/ Media occidentali entusiasti della "nuova rivoluzione iraniana", ...

Media occidentali entusiasti della "nuova rivoluzione iraniana", ma i sondaggi raccontano una storia diversa sulle proteste

 

I dati di due sondaggi stranieri raccontano una storia molto diversa sulle proteste in Iran. L'economia èin cattive condizioni, ma la maggioranza degli iraniani sostiene le iniziative di sicurezza prese dal proprio governo e rifiuta lo sconvolgimento interno, secondo l'analista Sharmine Narwani

Segue l'analisi di Sharmine Narwani, commentatrice e analista della geopolitica del Medio Oriente. È un ex associata senior presso il St. Antony's College, Università di Oxford e ha conseguito un master in Relazioni internazionali presso la Columbia University. Sharmine ha scritto editoriali per una vasta gamma di pubblicazioni, tra cui Al Akhbar English, New York Times, The Guardian, Asia Times Online, Salon.com, USA Today, Huffington Post, Al Jazeera English, BRICS Post e altri. Potete  seguirla su Twitter all'indirizzo @snarwani
 
 
Il 15 novembre, gli iraniani arrabbiati hanno iniziato a riversarsi nelle strade per protestare contro le improvvise notizie di un aumento del prezzo del carburante del 50%. Il giorno dopo, manifestazioni pacifiche si erano in gran parte dissipate, sostituite invece da folle molto più piccole di rivoltosi che hanno bruciato banche, distributori di benzina, autobus e altre proprietà pubbliche e private. In pochissimo tempo, le forze di sicurezza sono intervenute per reprimere la violenza e arrestare i rivoltosi, durante i quali è morto un numero non confermato di persone da entrambe le parti.

 
I commentatori occidentali hanno provato invano a spremere un po' di succo dalle proteste di breve durata. " I manifestanti iraniani colpiscono il cuore della legittimità del regime ", ha dichiarato Suzanne Maloney della Brookings Institution. France 24 ha posto la domanda, è questa "una nuova rivoluzione iraniana?" E il Los Angeles Times ha criticato la " brutale repressione" dell'Iran contro il suo popolo. 
Hanno anche afferrato un punto di vista geopolitico: le proteste nel vicino Libano e Iraq, basate quasi interamente sul malcontento interno popolare contro i governi corrotti e negligenti, hanno iniziato a essere lanciate come insurrezione regionale contro l'influenza iraniana. 
 
E nonostante il fatto che Internet in Iran sia stato disabilitato per quasi una settimana, video e rapporti non verificati si sono curiosamente fatti strada fuori dagli account Twitter dei critici iraniani, sostenendo che i manifestanti chiedevano la morte del leader supremo, reclamando contro gli interventi dell'Iran in la regione e chiedendo la caduta del iregime'.
 
Chiaramente, le proteste iniziali furono autentiche,  un fatto che persino il governo iraniano ha ammesso immediatamente. Ridurre i sussidi alla benzina sul carburante più economico della regione è stato per anni un problema dell'agenda politica dell'Iran, che è diventato più urgente dopo che gli Stati Uniti sono usciti dall'accordo nucleare iraniano lo scorso anno e hanno iniziato a stringere di nuovo la morsa delle sanzioni contro l'Iran.

 
Per cercare di comprendere le reazioni iraniane negli ultimi dodici giorni, esaminiamo due sondaggi di opinione condotti congiuntamente dal Center for International and Security Studies dell'Università del Maryland al Maryland (CISSM) e dall'IranPolls con sede a Toronto nell'immediato periodo del 2017/2018 proteste / rivolte - e in maggio, agosto e ottobre 2019 , quando la campagna di " massima pressione " degli Stati Uniti era in piena attività. 
 
Ciò che emerge immediatamente dal precedente sondaggio del 2018 è che gli iraniani erano frustrati da un'economia stagnante - e l'86% di loro si è espressamente opposto a un aumento del prezzo della benzina, il principale impulso per le proteste di novembre.
 
Ironia della sorte, l'aumento dei prezzi della benzina di questo mese doveva generare 2,25 miliardi di dollari, destinati alla distribuzione alle 18 milioni di famiglie più colpite dall'Iran. In effetti, il governo stava ammorbidendo la riduzione dei sussidi per il carburante con pagamenti ai cittadini più bisognosi del paese.
 
Il sondaggio del 2018 elenca anche i maggiori problemi ecnunciati degli intervistati, che vanno dalla disoccupazione (40%), all'inflazione e all'alto costo della vita (13%), ai bassi redditi (7%), alla corruzione finanziaria e all'appropriazione indebita (6%), all'ingiustizia (1,4% ), mancanza di libertà civili (0,3%), tra gli altri.
 
Questi numeri suggeriscono che le proteste del 2018 sono state in gran parte in risposta alle condizioni economiche interne - e non alle iniziative di politica estera dell'Iran o alla "repressione diffusa" che all'epoca era fortemente promossa dai media e dai politici occidentali. 
 
La stessa Suzanne Maloney citata sopra sulle proteste di questo mese, ha insistito in un articolo del Washington Post del 2018 : " Le persone non stanno solo dimostrando migliori condizioni di lavoro o retribuzioni, ma insistendo sul rifiuto globale del sistema stesso ". 
 
In effetti, nel sondaggio del 2018, solo il 16% degli iraniani ha concordato con l'affermazione " Il sistema politico iraniano deve subire un cambiamento fondamentale " , con un enorme disaccordo del 77%. 
 
Come le proteste di questo mese in Iran, anche le manifestazioni del 2017-18 si sono trasformate in piccole ma violente rivolte e le forze di sicurezza iraniane sono scese in strada per fermare il caos. Ma all'indomani di quegli eventi - e nonostante gli infiniti titoli stranieri sulla " brutalità " della reazione di sicurezza, gli iraniani si schierarono in modo schiacciante con il trattamento del governo da parte dei ribelli.
 
Il sessantatre percento degli intervistati nel 2018 ha dichiarato che la polizia ha usato una quantità adeguata di forza e un altro 11% ha dichiarato di aver usato “ troppa poca forza."Complessivamente, l'85% degli iraniani ha concordato che" il governo dovrebbe essere più forte per fermare i rivoltosi che usano la violenza o danneggiano la proprietà ". 
 
Questa reazione iraniana deve essere compresa nel contesto del vicinato molto insicuro dell'Iran, del terrorismo regionale spesso sostenuto da stati ostili e di un'escalation inarrestabile contro gli interessi iraniani dopo che Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti. La sua campagna di " massima pressione " ha solo peggiorato le cose, e gli iraniani si considerano in uno stato di guerra con gli Stati Uniti - in costante guardia contro sovversione, sabotaggio, spionaggio, intercettazioni, propaganda, infiltrazioni di frontiera, ecc.
 
All'inizio di questo decennio, le forze armate statunitensi hanno dichiarato Internet un "dominio operativo" della guerra e la guerra cibernetica è già stata ampiamente riconosciuta come la futura frontiera della battaglia nei conflitti. L'Iran è stata una delle prime vittime di questa nuova guerra, quando il sospetto virus Stuxnet USA / Israele ha interrotto il suo programma nucleare. 
 
L'esercito americano ha creato stanze di guerra di militari dedicati alla manipolazione dei social media e alla promozione degli interessi della propaganda statunitense. L'esercito britannico ha lanciato una divisione "guerra sui social media" , il cui focus iniziale è il Medio Oriente. Israele si è unito al gioco della propaganda online , e i sauditi hanno recentemente investito molto nell'influenzare il discorso sui social media.
 
Non dovrebbe quindi sorprendere il fatto che il governo iraniano abbia chiuso Internet durante questa crisi. Aspettatevi che questo diventi la nuova normalità negli stati avversari statunitensi quando si sospetta il caos e le operazioni di informazione straniera.
 
I temi dei media occidentali di corruzione, repressione violenta, rifiuto popolare della Repubblica islamica e delle sue alleanze regionali sono stati coerenti dalle proteste del 2009 che sono seguite alle contenziose elezioni in Iran. Sono divampati brevemente all'inizio del 2011, quando gli stati occidentali erano ansiosi di una “primavera iraniana” per unirsi alla primavera araba, e sono diventati racconti popolari durante le proteste 2017-18 quando le piattaforme dei social media li hanno adottati ampiamente.
 
Questo novembre, quelle narrazioni sono sorte di nuovo in superficie. Esaminiamo quindi cosa hanno pensato gli iraniani di queste affermazioni in ottobre, quando la CISSM / IranPolls hanno pubblicato il loro ultimo sondaggio estremamente tempestivo.
 
Attività militari regionali dell'Iran
 
Il sessantuno per cento degli iraniani sostiene il mantenimento del personale militare in Siria per contenere militanti estremisti che potrebbero minacciare la sicurezza e gli interessi dell'Iran. I sondaggi condotti da marzo 2016 confermano la coerenza di questo punto di vista all'interno dell'Iran, con un costante due terzi (66%) degli intervistati che sostengono un aumento del ruolo regionale dell'Iran.
 
Alla domanda su cosa succederebbe se l'Iran accettasse le richieste statunitensi e ponesse fine alle attività del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC) sanzionate dagli Stati Uniti in Siria e Iraq, il 60% degli iraniani pensava che Washington avrebbe richiesto più concessioni - solo l'11% pensava che avrebbe reso Stati Uniti più accomodanti.
 
Inoltre, il rapporto di ottobre 2019 afferma che gli atteggiamenti negativi nei confronti degli Stati Uniti non sono mai stati così alti nei 13 anni di CISSM / IranPoll nel condurre queste indagini in Iran. Un forte 86% degli iraniani non favorisce gli Stati Uniti, e coloro che affermano che la loro visione degli Stati Uniti è molto sfavorevole è salito alle stelle dal 52% nel 2015 al 73% oggi.
 
A loro potrebbe importare di meno che Washington abbia sanzionato l'IRGC e il suo comandante d'élite Quds Force Qassem Soleimani, che è la figura nazionale più popolare di coloro che sono stati interrogati, con otto iraniani su dieci che lo vedono favorevolmente. Semmai, un grosso 81% degli iraniani ha affermato che le attività del Medio Oriente dell'IRGC hanno reso l'Iran “ più sicuro. ”
 
Per quanto riguarda il ruolo dell'IRGC nell'economia domestica dell'Iran - un argomento preferito dai nemici occidentali che hanno scelto il gruppo militare come strumento maligno e corrotto dello stato - oggi il 63% degli iraniani ritiene che l'IRGC dovrebbe essere coinvolto “ in progetti di costruzione e altre questioni economiche , "Oltre a continuare il loro ruolo di sicurezza. In tempi di crisi, sono visti come un'istituzione vitale: l'IRGC e le forze armate iraniane hanno segnato il massimo dei punti con il pubblico (rispettivamente l'89% e il 90%) per aiutare la popolazione durante le inondazioni paralizzanti della scorsa primavera, che hanno costretto a spostare mezzo milione di iraniani.
 
Economia e corruzione
 
Il settanta percento degli iraniani considera la loro economia "cattiva" oggi, una cifra che è rimasta sorprendentemente coerente negli ultimi 18 mesi, nonostante l'imposizione delle sanzioni statunitensi lo scorso anno. La maggioranza incolpa la cattiva gestione e la corruzione interna per i loro problemi economici, ma un numero crescente incolpa anche le sanzioni statunitensi, motivo per cui il 70% degli iraniani preferisce puntare sull'autosufficienza nazionale piuttosto che sull'aumento del commercio estero.
 
Alla domanda sull'impatto (delle sanzioni) sulla vita della gente comune, l' 83% degli iraniani concorda sul fatto che la loro vita abbia avuto un impatto negativo. Stranamente, da quando gli Stati Uniti sono usciti dal JCPOA, il pessimismo economico è sceso dal 64% nel 2018 al 54% lo scorso mese, principalmente, secondo il sondaggio, perché gli iraniani ritengono che gli Stati Uniti non possano realisticamente esercitare pressioni sull'Iran molto più che con sanzioni. Di conseguenza, il 55% degli iraniani incolpa la cattiva gestione economica e la corruzione della povera economia iraniana contro il 38% che punta il dito contro le sanzioni e le pressioni straniere.
 
La colpa di gran parte di questa cattiva gestione e corruzione è imperniata sull'amministrazione del presidente Hassan Rouhani, i cui numeri dei consensi sono scesi sotto il 50% per la prima volta, per raggiungere il 42% questo agosto. Il cinquantaquattro percento degli iraniani pensa che il suo governo non stia provando molto a combattere la corruzione.
 
Al contrario, il 73% ritiene che la magistratura iraniana sia molto più impegnata nella lotta alla corruzione economica, in crescita del 12% da maggio.
 
Sul fronte economico, sembra che gli iraniani siano stati in gran parte delusi dalle promesse e dalla visione di questa amministrazione, che potrebbe beneficiare i suoi oppositori nelle prossime elezioni parlamentari. L'aumento delle tasse sul carburante di due settimane fa è stato un male necessario e una mossa coraggiosa da parte di Rouhani, nonostante la cattiva gestione della sua amministrazione pubblica. Sfortunatamente, è improbabile che gli iraniani, che da anni si sono scagliati contro la rimozione dei sussidi, perdonino presto.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa