/ Le tensioni commerciali con gli USA hanno spinto la Cina, solo qu...

Le tensioni commerciali con gli USA hanno spinto la Cina, solo quest'anno, ad acquistare oltre 100 tonnellate di oro

 

Le tensioni commerciali e il rallentamento economico motivano la domanda destinata a crescere, secondo gli esperti consultati dal portale Bloomberg.


La Banca popolare cinese ha aumentato le sue riserve auree lo scorso mese, raggiungendo 62,64 milioni di once (1.957 tonnellate). Gli investimenti cinesi in oro quest'anno ammontano a oltre 100 tonnellate.
 
Il prezzo dell'oro ha segnato il massimo in sei anni lo scorso settembre, tra il rallentamento economico, la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti e il calo dei tassi di interesse da parte delle banche centrali dei principali paesi.
 
È probabile che gli acquisti di oro continueranno, poiché la politica di protezionismo e le preoccupazioni geopolitiche motivano l'aumento della domanda, afferma Suki Cooper, analista dei metalli preziosi presso Standard Chartered Bank.
 
"Dati i rapporti tesi con gli Stati Uniti, la Cina ha bisogno di protezione contro le sue grandi riserve in dollari e l'oro svolge questa funzione", ha spiegato l'economista bancario oltremare cinese Howie Lee a Bloomberg.
 
"Poiché la Cina sta diventando una superpotenza in sé, mi aspetto più acquisti di oro", ha affermato.
 
Le tensioni commerciali e l'incertezza nei mercati hanno gettato le basi per un aumento degli acquisti di oro da parte delle banche centrali.
Nella prima metà dell'anno, le banche centrali hanno acquisito 374,1 tonnellate di oro, portando la domanda totale a un massimo di tre anni, secondo il World Gold Council. La Russia è stata un altro importante acquirente di oro, essendo il leader mondiale nell'acquisizione di metallo prezioso l'anno scorso.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa