Ministro della Difesa turco: la Russia non ha nulla a che fare con i bombardamenti di Odessa

Ministro della Difesa turco: la Russia non ha nulla a che fare con i bombardamenti di Odessa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha rilasciato alcune dichiarazioni sull'esplosioni nella città di Odessa, che il regime di Kiev attribuisce a un attacco missilistico della Russia. 

In una dichiarazione raccolta dal corrispondente dell’agenzia Anadolu, Akar ha dichiarato che questa mattina c'è stata un'esplosione a Odessa e a tal proposito ha affermato: "Abbiamo ricevuto informazioni che c'era stato un attacco missilistico e su questo abbiamo avuto una conversazione telefonica con il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov e il ministro delle Infrastrutture ucraino Aleksandr Kubrakov. Abbiamo ricevuto le informazioni necessarie. Hanno detto che c'era stato un attacco missilistico. Hanno affermato che uno degli attacchi missilistici ha colpito uno dei silos, l'altro è caduto in un'area vicino al silo, ma l'importante è che non ci sia negatività nella capacità di carico e capacità dei moli, e che le attività a Odessa possano continuare".

Poi il ministro turco ha riferito di essersi messo in contatto con la Russia: “Inoltre, nel nostro contatto con la Russia, i russi ci hanno detto che non avevano assolutamente nulla a che fare con questo attacco e che stavano esaminando la questione molto da vicino e in dettaglio. Il fatto che un incidente del genere sia avvenuto subito dopo l'accordo che abbiamo preso ieri per quanto riguarda la spedizione di grano ci ha davvero preoccupato. Tuttavia, continuiamo ad adempiere alle nostre responsabilità nell'accordo che abbiamo raggiunto ieri e abbiamo anche espresso nei nostri incontri che siamo a disposizione delle parti per continuare la loro cooperazione con calma e pazienza”. 

Akar ha inoltre aggiunto che l’accordo verrà attuato il prima possibile: “Già con l'inizio di questi colloqui, c'è stato un calo dei prezzi come affermato dagli esperti, che questo dovrebbe essere continuato e che è molto importante in termini di umanità, in termini di soddisfare il fabbisogno alimentare, in termini di soccorso delle persone che aspettano il grano. Il nostro coordinamento con l'Ucraina continuerà. Abbiamo adempiuto e continueremo ad adempiere alle nostre responsabilità nel memorandum d'intesa che abbiamo firmato durante l'incontro di ieri. In questo quadro, abbiamo moltiplicato i nostri sforzi fin da ieri per il funzionamento del Centro congiunto di coordinamento, come sancito nell’accordo. Includendo il rappresentante delle Nazioni Unite, i rappresentanti di Russia e Ucraina hanno ora iniziato a lavorare insieme alla Turchia al coordinamento congiunto. La nostra speranza e desiderio è che questi e simili eventi vengano messi da parte rapidamente e questi studi siano completati il ??prima possibile in linea con l'accordo che abbiamo raggiunto. Al momento, stiamo seguendo da vicino l'incidente e mantenendo i nostri contatti. È nostra speranza e auspicio che questi lavori continuino come desiderato, come indicato nell'accordo". 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra