/ L'Iran abbandona parte dei suoi impegni sull'accordo nucleare e c...

L'Iran abbandona parte dei suoi impegni sull'accordo nucleare e concede 60 giorni di tempo per negoziare

 

L'Iran manterrà l'uranio arricchito e l'acqua pesante che produce e, se non si raggiungerà un accordo, potrebbe aumentare l'arricchimento e sospendere la modernizzazione di un reattore.


Il presidente della Repubblica islamica, Hasan Rohaní, ha affermato oggi che il suo paese adotterà nuove misure nel quadro del completamento del Piano d'azione globale congiunto e completo (JCPOA).
 
Nello specifico, Teheran non rispetterà più due punti di questo trattato: non venderà uranio arricchito o acqua pesante per 60 giorni. Durante questi due mesi, i paesi europei dovranno essere in grado di tenere colloqui con l'obiettivo di risolvere la situazione, ha spiegato.
 
Rohaní ha avvertito che entro 60 giorni l'Iran continuerà a ridurre la conformità con l'accordo nucleare se i rimanenti membri del patto JCPOA non adempiranno ai loro impegni durante quel periodo; in particolare, quelli relativi al sistema bancario e al commercio di petrolio.
 
Non rispettando l'accordo, secondo il presidente iraniano, porterebbe Teheran ad attuare due ulteriori misure: aumentare il livello di arricchimento dell'uranio e sospendere la modernizzazione del reattore ad acqua pesante nella città iraniana di Arak.
 
"Non iniziamo la violazione degli impegni e non avvieremo una guerra", ha detto Rohaní. "Tuttavia, non abbiamo mai ceduto al bullismo e non lo faremo mai: risponderemo a qualsiasi aggressore", ha aggiunto.
 
"L'Iran risponderà in modo decisivo"
 
Il presidente iraniano chiarisce che lo storico patto nucleare rimane in piedi, ma ha sottolineato che l'Unione europea non ha rispettato le sue promesse economiche all'Iran. Secondo Rohaní, la posizione di Bruxelles è buona in termini di parole, ma non in azione.
 
Il presidente ha dichiarato che il suo paese è disposto a proseguire i colloqui sul patto nucleare "a tutti i livelli", ma a determinate condizioni espresse in una lettera inviata dal Consiglio di sicurezza nazionale iraniano alle parti del JCPOA.
 
"L'Iran risponderà in modo deciso e immediato a qualsiasi atto irresponsabile, come portare la questione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite o imporre più sanzioni", si legge nella lettera citata dall'agenzia Mehr.
 
D'altra parte, il presidente della Repubblica islamica si è scagliato contro gli Stati Uniti e le figure intransigenti della regione che si oppongono al JCPOA da quando è stato firmato nonostante "fosse un accordo vincente".
Il politico ha sottolineato che il suo paese non permetterà che il JCPOA si trasformi in un patto di "vittoria-sconfitta".
 
"Il mondo sta soffrendo a causa delle politiche degli Stati Uniti", ha affermato Rohaní, avvertendo che qualsiasi conseguenza di queste misure ricadrà interamente sulla nazione americana e sui restanti membri del JCPOA.
 
L'avvertimento
 
In precedenza, l'Iran aveva consigliato agli ambasciatori di Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia - le parti del JCPOA - di decidere di interrompere l'applicazione di "alcuni obblighi" ai sensi di questo trattato internazionale firmato nel 2015.
 
La lettera è stata inviata ai rappresentanti di quei paesi dall'Iran. Tutte queste nazioni sono ancora impegnate nell'adempimento del suddetto accordo nucleare, nonostante il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal patto dello scorso anno.
 
Da parte sua, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha detto ai giornalisti che Teheran non si ritirerà dal JCPOA, ma non riuscirà a soddisfare alcuni dei suoi punti che la Repubblica islamica "ha volontariamente assunto".
 
Zarif si è inoltre rammaricato che "l'Unione europea e la comunità mondiale non potrebbero far fronte alle pressioni statunitensi sull'accordo sul programma nucleare iraniano".
 
Fonte: Mehr
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa