Niente lacrime di coccodrillo caro Polito: il capitalismo funziona esattamente così

Niente lacrime di coccodrillo caro Polito: il capitalismo funziona esattamente così

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sul Corriere di oggi Polito piange sull'etica capitalista smarrita, ma il suo cordoglio è fuori tempo massimo.

L'etica a cui si riferisce è infatti quella di cui parlava Max Weber nei primi decenni del Novecento, morta nel secondo dopoguerra e definitivamente sepolta dalla rivoluzione neo liberale (in Italia, negli Stati Uniti assai prima).

Risibile, per un intellettuale che si suppone abbia letto almeno qualche pagina di Marx, l'osservazione secondo cui il comportamento degli imprenditori e manager criminali della funivia non può essere motivato con avidità di profitto perché, con il loro crimine, hanno danneggiato i profitti di tutte le altre imprese del settore.

Ma il capitalismo funziona esattamente così: ogni impresa persegue l'obiettivo del massimo profitto ( con metodi più o meno "corretti") prescindendo completamente dagli interessi del sistema nel suo insieme (altrimenti non vi sarebbero crisi).

A imporre il rispetto di tali interessi è solo lo Stato (che detta ai singoli capitalisti le regole che devono  tutelare gli interessi generali della loro classe,  mentre deve al tempo stesso  soddisfare parzialmente i bisogni delle classi subalterne per ottenerne il consenso). Quindi la causa del disastro è, senza se e senza ma, l'avidità di profitto, checché blateri Polito il quale, per inciso, finge di dimenticare che il suo giornale è da sempre in prima fila nel tuonare contro l'invadenza dello stato e contro i lacci e laccioli che impone al libero mercato. Così come è in prima fila nel servile sostegno del campione mondiale della più selvaggia ricerca del profitto, quegli Stati Uniti che oggi vogliono trascinarci in guerra contro la Cina "statalista", anche rilanciando continuamente accuse - non provate se non con le accuse dei loro servizi - in merito alla responsabilità del laboratorio di Wuhan da cui sarebbe sortito il Covid. L'articolo a pagina 11, se esistesse ancora un'etica del giornalismo (morta assieme a quella del capitale), dovrebbe essere studiato nelle scuole come  esempio di scarsa etica professionale.

A partire dal titolo, che recita alla prima riga "Virus uscito da Wuhan", per cui il lettore distratto è indotto a credere che i "sospetti" (che sarebbe meglio definire le insinuazioni che Biden ha ereditato da Trump, visto che nello stesso articolo non trovano riscontro alcuno, anche a detta del virologo di stato Fauci) siano in realtà ampiamente dimostrati. Tutto il resto dell'articolo è un collage in cui gli autori  si barcamenano per cercare di invalidare le prove che dimostrano che il virus NON è uscito da un laboratorio.

Ma quando il padrone detta la linea occorre adeguarsi, altrimenti si rischia il posto...

Carlo Formenti

Carlo Formenti

Giornalista, professore e ricercatore in pensione. Autore di "Il socialismo è morto. Viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista" (Meltemi, 2019)

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti