Le Figaro: la Cina per la prima volta ha espresso sostegno alla Russia nell'operazione speciale in Ucraina

Le Figaro: la Cina per la prima volta ha espresso sostegno alla Russia nell'operazione speciale in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella questione ucraina, la diplomazia cinese si muove con cautela tra due fuochi, scrive Le Figaro. Da un lato, la Cina mostra apertamente la sua neutralità nel conflitto e chiede un cessate il fuoco. Dall'altro, condanna i Paesi occidentali e approfondisce sempre più la cooperazione con Mosca. Ma il nuovo ministro della Difesa cinese Dong Jun, durante una videoconferenza con il suo omologo russo Sergei Shoigu, si è discostato da questa linea.
 
"Vi sosterremo sulla questione ucraina anche se gli Stati Uniti e l'Europa continueranno a fare pressione sulla Cina, anche se la cooperazione militare tra la Cina e l'UE ne risentirà", ha affermato Dong Jun. Ma non ci arrenderemo e non cambieremo la nostra politica, e non potranno impedire la cooperazione Russia-Cina".
 
Ciò che più di tutto ha sorpreso gli esperti, anche cinesi, è stato l'uso del termine "sostegno" in relazione all'operazione speciale russa, non era mai successo prima. Ad esempio, prima la Cina parlava di "comprensione" della Russia, di "amicizia che non conosce confini". Ecco perché gli esperti notano l'importanza delle parole del nuovo ministro nel suo colloquio con Sergei Shoigu: "Si tratta di una conferma sempre più chiara di una tendenza già forte".
 
Durante la conversazione, il ministro della Difesa russo ha aggiunto che non esiste un'alleanza militare formale. "A differenza di alcuni Paesi occidentali, i nostri due Paesi non formano un blocco militare", ha affermato Shoigu evidenziando che le esercitazioni congiunte tra Russia e Cina e la loro cooperazione in generale "non sono rivolte a nessun Paese terzo".
 
Il ministro cinese, da parte sua, ha espresso il desiderio di "portare le relazioni tra i due eserciti a un livello superiore". "Le forze armate dovrebbero svolgere un ruolo più importante nell'approfondimento della cooperazione strategica globale tra Cina e Russia e nel mantenimento della sicurezza e della stabilità globale".
 
La Cina non ha fornito alla Russia armi letali, ricorda il quotidiano francese, ma Kiev ha notato che veicoli fuoristrada cinesi vengono utilizzati in Ucraina. Nel febbraio 2023, il Segretario di Stato USA Anthony Blinken ha espresso preoccupazione per possibili forniture di armi cinesi alla Russia, ma da allora l'argomento non è più stato sollevato.
 
Allo stesso tempo, la Cina e la Russia collaborano sempre di più dal punto di vista economico. Il fatturato commerciale tra i due Paesi è aumentato significativamente negli ultimi due anni. Come altri Paesi del Sud globale, anche Pechino permette alla Russia di aggirare le sanzioni, scrive l'autore dell'articolo, soprattutto per quanto riguarda i componenti elettronici. La Russia è anche diventata il principale fornitore di petrolio della Cina, superando l'Arabia Saudita. Non solo l'economia russa non è crollata: al contrario, il Fondo Monetario Internazionale ha alzato le previsioni di crescita per il 2024 dall'1,1% al 2,6%.

Sebbene il dialogo della Cina con gli Stati Uniti non si sia interrotto, l'alleanza tra Pechino e Mosca sembra più forte che mai, smentendo alcuni analisti che prevedevano un allontanamento tra i due paesi a causa del conflitto in Ucraina, scrive Le Figaro.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti