Morti sul lavoro, Ispettorato: "Dal 2007 sono 15 mila"

Morti sul lavoro, Ispettorato: "Dal 2007 sono 15 mila"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Potrebbe essere il bollettino di guerra di una ONG, di un'agenzia Onu. Invece no, a fornire queste numeri drammatici e vergognosi per un Paese come l'Italia che si professa civile e rispettoso dei diritti umani, è il direttore generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Bruno Giordano.

Questa carneficina, tra l'altro, è impunita. Giordano precisa un aspetto importantissimo quanto agghiacciante: “Avremmo dovuto avere 15mila sentenze, perché ne abbiamo solo alcune centinaia? E’ necessario un coordinamento investigativo. Le vittime hanno necessità di avere la stessa giustizia”.

Il quadro delle normative che tutelano la salute dei lavoratori e le leggi che dovrebbero punire chi non la tutela sono frammentarie, di proposito, proprio per creare scappatoie, rinvii, prescrizione e senza nasconderlo non dare troppo fastidio al padronato. Troppe norme sono considerate un ostacolo ai loro profitti, anche quando si tratta di guadagnare pochi spiccioli, come emerso dalla perizia sulla morte di Luana D'Orazio schiacciata da un macchinario manomesso.

Si parla di salute dei lavoratori con un green pass imposto in maniera truffaldina per tutelarla dal Covid-19. Ecco, perché tutta questa ostinazione per un provvedimento senza senso non si riversa per giungere ad avere norme di vera sicurezza per i lavoratori e punire chi le trasgredisce?

Qualcuno potrà obiettare che appunto con questi dati i problemi sono altri e non il green pass.

Ha la sua logica, ma dopo licenziamenti, delocalizzazioni, morti e feriti sul lavoro, il green pass è solo l'ultimo provvedimento calato dall'alto del Governo Draghi-Confindustria per cancellare ogni diritto ai lavoratori.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Quei quattro scemi che intervistano Renatino... di Paolo Desogus Quei quattro scemi che intervistano Renatino...

Quei quattro scemi che intervistano Renatino...

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti