L'Analisi/Le nemesi della NATO. Russia e Cina aiutano i suoi stati membri n...

Le nemesi della NATO. Russia e Cina aiutano i suoi stati membri nella pandemia di Covid-19 molto più della stessa alleanza

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Segue articolo di George Szamuely, ricercatore presso il Global Policy Institute (Londra) e autore di Bombs for Peace: la guerra umanitaria della NATO in Jugoslavia. Account Twitter  @GeorgeSzamuely
 
 
La NATO, lottando per giustificare la sua esistenza, ha trovato un nuovo ruolo per se stessa - come combattente infaticabile contro la pandemia di Covid-19. Ma finora, ha contribuito in modo significativo a questa lotta rispetto ai suoi presunti rivali.
 
Durante una riunione dei ministri degli Esteri della NATO, tenutasi all'inizio di questo mese in una videoconferenza sicura, il segretario generale Jens Stoltenberg ha dichiarato : “La NATO è stata creata per far fronte alle crisi. Quindi possiamo aiutare e la nostra Alleanza sta facendo la sua parte." La NATO è sul pezzo. Ma cosa stava facendo esattamente? Qui Stoltenberg è stato vago: apparentemente la NATO avrebbe offerto " aiuti logistici, di trasporto e medici " agli stati membri che combattono la pandemia.
 
La Russia e la Cina hanno ovviamente fornito "logistica, trasporti e assistenza medica " in tutto il mondo per settimane, ma la NATO fa sembrare come se stesse facendo qualcosa da sola e si precipita a prendersi il merito per gli aiuti che in realtà non hanno nulla da fare con l'alleanza. 
 
Il 30 marzo, un aereo cargo cinese è atterrato nella Repubblica Ceca per consegnare respiratori e maschere facciali. " Questo è stato il terzo volo di trasporto di questo tipo dalla Cina alla Repubblica Ceca ... ai sensi della Strategic Airlift International Solution supportata dalla NATO ", ha annunciato con orgoglio la NATO . Quindi, la Cina consegna attrezzature mediche e la NATO ne prende il merito?
 
Recentemente, lo stato membro della NATO, la Turchia, avrebbe dovuto fornire forniture mediche agli stati membri della NATO, Spagna e Italia. Ancora una volta la NATO si è affrettata a prendersi il merito. Stoltenberg era “orgoglioso di vedere gli alleati della NATO sostenersi a vicenda attraverso il nostro centro di soccorso in caso di calamità."Comprensibilmente, Stoltenberg non ha risposto alla denuncia della Spagna secondo cui la Turchia aveva sequestrato centinaia di ventilatori e attrezzature sanitarie che la Spagna aveva già pagato. Secondo quanto riferito, i ventilatori erano stati fabbricati in Turchia per conto di un'azienda spagnola che acquistava i componenti dalla Cina. Successivamente, la Turchia ha ordinato a tutti i produttori nazionali di mascherine di produrre esclusivamente per lo stato turco.
 
La mancanza di cooperazione tra gli stati membri della NATO è diventata endemica. Negli Stati Uniti, l'amministrazione Trump ha ordinato alla società di attrezzature sanitarie 3M di smettere di esportare maschere respiratorie N95 in Canada e America Latina. In risposta, Justin Trudeau, il primo ministro canadese ha minacciato ritorsioni : “Abbiamo un numero enorme di prodotti essenziali per gli Stati Uniti nella loro lotta contro Covid-19."
 
Nel frattempo, la Germania ha accusato gli Stati Uniti di impegnarsi nella "pirateria moderna " deviando a Bangkok, in Thailandia, 200.000 mascherine destinati alla Germania. La Francia si è lamentato anche quando gli Stati Uniti hanno sequestrato una spedizione di maschere destinate alla Francia dalla Cina. "Le mascherine erano su un aereo all'aeroporto di Shanghai ... quando gli acquirenti statunitensi si sono presentati e offerto tre volte quello che stavano pagando le loro controparti francesi ", ha riferito il Guardian .
 
La Germania, a sua volta, aveva inizialmente vietato l'esportazione di maschere mediche e altri dispositivi di protezione in Italia. Sebbene la Germania alla fine abbia ceduto, non vi è stato alcun affidamento sulla richiesta della Spagna, dell'Italia e della Francia di dividere il debito con il coronavirus sotto forma di Coronabond. Il rifiuto della Germania ha fatto infuriare così tanto gli italiani, che un gruppo di sindaci e politici italiani hanno acquistatouna pagina nella Frankfurter Allgemeine Zeitung per ricordare alla Germania che non era stato costretto a ripagare i suoi debiti dopo la seconda guerra mondiale.
 
In netto contrasto con la riluttanza degli Stati membri della NATO a fare molto gli uni per gli altri, Cina e Russia hanno fornito aiuti in tutto il mondo, compresi i paesi della NATO. La Russia ha inviato maschere e ventilatori negli Stati Uniti; e ventilatori, attrezzature mediche e virologi militari ed epidemiologi in Italia. La Russia ha anche inviato kit di test del coronavirus in Iran, Corea del Nord e Venezuela, nonché nelle ex repubbliche dell'URSS come Armenia, Azerbaigian e Bielorussia. La Russia ha anche inviato medici militari e specialisti in virologia ed epidemiologia in Serbia.
 
Anche la Cina è stata protagonista. Ha inviato kit di test del coronavirus nonché ventilatori, maschere e medici in Italia; kit di test per la Spagna; e maschere in Olanda. Ha anche fornito kit di test del coronavirus in Palestina e aiuti in Cambogia e Malesia.
 
 
La NATO è ormai inutile come nelle crisi del 2008 e del 2015 
 
Contrariamente a quanto sostiene Stoltenberg, la caratteristica più sorprendente della crisi del coronavirus è l'assenza di un contributo della NATO alla sua soluzione. Le pandemie sono antiche quanto l'umanità. Prima o poi, qualcosa come Covid-19 era destinato a venire. Tuttavia, nonostante tutte le risorse che la NATO aveva consumato nel corso degli anni, non ha intrapreso alcuna pianificazione di emergenza per una possibile pandemia o un attacco con armi biologiche. Le sue strutture militari, le decantate strutture di comando e le costanti esercitazioni militari sono inutili oggi come lo erano nel 2015, quando l'Europa dovette affrontare la sua ultima grave crisi.
 
Naturalmente, è stata la stessa NATO a scatenare la crisi migratoria del 2015. Il suo intervento sconsiderato per rovesciare il governo della Libia Muammar al-Gheddafi ha gettato nel caos il paese precedentemente stabile del Nord Africa e ha causato il massiccio flusso di migranti in Europa. La stessa sequenza seguì il successivo intervento delle principali potenze della NATO nella guerra civile in Siria.
 
Nel 2015 gli europei si sono svegliati scoprendo non solo che il loro problema di sicurezza più urgente non era la Russia, l'Ucraina e la Crimea (preoccupazione ossessiva della NATO), ma le frontiere aperte dell'Europa, un problema che la NATO non aveva fatto nulla per affrontare e, peggio, si era aggravato alimentando instabilità alla periferia dell'Europa. Eppure la NATO non ha fornito spiegazioni sul perché i confini dell'Europa fossero rimasti così porosi per decenni. Allo stesso modo, di fronte a una serie di attacchi terroristici in Europa nel 2015, la NATO non è stata in grado di spiegare perché, dopo aver presumibilmente combattuto il terrorismo per la parte migliore di due decenni, abbia fatto così poco per proteggere l'Europa dal flagello del terrorismo.
 
In un discorso pronunciato a Wellington, in Nuova Zelanda, il 5 agosto 2019, pochi mesi prima dell'epidemia di Covid-19, Stoltenberg aveva dichiarato che la più grande sfida che l'Occidente doveva affrontare era "una maggiore competizione tra grandi potenze " e che " un più assertivo La Russia sta mettendo sotto pressione l'ordine basato sulle regole."
 
La Russia era ovunque, una minaccia per tutti, "cercando di intromettersi e minare la fiducia nelle istituzioni democratiche ". E poi c'è stata " l'ascesa della Cina." Cina e Russia, aveva avvertito Stoltenberg," rappresentano sfide per tutti noi, sia alleati della NATO che ... molti altri paesi. ”
Quindi eccolo. Pochi mesi prima dell'inizio di una pandemia globale, le cui ramificazioni piene possiamo oggi appena comprendere, la NATO stava esprimendo allarme sulla Russia e sulla Cina, le due potenze che hanno fatto molto di più per aiutare i paesi della NATO durante questa pandemia rispetto alla stessa NATO ha fatto.
 
Nel frattempo, l'Europa e gli Stati Uniti si preparano a una catastrofe economica che ridurrà la crisi del 2008 di diversi ordini di grandezza. Il contributo della NATO alla risoluzione di tale crisi sarà inutile quanto il suo contributo alla risoluzione della crisi del 2008. Cosa sarà? Chiederà agli Stati membri di non lesinare sui loro contributi a un'organizzazione di sicurezza da cui non traggono sicurezza.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa