Lula: "Un mondo con benessere per tutti è possibile solo con un ordine internazionale più inclusivo e solidale"

Lula: "Un mondo con benessere per tutti è possibile solo con un ordine internazionale più inclusivo e solidale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella “storica” giornata segnata dall’allargamento del gruppo BRICS a cinque nuovi paesi quali Argentina, Iran, Arabia Saudita, Etiopia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti, il presidente brasiliano Lula ha sottolineato l'importanza dell'unità e l'impegno tra i paesi a lavorare in unità. "La prosperità è completa solo quando è condivisa", ha detto affermato al XV vertice BRICS, che si tiene nella città sudafricana di Johannesburg.

"Invece di aderire alla logica della concorrenza, che impone alleanze e alimenta la sfiducia, dobbiamo rafforzare la nostra collaborazione", ha affermato il presidente.

In questo senso Lula ha sottolineato che la presenza al vertice di “decine di leader del Sud del mondo” è un segno che “il mondo è più complesso della mentalità da guerra fredda che alcuni vogliono restaurare”. 

"Un mondo con benessere per tutti è possibile solo con un ordine internazionale più inclusivo e solidale", ha aggiunto secondo quanto riportato da RT.

Il presidente ha dedicato un'altra parte del suo discorso a parlare di alcuni problemi che preoccupano i paesi in via di sviluppo. Ha sottolineato la diminuzione negli ultimi anni del volume delle risorse dirette ai paesi del Sud del mondo in termini di investimenti e commercio e i debiti "impagabili" che molti di loro mantengono.

"Le promesse della globalizzazione non sono state mantenute (...) È impossibile promuovere lo sviluppo sostenibile se il bilancio pubblico viene consumato dal servizio del debito".

Lula ritiene urgente ripensare il modello finanziario, commerciale e di sviluppo. "Abbiamo bisogno di soluzioni che diversifichino e aggiungano valore alla produzione nei paesi in via di sviluppo. Il segno più evidente che il pianeta sta diventando un luogo sempre più disuguale è la crescita della fame e della povertà. Ciò è inaccettabile”.

Lula ha promesso di aprire una nuova agenda di cooperazione con l'Africa e di "ricostruire i legami storici con i paesi in via di sviluppo". "Molte delle risposte per costruire un mondo più equo si trovano in Africa", ha affermato.

Il presidente ha sottolineato i risultati raggiunti dal continente in termini di trasformazione digitale e innovazione. Allo stesso tempo, ha ricordato che la regione è diventata la più grande area di libero scambio del mondo.

D'altro canto, ha sottolineato il ruolo crescente dell'Unione Africana nella risoluzione dei conflitti e l'importanza delle sue alleanze con i paesi dell'America Latina per il mantenimento delle "zone di pace" e la cooperazione "Atlantico-Sud".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti