L'embargo statunitense ha privato l'Iran di oltre 100 miliardi di dollari

L'embargo statunitense ha privato l'Iran di oltre 100 miliardi di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Per il ministro del petrolio iraniano Javad Oji la stabilità e la continuità della sicurezza energetica nel mondo necessiti di un "approccio non politico al mercato petrolifero", denunciando che l'embargo statunitense ha privato l'Iran di oltre 100 miliardi di dollari di entrate petrolifere.

Oji ha proseguito, ieri, nel suo discorso durante la sua prima partecipazione all'incontro “OPEC Plus”: “L'ingiusto embargo statunitense ha portato a privare l'Iran della produzione di un miliardo e 800 milioni di barili di petrolio, e di oltre 100 miliardi di dollari di ricavi petroliferi, durante il periodo che va dall'aprile 2018 al 2021, in un momento in cui avevamo urgente bisogno di provvedere alle necessità e ai bisogni del Paese, compresa la lotta alla pandemia".

Ha aggiunto che l'imposizione di misure di embargo illegali e unilaterali da parte degli Stati Uniti su due dei membri fondatori dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio è contraria ai principi e alle leggi internazionali.

Il ministro iraniano ha, inoltre, sottolineato che l'Iran, in quanto uno dei membri fondatori dell'OPEC, e nonostante le pressioni esercitate contro di esso a causa dell'ingiusto embargo, "ha sempre sostenuto il principio di cooperazione nell'alleanza OPEC Plus, e ha dimostrato il proprio impegno a i principi e gli obiettivi di questa cooperazione."

Sugli effetti della pandemia , Oji ha ricordato che "l'OPEC Plus", nonostante tutte le difficoltà degli ultimi due anni a causa della pandemia, è stata in grado di aderire ai suoi principi e obiettivi comuni e ha continuato il suo movimento congiunto in affrontare le sfide dei mercati petroliferi globali, ribadendo che "l'Iran è pronto ad aumentare la produzione di petrolio al più alto livello possibile, una volta revocato l'embargo unilaterale degli Stati Uniti per compensare le sue enormi perdite".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO