Ecco perché oggi non è raro vedere ferventi sionisti negare l'esistenza della Palestina. Quanto è necessario in questi casi ricordare che le stesse organizzazioni sioniste che oggi negano l'esistenza della Palestina, parlarono meno di 100 anni fa della Palestina.
 
Ora, da Washington, considerano parte di Israele un territorio la cui popolazione si è incontrata solo di recente al confine per mostrare il loro sostegno alla Siria e la sua lealtà a Bashar al-Assad. I meno di 50.000 ebrei che vivono nel territorio occupato sono semplici coloni provenienti dall'esterno in un tentativo israeliano di espansione.
 
Il Golan è l'ultimo tentativo di Netanyahu di rimanere al potere, l'esempio della servilismo americano a Israele e un gesto di disprezzo nei confronti della comunità internazionale. Quindi cercheranno di convincerci che la Corea del Nord, l'Iran e la Russia sono la minaccia alla coesistenza delle nazioni.
 
Fonte: Rt
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa