/ "Li stiamo armando da anni": cosa nascondono le mezze verità sul ...

"Li stiamo armando da anni": cosa nascondono le mezze verità sul Ghouta orientale?

 

Mentre i media occidentali abbondano nelle accuse contro Damasco a Mosca, i gruppi armati radicali che operano nel Ghouta orientale, che per anni sono stati armati dall'occidente, sono "curiosamente assenti" nei loro reportage.


Mentre il Ghouta orientale, sobborgo di Damasco, è stato teatro di scontri armati dall'inizio della guerra alla Siria, nelle scorse settimane luogo è diventato il principale centro di attenzione della comunità internazionale, a causa del grave deterioramento del situazione umanitaria in quest'area controllata dai terroristi e assediata dalle forze governative.
 
Lunedì scorso, due giorni dopo l'adozione della risoluzione 2401 da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nel Ghouta orientale è stata dichiarata una tregua umanitaria lanciata dal presidente russo Vladimir Putin. Daieri, ogni giorno dalle 9:00 alle 14:00, viene aperto un corridoio umanitario affinché i civili possano lasciare l'area. I terroristi, a loro volta, sono stati rapidi nel cercare di contrastare la tregua, lanciando attacchi di mortaio su questa rotta per cercare di prevenire l'evacuazione.


 
Mentre tentano di alleviare la grave situazione dove i civili sono intrappolati nell'enclave, nello spazio dei media le accuse contro Damasco e Mosca, spesso basate su notizie false, continuano ad abbondare, mentre l'altra parte del conflitto, i veri colpevoli della tragedia, sono appena citati nei commenti. Cosa succede realmente nel Ghouta orientale e perché alcune persone preferiscono mettere a tacere una parte della verità?
 
Evoluzione del conflitto
 
Il Ghouta orientale è un sobborgo di Damasco e fa parte dell'oasi di Ghouta, che circonda la capitale siriana e costituisce la sua cintura agricola. Prima dell'inizio della guerra contava circa 2,2 milioni di abitanti; ora la sua popolazione non raggiunge i 400.000.
 
Nel 2011, il Ghouta orientale è stato occupato da diversi gruppi armati di opposizione. Dopo gli scontri interni, il territorio passò sotto il controllo del Fronte di Nusra e di Yeish al Islam. Nella primavera del 2013, le truppe governative circondarono l'enclave, ma non riuscirono a riconquistarlo. La forma principale di confronto in questi ultimi anni è stata uno scambio di attacchi con mortai e tentativi di avvicinarsi al nemico attraverso tunnel sotterranei e passaggi tra gli edifici distrutti.
 
Nel maggio 2017, l'area è stata inclusa nell'elenco delle zone demilitarizzate creato nel quadro dell'accordo firmato nel maggio 2017 tra i garanti del regime di cessate il fuoco in Siria: Russia, Iran e Turchia.
 
Nonostante i tentativi di mitigare la situazione, gli scontri sono peggiorati alcune settimane fa, quindi a metà febbraio la situazione umanitaria nell'area era già sull'orlo della catastrofe.
 
Il 19 febbraio scorso, il portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq ha affermato che le informazioni sul Ghouta oriental dal 15 febbraio parlano di numerose vittime tra i civili per gli attacchi delle truppe governative.
 
"Nello stesso periodo di tempo, 36 colpi di mortaio e razzi sono finiti nei quartieri della città di Damasco e nei sobborghi, causando morti e feriti tra i civili", ha riferito il portavoce. Il 20 febbraio scorso i terroristi hanno lanciato un massiccio attacco alla periferia di Damasco, provocando una risposta dell'esercito siriano.
 
False notizie
 
Da quello stesso giorno, nei media occidentali sono iniziate a circolare "cifre fantasiose sulle vittime civili nel Ghouta", scrive l'analista militare Yevgueni Krútikov in un articolo pubblicato sul quotidiano 'Vzgliad'.
 
"Quanto meno si sentono a proprio agio i jihadisti, tanto maggiore è l'escalation dell'isteria", aggiunge l'autore. "Lo stesso scenario di propaganda che ha accompagnato l'operazione delle truppe del governo siriano ad Aleppo si ripete", conclude Krútikov.
 
Lo stesso rappresentante permanente della Russia prima dell'ONU, Vasili Nebenzia, ha già denunciato la scorsa settimana una "guerra dell'informazione" sulla situazione nel Ghouta orientale.
 
Secondo Nebenzia, i membri dei Caschi Bianchi lavorano in quest'area, che cooperano con i terroristi e servono come fonte di "disinformazione ben pagata". Il diplomatico ha criticato il fatto che, secondo la visione che hanno presentato, "nel Ghouta orientale ci sono solo ospedali contro i quali combatte il governo siriano", mentre la presenza di "parecchie migliaia di milizie che non hanno accettato la riconciliazione" è qualcosa su cui si tace.
 
L'esperienza di Aleppo
 
A sua volta, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha suggerito la scorsa settimana che in questa zona "potrebbe essere usata la pratica usata ad Aleppo per raggiungere accordi con i terroristi per un'uscita organizzata".
 
 

 
Lavrov ha indicato che un'evacuazione medica avrebbe potuto essere concordata in diverse occasioni, ma gli sforzi successivi per evacuare i civili "hanno affrontato il rifiuto del Fronte al Nusra, che vuole mantenere queste persone come scudi umano.
"
 
Il ministro russo ha sottolineato che il Fronte al Nusra "non è semplicemente lì, ma attacca costantemente obiettivi civili, inclusi i quartieri residenziali di Damasco". L'ambasciata e l'edificio dell'ufficio commerciale russo, ad esempio, sono stati attaccati più volte.
 
Tuttavia, il commento di Lavrov su Aleppo è stato presentato "come un avvertimento che il Ghouta sarebbe stato distrutto", ha denunciato il corrispondente del quotidiano britannico 'The Independent' e storico reporter di guerra Robert Fisk.
 
Il giornalista britannico ricorda che "i russi, insieme ai siriani, hanno passato molti mesi a cercare di organizzare la partenza dei civili da Aleppo est prima che fosse riconquistata".
 
"C'è stato davvero un esodo di innocenti, dove ai miliziani è stato anche permesso di andarsene", ricorda Fisk, spiegando che Lavrov si stava riferendo al raggiungimento di un accordo simile con i gruppi armati del Ghouta.
 
"Non mostrano tutta la verità"
 
Nel frattempo, continua Fisk, un altro elemento della situazione nel Ghouta orientale che sembra che "non dovrebbe essere trattato, parlato, menzionato, riferito o addirittura riconosciuto" dai media occidentali è quello dei "ribelli" / "terroristi" / " Islamisti "/" opposizione armata "". E questo, nonostante il fatto che i combattenti del Fronte Nusra nell'area "facciano parte del movimento originale di Al Qaeda, che nel 2001 ha commesso crimini contro l'umanità negli Stati Uniti e che sono stati disposti a cooperare nella maggior parte le occasioni con lo Stato islamico in Siria ".
 
"Questi gruppi armati sono stranamente assenti quando esprimiamo il nostro oltraggio per la carneficina del Ghouta", ha denunciato Fisk.
 
Non ci sono giornalisti occidentali che li intervistano, "perché questi difensori del Ghouta ci taglierebbero la testa se provassimo o addirittura osassimo entrare nel sobborgo assediato". E nelle immagini che si ottengono, "incredibilmente", non si vede nemmeno un solo uomo armato.
 
"Questo non significa che i corpi dei feriti o morti o insanguinati non sono reali o che si tratta di un video falso. Ma è chiaro che le registrazioni non mostrano tutta la verità", secondo il reporter.
 
"Le immagini del Ghouta, come quasi tutte le immagini di Aleppo est, non contengono una singola cornice di riconoscimento dell'esistenza di questi uomini armati". Né sono menzionati nei commenti sulla sofferenza dei civili, ad eccezione del termine "controllato dai ribelli".
 
"Allora, chi ha ucciso in 24 ore fa malte sei civili, lasciando altri 28 feriti nel centro di Damasco, controllato dal governo?", Si chiede Fisk. "Sono stati uccisi dai fantasmi?" Insiste.
 
"Li stiamo armando da anni"
 
Allo stesso tempo, il giornalista britannico denuncia l'ipocrisia della posizione occidentale di fronte a questa tragedia.
 
"Come possiamo lamentarci quando non abbiamo a che fare con l'opposizione islamista armata ad Al Assad (in questo momento non sto parlando dell'ISIS), né proviamo ad essere d'accordo sul nostro cessate il fuoco, anche con l'aiuto della Russia?" si chiede ancora il corrispondente "Dopotutto, stiamo armando queste persone da anni!", Ricorda Fisk.
 
"Ma no, non faremo nulla del genere, e poi ci torceremo le mani con una crescente ipocrisia e un'esagerazione sempre più imbarazzante", sottolinea l'autore.
 
"Scenario di Aleppo" e "isterismo propagandistico"
 
Secondo Fisk, la chiave per porre fine a questa situazione risiede nella "capacità di aprire una qualche forma di contatto immediato tra gli assalitori armati e gli attaccanti armati". Allo stesso tempo, crede che "l'assedio di Ghouta continuerà fino alla sua resa e alla sua evacuazione".
 
Nel frattempo, Krútikov stima che l'operazione sia pianificata secondo lo "scenario di Aleppo", in cui il corridoio umanitario sarà assicurato dalle forze russe, mentre l'espulsione dei terroristi dalle loro posizioni potrebbe richiedere fino a due mesi. "E tutto questo sarà accompagnato da un'enorme propaganda di isteria nei media occidentali", avverte l'autore.
 
Per gli Stati Uniti e la NATO "non ha senso" supportare il Fronte Nusra e altri gruppi, secondo le stime dell'analista.
 
"È fatto esclusivamente con l'obiettivo di fermare l'avanzata delle truppe governative, dal momento che la liberazione del Ghouta sarà un successo politico militare importante quanto la liberazione di Aleppo in quel momento", ha concluso l'esperto.
 
 
Fonte: RT - The Independent - https://vz.ru/
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa