Libano, Governatore della Banca centrale indagato per riciclaggio di milioni di dollari in Svizzera

Libano, Governatore della Banca centrale indagato per riciclaggio di milioni di dollari in Svizzera

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il quotidiano svizzero "Le Temps" ha rivelato il contenuto della richiesta presentata dal procuratore svizzero il 27 novembre 2020 alla magistratura libanese in merito alle indagini su trasferimenti sospetti su conti in banche svizzere avvenute tramite la Banca centrale del Libano che si ritiene siano risultanti riciclaggio di denaro.

Secondo questa richiesta di 16 pagine, l'Ufficio svizzero per il riciclaggio di denaro ha analizzato migliaia di documenti e dati e monitorato il trasferimento di importi superiori a 326 milioni di dollari attribuiti al governatore della Banque du Liban, Riad Salameh e suo fratello Raja. 

Questi trasferimenti sono avvenuti tramite un accordo firmato nell'aprile 2002 tra Riad Salameh, in qualità di governatore della Banque du Liban, e suo fratello Raja, in quanto proprietario della Forry Associates Ltd, registrata a Tortola, Isole Vergini, e con sede a Beirut, attraverso le quali sono avvenuti i trasferimenti. L'indagine svizzera ritiene che questi trasferimenti sono commissioni di sottoscrizione dalla vendita di obbligazioni del Tesoro ed Eurobond, che sono arrivate sul conto di Forry Associates Ltd presso la HSBC Private Bank a Ginevra, e da questo conto è stato trasferito un importo di $ 248 milioni sul conto privato di Rajaa Salameh nella stessa banca.

Banche libanesi che beneficiano di trasferimenti di sicurezza

L'inchiesta svizzera aggiunge che 207 milioni di dollari sono stati trasferiti dai conti di Raja Salame a Ginevra a 5 istituzioni libanesi: Bank “Med”, “Egypt and Lebanon” Bank, “Credit Libani”, Bank “Audi” e Bank “Saradar”. per questi non sono stati chiariti i trasferimenti.

Nei dettagli delle attività del governatore della Banque du Liban e di suo fratello Raja in Svizzera, l'indagine rivela che Riad Salameh ha diversi conti in banche svizzere, in particolare nella banca Julius Baer a Zurigo, che la magistratura svizzera ha preso a decisione di congelare.

L'inchiesta aggiunge che nel 2008 Riad Salameh ha aperto un conto nella stessa banca, Julius Baer, ??e ha trasferito $ 153 milioni da esso alla Bank Audi a Beirut. Caratteristiche e punti insoliti oltre che poco chiari. Il motivo è che Riad Salameh ha eseguito questo accordo con una firma individuale per un conto affiliato a Banque du Liban.

Nelle indagini, la Julius Baer Bank ha ammesso di non poter chiarire la natura di questo accordo in base al quale tale importo è stato trasferito a Bank Audi, in altre parole, questa banca non ha informazioni sul fatto che ci fosse un accordo in primo luogo, e il pubblico ministero svizzero ha concluso che questo accordo "è stato organizzato in modo che non possano esserci registrazioni contabili".

Congelamento dei conti di sicurezza

Inoltre, il quotidiano svizzero ha riferito che Riad Salameh, è figura occupa una posizione sensibile che richiede uno stretto controllo da parte delle banche svizzere ai sensi dell'articolo 6 della legge federale sul riciclaggio di denaro (LBA).

Il pubblico ministero stima che la scoperta "dei beni di Riad Salameh a un importo stimato di 50 milioni di dollari in banche in Svizzera".

Oltre ai suoi conti presso la Julius Bayer Bank, Riad Salameh ha aperto un altro conto presso la banca UBS nell'aprile 2012 e nel giro di 4 anni ha trasferito un importo di 7,5 milioni di dollari, dal conto di Salameh presso la Banque du Liban per l'acquisto di obbligazioni.

Nel 2016, Salameh ha aperto un altro conto presso Credit Suisse e trasferito $ 4,15 milioni dal suo conto presso la Banque du Liban, e nel 2018 ha ripetuto lo stesso scenario con Pictet Bank a Ginevra, quando ha aperto un conto con due milioni di euro e ha aggiunto a lo stesso giorno, 3 milioni di euro, sempre dai suoi conti in Libano.

Secondo il quotidiano svizzero, Pictet Bank è stata quella che ha informato le autorità giudiziarie svizzere di questo trasferimento, a seguito di articoli pubblicati a Beirut sull'attività di Riad Salameh. Di conseguenza, le autorità svizzere hanno congelato questo conto e congelato altri conti in Credit Suisse e UBS .

Salama Real Estate Investments

Le autorità svizzere sospettano che Riad Salameh abbia acquisito proprietà immobiliari in Svizzera attraverso due società con sede a Ginevra: la prima è Company (S), che è una società per azioni registrata nell'ottobre 2010 ed è gestita da un membro della famiglia del Governatore e da un avvocato di Ginevra, e la seconda è la Compagnia Rossa. Attraverso Riad Salameh è riuscito ad acquisire quote di proprietà immobiliari nella città vecchia di Ginevra. Salameh possiede un edificio in affitto del valore di 10 milioni di franchi (11 milioni di dollari) nella città di Morges che si affaccia sul lago Laman.

 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano di Francesco Santoianni Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti