Medico avverte: se Assange resta in carcere diventa probabile il suicidio

Medico avverte: se Assange resta in carcere diventa probabile il suicidio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un medico che si è unito ad altri professionisti nel chiedere il rilascio di Julian Assange dal carcere ha dichiarato a RT che la detenzione arbitraria e crudele del co-fondatore di WikiLeaks continua a metterlo a rischio di suicidio.

Le stesse preoccupazioni sulla salute mentale di Assange che hanno portato l'Alta Corte di Londra a bloccare la sua estradizione negli Stati Uniti a gennaio sono ancora rilevanti, forse ancora di più, ha ribadito oggi, il dottor William Hogan, specialista in medicina interna e professore di informatica biomedica presso il College of Medicine dell'Università della Florida. 

Hogan è stato tra gli oltre 200 esperti medici che hanno firmato una lettera aperta pubblicata  sulla rispettata rivista medica The Lancet, che chiedeva la fine della "tortura e dell'abbandono medico" affrontata dal giornalista australiano mentre languiva nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, a Londra. 

Ad RT, il medico americano e l'accademico hanno citato la testimonianza di esperti che suggeriscono che Assange soffre di "gravi segni di malattia mentale e stress mentale", comprese allucinazioni uditive di natura "persecutoria". 

Garantire il rilascio di Assange sarebbe il primo passo per cercare di riparare l'ampio danno psicologico, ha spiegato Hogan. Pur sottolineando che è uno psicologo, il medico ha spiegato che Assange avrebbe richiesto un "trattamento intensivo" e che alcuni aspetti del trauma sarebbero stati probabilmente "permanenti". 

Il problema è potenzialmente pericoloso per la vita, ha affermato Hogan, indicando l'alto tasso di suicidi di Belmarsh e osservando che un detenuto si era recentemente tolto la vita dopo soli due giorni di prigione. 

Assange ha resistito circa otto mesi senza visite a causa delle restrizioni di Covid e solo di recente ha potuto vedere la sua compagna. 

Ogni giorno che passa, senza alcuna risoluzione nell'arbitrarietà in corso dei procedimenti legali ... più si va avanti, più è probabile che [Assange possa suicidarsi]

Hogan ha condannato le autorità britanniche per aver trattato l'australiano "come un terrorista" e ha sottolineato il fatto che Assange rimane in prigione anche se non è stato condannato per un crimine nel Regno Unito. 

Il dottore ha predetto che, se alla fine Assange fosse rilasciato, Washington sarebbe comunque "abbastanza vendicativa e arbitraria" da sollevare nuove accuse nel tentativo di riavviare il processo di estradizione. 

Sebbene la sua estradizione sia stata bloccata, agli Stati Uniti è stato permesso di impugnare la sentenza del tribunale britannico. 

Il co-fondatore di WikiLeaks ha già trascorso più di due anni dietro le sbarre a Belmarsh.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha incriminato il giornalista australiano ai sensi dell'Espionage Act, accusandolo di aver divulgato informazioni classificate nel 2010 che dettagliavano presunti crimini di guerra commessi dalle forze armate statunitensi in Medio Oriente. Se dichiarato colpevole, Assange potrebbe trascorrere il resto della sua vita in prigione. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti