Nader "il traditore" e il sigillo del brutto destino dell'Afghanistan

Nader "il traditore" e il sigillo del brutto destino dell'Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Prosegue il viaggio di ricerca storica alle radici dell'Afghanistan, una modalità per capire gli attuali conflitti, come ha agito e come forse agirà il colonialismo occidentale. Per visionare i capitoli precedenti potete cliccare quiPrimoSecondoTerzoQuarto, Quinto e Sesto. Questo saggio segue il sesto contributo, che forniva una breve introduzione di "Nader il traditore".

per AL MAYADEEN ENGLISH

https://english.almayadeen.net/authors/tariq-marzbaan

PART I

https://english.almayadeen.net/articles/blog/nader-the-traitor-the-sealing-of-afghanistans-ugly-fate-parttt

PART II

https://english.almayadeen.net/articles/blog/nader-the-traitor-the-sealing-of-afghanistans-ugly-fate-part

PART III

https://english.almayadeen.net/articles/blog/nader-the-traitor-and-the-sealing-of-afghanistans-ugly-fate

[questo saggio è stato tradotto dal tedesco e dall'inglese in italiano da Nora Hoppe]

Nel 1929, dopo aver preso il potere in Afghanistan, Mohammad Nader Khan e i suoi fratelli stabilirono un nuovo regime di terrore e cominciarono a ripulire il paese dai sostenitori di Amanollah, alterando le sua riforme di per adattarle ai loro obiettivi, o eliminandole del tutto e portando avanti il programma di pashtunizzazione.

Mohammad Nader e i suoi fratelli, anche se di origine afgana, sono nati e cresciuti a Dehradun, nell'India britannica, poiché gli inglesi avevano espatriato suo nonno a Dehradun nel 1879. Nader ricevette quindi un'educazione e un'istruzione britannica e più tardi si arruolò nell'esercito coloniale britannico dove fu addestrato come ufficiale di artiglieria - da qui la sua passione per i cannoni, che avrebbe impiegato avidamente per le esecuzioni in Afghanistan.

Perché i suoi antenati siano stati mandati in India dagli inglesi e poi tornati in Afghanistan, e come abbiano vissuto in India non è stato adeguatamente studiato e chiarito. Tutto ciò che si sa è che la famiglia era legata da legami inseparabili durante i loro anni in India e che erano tutti estremamente ambiziosi e determinati. Arrivarono in Afghanistan durante l'ultimo anno di governo di Amir Abdollrahman e si stabilirono a Kabul. Nader, poco più che ventenne, ottenne un posto come ufficiale nell'esercito di Abdollrahman e intraprese una carriera fulminea - pur rimanendo esclusivamente alla corte dell'Amir. Tuttavia, ebbe difficoltà a trattare con i suoi compagni di corte, così come con la popolazione in generale.

Foto Mohammad Nader, il generale

In Afghanistan si sapeva ben poco di Nader e della sua famiglia. Erano fluenti nella lingua inglese ma parlavano il persiano (la lingua ufficiale del paese) e il pashto (la lingua delle tribù pashtun) con un accento indiano, il che li sottoponeva al ridicolo dei cortigiani e della popolazione. Avevano anche poca dimestichezza con i costumi della corte e la vita del popolo, e questo li portava solo a isolarsi e a schermarsi dagli altri, concentrando le loro aspirazioni esclusivamente sulla corte e sull'esercito. Tuttavia, Amir Abdollrahman, a causa della sua latente devozione agli inglesi, riconobbe le insolite attitudini della famiglia e facilitò la loro ascesa all'interno dell'amministrazione militare e statale.

Ma questo non permise a Nader e ai suoi fratelli di ottenere la fiducia che cercavano, soprattutto tra quelli dell'esercito e dell'apparato statale. La sfiducia era reciproca e sarebbe durata fino alla fine della vita di Nader. Infatti, quando Nader e i suoi fratelli presero il potere più tardi, lo imposero e lo difesero con estrema brutalità. Oltre ai tratti della diffidenza, dell'avidità e dell'essere subdolo, i contemporanei di Nader attribuirono loro anche una feroce tendenza alla vendetta.

Poiché Nader e i suoi parenti concentrarono sempre più la loro vita sulla corte, divennero presto indispensabili alla famiglia "reale". Il padre e gli zii di Nader divennero assistenti permanenti di Amir Abdollrahman, e Nader e i suoi cinque fratelli divennero le guardie del corpo personali e gli assistenti permanenti del giovane principe Habibollah [da non confondere con il ribelle tagiko Habibollah Kalakâni], che era il prossimo erede al trono.

Quando il tiranno Abdollrahman morì nel 1901, suo figlio Habibollah salì al trono e governò fino al 1919. Inizialmente preoccupato per il progresso e la modernizzazione dell'Afghanistan, fece alcune piccole conquiste nei settori dell'economia, della cultura, dell'istruzione e dell'urbanizzazione. Ma gradualmente perse interesse per questi obiettivi e cominciò a dedicarsi sempre più alla vita edonistica della corte. Poiché suo padre aveva già brutalmente schiacciato e soffocato qualsiasi opposizione nel paese, mettendo così a tacere gran parte della popolazione e facendo precipitare il paese in uno stato di apatia, Habibollah fu lasciato a perseguire i suoi passatempi preferiti: cacciare la selvaggina e dedicarsi ai piaceri carnali. Dopo la sua morte, avrebbe lasciato un harem di quasi 300 donne.

Foto Amir Habibollah con la sua selvaggina

Foto Amir Habibollah con alcune delle sue donne

Una volta Abdollrahman si vantò con suo figlio e principe ereditario: "Non ti preoccupare, figliolo, non ti ho lasciato una sola testa in tutta la terra per farti dei problemi..." Questa non era una grande assicurazione. A causa dei suoi limiti intellettuali, Abdollrahman non poteva immaginare che un popolo possa essere come un campo di grano - dove le teste tagliate semplicemente ricrescono! Fu così che una timida resistenza cominciò a germogliare tra le giovani generazioni durante il regno di Habibollah, e le richieste di cambiamento e di avanzamento divennero sempre più forti. Fu fondato un "Partito Nazionale Segreto", i cui membri erano composti da giovani studenti e diverse personalità liberali più anziane. Un altro gruppo cercò sostegno all'interno della corte e tentò di influenzare l'ambiente immediato dell'Amir in modo più diplomatico.

Ma i membri del "Partito Nazionale Segreto" erano decisi ad eliminare del tutto l'Amir. Uno studente di nome Abdollrahman Lodi acquistò una pistola e mirò all'Amir Habibollah mentre passava in un corteo di auto per le strade del centro di Kabul (1918). Il colpo mancò il bersaglio e Habibollah rimase illeso. In breve tempo, gli onnipresenti servizi segreti riuscirono a rintracciare e arrestare l'aspirante assassino e tutti coloro che potevano essere collegati a lui. Insieme a loro sono state arrestate persone non coinvolte (amici, parenti, altri membri dell'opposizione). Amir Habibollah, tuttavia, non era così brutale come suo padre e si astenne dall'imporre misure dure ai prigionieri, come la tortura o la loro esecuzione. Lodi fu infatti in seguito rilasciato dalla prigione da Amanollah, il successore di Habibollah, e fu perfino nominato sindaco di Kabul.

Nel frattempo l'altro gruppo di resistenza che perseguiva soluzioni diplomatiche cercò l'appoggio di un membro della corte - il terzo figlio di Amir Habibollah: Il principe Amanollah - che non era d'accordo con i metodi di governo del padre. Profondamente impressionato dai progressi fatti in Europa e dagli sviluppi sotto Mustafa Kemal Pascia in Turchia e Reza Khan Pahlavi in Persia, Amanollah sperava di ottenere qualcosa di simile in Afghanistan.

Il gruppo intorno ad Amanollah crebbe. All'inizio, impiegarono mezzi pacifici per convincere l'Amir della necessità di queste riforme e per persuaderlo a cambiare la sua politica. Ma a parte scrivere e distribuire volantini, le loro azioni non andarono oltre: l'Amir non prestò attenzione a queste richieste. Alla fine, anche loro arrivarono alla conclusione che l'Amir doveva essere rimosso e che era necessario formare un nuovo governo.

Per attuare questo piano, Amanollah aveva bisogno della cooperazione del generale Nader, poiché era il capo delle guardie del corpo dell'Amir, ed era già indirettamente collegato al "partito di corte" attraverso Amanollah. Dopo un incontro notturno segreto e una discussione con Amanollah sulla montagna "Sceerdarwâza" sopra la vecchia città di Kabul, Nader accettò il piano e gli eventi successivi presero il loro corso.

Il 21 febbraio 1919, Amir Habibollah fu ucciso nella sua riserva di caccia a Jalalâbâd in un'operazione di cappa e spada. Il suo figlio maggiore, il principe ereditario Nassrollah doveva essere nominato Amir, ma dopo pochi giorni fu deposto da Amanollah a seguito di un secondo colpo di stato pacifico, e Amanollah stesso fu nominato Amir. Maggiori informazioni sul regno di Amanollah e del suo successore si possono trovare qui.

 

Foto In marcia 1928-1929

Un intero decennio dopo la vittoria militare del "generale" Nader su Habibollah Kalakâni (che si era impadronito del trono mentre Amanollah era ancora il re legittimo a Kandahar) e la sua repressione delle ribellioni, la questione di chi avrebbe assunto il trono doveva essere risolta senza indugio...

Così, il 15 ottobre 1929, Nader convocò i rappresentanti politici dell'Unione Sovietica, della Turchia e della Persia a Kabul, apparentemente per celebrare la "liberazione" di Kabul dalle forze insurrezionali dei tagiki sotto Habibollah Kalakâni. Subdolo com'era, non informò i suoi ospiti del vero scopo del raduno: la nomina di un "nuovo re". L'inviato sovietico, che era presente quel giorno, descrisse lo spettacolo come segue:

"In un breve discorso, a malapena udibile nel clamore delle voci nella sala, Nader Khan ha ringraziato le tribù pashtun per la loro assistenza. E senza tanti giri di parole il ministro dell'economia Ali Mohammad Khan avanzò la proposta che Nader Khan fosse nominato re. Un maulawi [uno studioso della legge islamica] ha poi assicurato i presenti che tale decisione sarebbe stata completamente legittima e conforme alla sharia".

Dopo una breve consultazione con i suoi fratelli, Nader chiese un parere all'inviato sovietico. Quest'ultimo, tuttavia, ha voluto prima consultarsi con i suoi colleghi persiani e turchi. I tre inviati si riunirono rapidamente, poi all'unanimità accolsero e approvarono la proposta. Una decisione così rapida sembra indicare che i governi dell'Unione Sovietica, della Persia e della Turchia erano già d'accordo in anticipo sull'assunzione del potere di Nader.

Nader accettò la nomina senza esitazione e, contrariamente alle sue precedenti affermazioni che non aveva intenzione di diventare re, assicurò agli inviati stranieri che avrebbe portato avanti le riforme di Amanollah, ma "per gradi e a lungo termine".

Non appena i fratelli si sedettero saldamente in sella al potere, cominciarono a rovesciare le riforme e le leggi del precedente re, chiudendo le istituzioni che Amanollah e i suoi assistenti avevano creato. I sostenitori delle riforme furono spietatamente perseguitati ed eliminati. Solo una volta qualcuno fu processato - quando Nader inscenò un processo farsa, con due membri anziani del regime di Amanollah, Mohammad Wali Khan (il vice di Amanollah) e il generale Mahmud Sâmi (un ambiguo emigrato dall'Iraq). Mahmud Sâmi fu condannato a morte, e Mohammad Wali fu condannato a otto anni di prigione con accuse inconsistenti; Nader lo fece poi assassinare in segreto. Tutti gli altri membri significativi dell'opposizione furono prontamente fucilati, impiccati o giustiziati a cannonate senza alcun processo legale.

Il regno del terrore di Nader non prese di mira solo gli oppositori, ma anche le loro famiglie, parenti e amici. I fratelli Ciarkhi, che avevano ricoperto alte cariche nel gabinetto di Amanollah e avevano combattuto per Amanollah, furono assassinati; e le loro intere famiglie, compresi neonati e bambini piccoli, furono poi imprigionati per decenni. Gholam Mohammad Ghobâr, uno storico rinomato e ardente sostenitore delle riforme, passò dodici anni in prigione, e i suoi figli furono esclusi dalle scuole e da qualsiasi altra forma di istruzione.

Quando Abdollrahman Lodi, il sindaco di Kabul (che una volta aveva tentato di assassinare Amir Habibollah), fu invitato nella residenza di Nader, dove lui e Nader consumarono un piacevole pranzo insieme, fu improvvisamente messo contro un muro e fucilato sommariamente. Il suo cadavere insanguinato fu trascinato per la città su un asino e consegnato a sua moglie. Dovette essere sepolto durante la notte. A nessuno fu permesso di partecipare al suo funerale, e fu proibita ogni commemorazione. Naturalmente, una rete di informatori e spie si espanse in tutto il paese. Due uomini finirono in prigione per aver semplicemente sussurrato qualcosa all'orecchio dell'altro quando un "parente di alto rango di Nader" passava per strada.

Quasi tutto ciò che aveva una qualche connessione con Amanollah o con le sue conquiste fu distrutto o lasciato in rovina. Alcuni magnifici edifici, monumenti e strutture improvvisamente presero fuoco e bruciarono. Anni dopo, quando i bambini giocavano su una locomotiva derelitta e abbandonata di una defunta Metrotranvia (istituita sotto Amanollah) nel quartiere Darollaman di Kabul, non sapevano nulla del suo passato, perché i libri di storia nelle loro scuole erano stati tutti riscritti: secondo le narrazioni ufficiali e sponsorizzate dallo stato dell'epoca, Nader e i suoi fratelli erano eroi che avevano portato l'Afghanistan all'indipendenza salvando il paese da traditori, agitatori e ladri. Ogni conquista che era sopravvissuta dal tempo di Amanollah era attribuita a loro.

Questi sono solo alcuni esempi dei numerosi crimini di Nader durante il suo regno del terrore di quattro anni, dal 1929 al 1933.

 

Foto Locomotiva abbandonata davanti al palazzo Darollaman, distrutta negli anni 90

Dopo che Nader aveva preso il potere, il già sottile strato di cittadini istruiti, progressisti e rispettati dell'Afghanistan si assottigliò ulteriormente. Le persone un tempo influenti che avevano organizzato gruppi di opposizione erano state assassinate, imprigionate, costrette a nascondersi o ad andare in esilio all'estero. In patria erano inseguiti da una fitta rete di informatori e spie, e all'estero erano sorvegliati dai servizi segreti di "Sua Maestà" a Londra, che fornivano importanti informazioni al despota di Kabul.

Personaggi loschi provenienti dall'India britannica, che erano direttamente o indirettamente collegati alle autorità del potere coloniale in India (gli stessi che consegnarono Nader dall'India), detenevano alti e importanti uffici o esercitavano una notevole influenza come consiglieri. Questi uomini, che erano all'inizio musulmani poveri o moderatamente benestanti dedicati a servire la "Corona britannica", finirono per acquisire grandi ricchezze in Afghanistan sotto Nader e la sua famiglia.

C'erano, tuttavia, combattenti indiani per l'indipendenza che si stabilirono anch'essi in Afghanistan. Queste persone furono perseguitate, arrestate, deportate, lasciate morire in prigione o furono sommariamente giustiziate. In questo caso particolare il clan pashtun ha convenientemente ignorato il "Pashtunwali", il codice dei pashtun, secondo il quale i richiedenti asilo devono ricevere sicurezza e protezione. Ma, più tardi, quando gli alleati chiesero l'estradizione di diversi nazisti che erano fuggiti in Afghanistan dopo la seconda guerra mondiale, lo stato afgano si rifiutò di estradare i nazisti, invocando il Pashtunwali.

I pochi membri dell'opposizione rimasti, per lo più giovani studenti, erano profondamente traumatizzati e disperati. Tutti i loro sogni e piani per una vita migliore per se stessi e per il paese, che erano tutti associati alle riforme di Amanollah, erano stati brutalmente distrutti - inizialmente dalle rivolte reazionarie e dalla conseguente guerra civile e poi da Nader e dal suo clan. Le generazioni future in Afghanistan avrebbero condiviso ripetutamente un tale destino... come mostrano chiaramente i recenti eventi del 2020.

Il legittimo re spodestato Amanollah, ancora esiliato a Roma, è rimasto indeciso e senza alcun piano. Sebbene l'intera classe istruita e una parte considerevole della popolazione non-pashtun, come gli hazara, fossero disposti a combattere per lui e ad aiutarlo a tornare al potere, egli preferì affidarsi alle potenze straniere, che avevano cambiato la loro posizione sull'Afghanistan alla vigilia della seconda guerra mondiale e durante l'ascesa del fascismo in Occidente. Per loro, Amanollah era una carta bruciata che non valeva più nulla.

Così alcuni dei giovani sognatori disillusi decisero di fare da soli. Un piccolo gruppo di studenti, che si incontrava regolarmente in un pub di Kabul dove teneva accese discussioni, era deciso a intraprendere una lotta armata contro il formidabile clan.

Un martedì, 6 giugno 1933, Sayed Kamal, uno studente che aveva appena completato i suoi studi in Germania, andò all'ambasciata afgana a Berlino e sparò all'ambasciatore Mohammad Aziz, fratello di Nader Khan.

Il governo tedesco intendeva estradare Sayed Kamal in Afghanistan, ma Nader insistette perché lo processassero in Germania e lo facessero giustiziare... altrimenti l'Afghanistan avrebbe rotto le relazioni con la Germania ed espulso tutti i tedeschi attualmente residenti in Afghanistan. Al suo processo, Sayed Kamal spiegò che la motivazione del suo atto era la sua feroce opposizione al colonialismo britannico e che il suo scopo era "colpire il cavallo per ostacolare il cavaliere". Fu condannato a morte per ghigliottina a Berlino. A Kabul, Nader impiccò il fratello maggiore di Sayed Kamal, che non aveva nulla a che fare con l'atto e gestiva solo una piccola drogheria.

Il 6 settembre 1933, Mohammad Azim Monshizada, un insegnante, tentò di entrare nell'ambasciata britannica a Kabul per assassinare l'ambasciatore britannico. Quando non riuscì ad entrare nell'edificio dell'ambasciata, sparò ad un impiegato americano con cui aveva avuto uno scambio all'ingresso. Anche un impiegato indiano e un giardiniere afgano sono stati uccisi nel mentre. Mohammad Azim Monshizada fu condannato a morte e giustiziato il 13 settembre 1933. L'ambasciatore britannico era personalmente presente alla sua esecuzione. Nader colse l'occasione per giustiziare altri prigionieri degni di nota che non avevano nulla a che fare con il crimine ed erano in prigione da tempo.

"I nostri eroi Sayed Kamal e Mohammad Azim hanno colpito il serpente nella coda, ma ora è il momento di sterminare il serpente una volta per tutte", avrebbe dichiarato ai suoi amici Abdollkhaleq, uno studente di 17 anni e presunto membro di un gruppo segreto di resistenza. Così si procurò una pistola e aspettò l'occasione giusta... L'8 novembre 1933 si sarebbe tenuta una cerimonia all'Arg (il palazzo reale nel centro di Kabul) dove Nader avrebbe tenuto un discorso e poi avrebbe distribuito i diplomi agli studenti e agli allievi. Doveva seguire una partita di calcio tra le squadre di due scuole.

Dopo il suo discorso, Nader ha proceduto alla consegna dei diplomi alla lunga fila di studenti. Quando arrivò il turno di Abdollkhaleq, il ragazzo tirò fuori la pistola che era riuscito a contrabbandare attraverso la sicurezza e abbatté Nader con tre proiettili.

 

Quella che si crede essere la prima foto in assoluto di Nader dopo l'attentato

Un abitante di Kabul avrebbe ricordato quel fatidico giorno: "Eravamo seduti in casa, senza sapere cosa fosse successo, quando mio padre si precipitò improvvisamente dalla porta eccitato e ci disse di preparare una festa, di procurare torte e frutta, perché oggi era un grande giorno. Gli chiedemmo quale fosse l'occasione, dato che non era il compleanno di nessuno e non c'era altro motivo per festeggiare. Lui disse: 'Invece c'è! Il cagnaccio inglese è appena stato mandato all'inferno". E tutti sapevamo a chi si riferiva."

Abdollkhaleq, tutta la sua famiglia, i suoi vicini, i suoi amici e alcuni dei suoi insegnanti e compagni di classe furono arrestati e portati in prigione. E diverse altre persone che non avevano nulla a che fare con il crimine, ma che erano note per essere oppositori della famiglia Mohammadzayi, furono anch'esse arrestate.

Il 18 dicembre 1933, il regime radunò le persone fedeli alla famiglia e altre figure di alto livello in un'ultima "performance" per cercare la loro approvazione dei verdetti di un processo farsa tenuto in precedenza. I fratelli di Nader, Mohammad Hashem (il primo ministro) e Shahmud (il ministro della guerra), presiedevano la congregazione. Le decisioni su chi sarebbe stato giustiziato e chi condannato all'ergastolo furono prese poco prima di pranzo.

Tutti gli arrestati furono torturati e ad alcuni di loro furono estorte false confessioni. Anche se Abdollkhaleq fu il più duramente torturato, egli insistette che aveva pianificato ed eseguito il crimine tutto da solo.

Nel pomeriggio, Abdollkhaleq e altri 15 furono stati giustiziati nella piazza davanti alla prigione centrale di Kabul. Tra loro c'erano il padre di Abdollkhaleq, i suoi due zii, due compagni di classe e amici stretti insieme ai loro padri, il vicepreside della scuola, tre membri della famiglia Ciarkhi (una famiglia fedele ad Amanollah) e sei giovani che avevano scritto e distribuito volantini.

Prima dell'esecuzione pubblica, Abdollkhaleq è stato ancora una volta aggredito e torturato - e così eccessivamente che è morto nel processo. Il suo cadavere insanguinato e senza vita è stato poi impiccato secondo il verdetto.

La madre di Abdollkhaleq, la zia e la sorella di tre anni morirono più tardi in circostanze inspiegabili nella prigione femminile. I loro corpi sono stati sepolti in un luogo sconosciuto. Infine, l'intera famiglia di Abdollkhaleq fu sterminata.

E... poiché Abdollkhaleq era un hazara, la popolazione hazara ancora una volta cadde in disgrazia dei governanti pashtun.

Per gli hazara e la maggior parte della popolazione non-pashtun dell'Afghanistan, Abdollkhaleq è considerato un eroe e un martire.

Foto Abdollkhaleq, eroe e martire

Molti anni dopo, il 7 aprile 1997, sulla scia di un colpo di stato riuscito e sanguinoso condotto dal Partito Democratico Popolare dell'Afghanistan, durante il quale Mohammad Daud (l'ultimo sovrano del clan Mohammadzayi) era stato ucciso combattendo con la sua famiglia, Radio Kabul proclamò che: "l'ultimo residuo della vituperata dinastia di "Nader il traditore", si è finalmente estinto". Questo annuncio è stato celebrato in molte famiglie dell'Afghanistan, soprattutto in quelle dei non-pashtun.

Un tempo, Nader ammise che Amir Abdollrahman era il suo modello e che nulla poteva o doveva essere intrapreso in Afghanistan senza l'approvazione della "Gran Bretagna". Nel suo breve regno, Nader ha cercato di emulare il suo mentore afgano e di servire i suoi padroni britannici.

Nader "il traditore" e Abdollrahman Khan "il succhiasangue" furono i despoti più brutali nella breve storia dell'Afghanistan e inflissero ferite profonde e permanenti a una società del Khorasan già malconcia – Pashtun compresi... E queste ferite rimangono aperte e fresche fino ad oggi.

 

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti