Libano alla fame. Ecco dove sono finiti 2 miliardi di dollari

Libano alla fame. Ecco dove sono finiti 2 miliardi di dollari

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il rappresentante socialista svizzero Fabien Molina ha dichiarato che i fondi arrivati ??nel suo paese dal Libano dopo il 2016 sono aumentati di circa 2 miliardi di dollari.

Fabian ritiene che questo aumento confermi l'esistenza di un cambiamento nei rapporti bancari tra Libano e Svizzera, secondo quanto riportato dal sito libanese "Al-Nashra"

Per quanto riguarda il legame tra questo denaro e le indagini intorno a certe personalità all'interno del Libano, il rappresentante svizzero ha chiarito che il pubblico ministero del suo paese lo ha confermato dopo che la stampa ha fatto trapelare questa notizia.

Ma Fabian ha aggiunto: "Ma fino ad ora non c'è alcuna conferma che il denaro sia entrato in Svizzera da fonti illegali".

Riguardo al congelamento delle somme dal conto del governatore della Banque du Liban, Riad Salameh, Fabian ha risposto di non poter confermare ciò, indicando che la stampa ha riferito il congelamento dell'importo di 400 milioni di dollari dal conto di Riad Salameh.

Tuttavia, il rappresentante svizzero ha chiarito che "il congelamento dei conti del governatore della Banque du Liban è possibile", spiegando: "Perché le autorità svizzere sono obbligate a fare tutto il necessario per garantire che il denaro non possa essere contrabbandato durante il periodo dell'inchiesta."

È interessante notare che Fabian quanto aveva dichiarato al sito "Daraj": Per più di un anno, ho esercitato pressioni politiche per fermare le operazioni finanziarie sospette relative al Libano. Ero a Beirut nel novembre 2019, ho assistito alle manifestazioni e so come i libanesi soffrono per la corruzione e il furto dei loro soldi. Non si tratta solo delle informazioni che abbiamo ricevuto sul trasferimento di miliardi di dollari in Svizzera. Era chiaro a tutti coloro che volevano vederlo, che c'è un grosso problema ".

Ha sottolineato che" il governo svizzero avrebbe potuto porre fine a questa questione, ma non ci è riuscito ", ricordando che" aveva già ricevuto una richiesta delle autorità libanesi - era una pratica molto disorganizzata e mancava di molti dei dati - ma a prescindere, era in grado di fare qualcosa al riguardo, ma non l'ha fatto. Penso che le cose qui siano cambiate radicalmente dopo l'attentato del 4 agosto. Quello che sappiamo ora è che il suo conto è stato congelato per 400 milioni di dollari ".

La scorsa settimana, il ministro della Giustizia del governo provvisorio libanese, Marie-Claude Negm, ha dichiarato di aver ricevuto una richiesta di collaborazione dalle autorità giudiziarie svizzere in merito alla fornitura di assistenza legale in merito al fascicolo dei trasferimenti finanziari del governatore della Banca Centrale del Libano, Riad Salameh.

Riad Salameh ha replicato negando le accuse, precisando di "essere impegnato nel rispetto delle leggi libanesi e internazionali applicabili, e collabora con tutti coloro che sono preoccupati per il Libano e la sua situazione finanziaria e bancaria in patria e all'estero".

Salameh ha aggiunto: "Il governatore rassicura che tutte le accuse su presunti trasferimenti finanziari che ha fatto all'estero, sia a suo nome, a nome di suo fratello o in nome della sua assistenza, sono invenzioni e false notizie che non hanno alcun fondamento e volontà. Sarà oggetto di procedimento giudiziario chiunque le pubblichi e le diffonda con l'intenzione di continuare a offendere, quindi è necessario un chiarimento. "

È interessante notare che l'audit forense dei conti della Banca centrale costituisce gli elementi più importanti del piano di ripresa economica è stato approvato dal governo per negoziare con il Fondo monetario internazionale prima del fallimento di tali negoziati, ed è stato anche incluso nelle disposizioni della roadmap elaborata dalla Francia per aiutare il Libano a uscire dal collasso economico.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile di Giuseppe Masala Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Più sanità pubblica quando la rivendichiamo? di Antonio Di Siena Più sanità pubblica quando la rivendichiamo?

Più sanità pubblica quando la rivendichiamo?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti