Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
 
 
Senza L’Europa non ce l’avremmo fatta.
 
Ovviamente non l’ho detto mica io, ma il delirante ministro Speranza.
 
Ora al netto del fatto che non ce l’abbiamo fatta, perché siamo in piena zona rossa con l’intero paese chiuso in casa, depresso e sull’orlo del fallimento. E sostenere di avercela fatta in un contesto simile è roba da disorientamento spazio-temporale. Ad essere buoni.
 
Ma la cosa più grottesca è sostenere di avercela fatta grazie all’Europa.
 
Perché non so se me lo sono immaginato solamente io, ma ricordo che le cose sono andate più o meno così.
 
Mascherine acquistate e sequestrate dalla Germania perché servivano a loro. Tute di cartavelina comprate dai cinesi perché introvabili altrove; respiratori, anch’essi made in China, acquistati, ben pagati e consegnati con difetto di fabbricazione. Decine di ospedali e reparti chiusi in pochi anni, 37 miliardi di tagli alla spesa sanitaria, centinaia di medici, specializzandi e infermieri emigrati all’estero perché senza occupazione in Italia. Mancanza di personale, tanto da dover ricevere assistenza dalla piccola Cuba.
 
Ovviamente grazie all’Europa.
 
Più precisamente a causa dei parametri di bilancio imposti dalle sue norme. E dalle politiche austeritarie, di costante deflazione salariale, delocalizzazione e deindustrializzazione a favore di concorrenza e libero mercato.
 
Poi vabbè ci sarebbero pure i contratti capestro sottoscritti senza alcuna trasparenza con big pharma. A prezzi gonfiati e senza nessuna garanzia sulle forniture.
 
L’incapacità produttiva nei settori chimico-farmaceutico e ad alta tecnologia. Ma soprattutto l’assenza pressoché totale di sostegno economico.
 
Perché i famosi soldi de Leuropa, decine di fantastiliardi promessi e sventolati ai quattro venti da un anno, semplicemente non esistono. E la controprova è che nessuno li ha mai visti.
 
Mentre il Regno Unito, che con la Brexit doveva sprofondare in un buco nero di miseria e disperazione, ha riaperto tutto. Vaccinato quasi l’intera popolazione e sostenuto economicamente (e per davvero) la ricerca, il tessuto produttivo e i lavoratori britannici.
 
Ecco, che senza Leuropa non ce l’avrebbero fatta, vada a raccontarlo agli inglesi.
 
E in attesa di una risposta seria che si prenda una pausa di riflessione.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti