L'origine del Covid-19: cosa vuole nascondere il governo americano?

L'origine del Covid-19: cosa vuole nascondere il governo americano?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Radio Cina Internazionale

Secondo alcune notizie diffuse da ABC (sopra), da CNN (sotto) e da altri media statunitensi nel mese di luglio 2019, una malattia respiratoria mortale dalle cause sconosciute si era diffusa in una casa di riposo nello Stato della Virginia dove 54 persone erano rimaste infette. La casa di riposo dista solo un'ora dal misterioso laboratorio delle forze armate americane a Fort Detrick. Questo incidente relativo alla salute pubblica è collegato alla presenza dal laboratorio?

Ad agosto 2019, il CDC ha improvvisamente ordinato la chiusura temporanea dell'Usamarid a Fort Detrick. Secondo il New York Times, la ricerca di laboratorio è relativa a tossine identificate dal governo come "grave minaccia per i cittadini, per la salute degli animali e delle piante, o per prodotti animali e vegetali". Perché il CDC ha rifiutato di pubblicare informazioni su questa decisione?

Quasi in contemporanea con la chiusura dell’Usamarid, in diversi stati americani incluso il Maryland si era diffusa per ragioni sconosciute una malattia del polmone associata all’uso della sigaretta elettronica. Il laboratorio biologico Usa è collegato a quanto accaduto?

Un rapporto d’indagine del “Los Angeles Times” del 1988 ha rivelato che dopo la fine della seconda guerra mondiale, e a condizione di esentare i criminali di guerra dell'unità 731 dell'esercito giapponese dalle loro responsabilità, gli Stati Uniti hanno ottenuto i dati raccolti dall'unità 731 su esperimenti condotti sul corpo umano, sui batteri, sulla guerra batteriologica, sui gas velenosi e su altri aspetti per la ricerca su armi biologiche. Sono queste le fondamenta su cui la base Usa di Fort Detrick si è rapidamente sviluppata in un laboratorio di ricerca sulle armi biologiche. I media americani hanno rivelato l’esistenza a Fort Detrick di un gran numero di virus che costituiscono una seria minaccia per l’uomo, con molti rischi e falle nella sicurezza. Finora gli Stati Uniti hanno mostrato il coraggio di aprire la base di Fort Detrick e i loro laboratori biologici in tutto il mondo e invitare gli esperti dell’OMS per condurre indagini?

Il governo Usa era già a conoscenza del “copione” dell’esercitazione epidemica

 

 

Il 18 ottobre 2019, gli Stati Uniti hanno tenuto un’esercitazione epidemica di alto livello chiamata "evento 201" per simulare il focolaio di un nuovo tipo di coronavirus zoonotico.

Tra gennaio e agosto 2019, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha svolto un’esercitazione chiamata "Crimson Contagion". Secondo quanto affermato dal governo americano, il virus respiratorio "è nato in Cina" e si è diffuso in tutte le parti del mondo attraverso viaggiatori infetti. Negli Stati Uniti, la prima persona infetta è stata trovata a Chicago; 47 giorni dopo, l’OMS ha ufficialmente “annunciato” lo scoppio dell'epidemia.

Secondo alcuni internauti l'esercitazione è apparsa “coerente” con l’infezione provocata dal Covid e molti di loro hanno espresso il sospetto che il governo americano avesse un “copione” in atto. Qual è stata la risposta del governo americano?

Citando una notizia diffusa da ABC, i media israeliani hanno affermato che già a novembre 2019 il dipartimento di intelligence statunitense aveva avvertito Israele della “epidemia di coronavirus”. Il primo caso di Covid-19 in Cina si è sviluppato a dicembre. Come ha fatto l’intelligence americana a conoscere in anticipo la situazione relativa all’epidemia?

Un'epidemia dalle origini complesse

A dicembre 2020, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato il risultato di uno studio sulla rivista ufficiale dell’Associazione americana delle malattie infettive (IDSA) secondo cui è stato dimostrato che gli anticorpi del nuovo coronavirus erano presenti nel sangue di almeno 39 persone in California, Oregon e Washington dal 13 al 16 dicembre 2019.

Il National Institutes of Health (NIH) ha recentemente diffuso i risultati di una ricerca che dimostrano che il nuovo coronavirus era già presente in molti luoghi degli Stati Uniti a dicembre 2019.

Ignorando i risultati delle indagini scientifiche del gruppo di esperti dell’OMS, il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente usato "rapporti di intelligence" non noti in cui si parla di "fuga dal laboratorio". Il 26 maggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato alle agenzie di intelligence degli Stati Uniti di "raddoppiare le indagini" e di fornire una relazione sull'origine del Covid-19 entro novanta giorni.

Perché?

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti