Nuova via della Seta Marittima e teoria di Mahan "con caratteristiche cinesi"

Nuova via della Seta Marittima e teoria di Mahan "con caratteristiche cinesi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il dominio marittimo è un elemento cruciale per l’egemonia globale. Il controllo delle rotte marittime è infatti considerato fondamentale per garantire il monopolio del commercio mondiale e influenzare la politica globale, una visione che risale al XIX secolo con la teoria di Alfred Thayer Mahan sul potere marittimo. 

Alfred Thayer Mahan, ufficiale della Marina e storico statunitense, ha lasciato un'impronta indelebile sulla storia geopolitica alla fine del XIX secolo. La sua influente teoria marittima, sviluppata in quel periodo, ha plasmato le politiche espansionistiche degli Stati Uniti, fornendo una chiave di lettura strategica che ha permeato le decisioni cruciali della nazione nordamericana.

La visione di Mahan, elaborata nel contesto dell'ascesa delle ambizioni imperialiste statunitensi, sottolineava l'indispensabilità di una marina potente e del controllo delle rotte marittime per garantire la prosperità economica e politica di una nazione. Questa teoria si è integrata in modo sinergico con gli obiettivi di espansione degli Stati Uniti, giustificando il loro intervento in territori stranieri e la costruzione di un impero oltre i confini nazionali.

Nelle sue memorie, From Sail to Steam, Mahan attribuì alla sua lettura della Storia di Roma in sei volumi di Theodore Mommsen l'intuizione che la potenza marittima era la chiave per il predominio globale. In The Influence of Sea Power Upon History, Mahan esamina il ruolo della potenza marittima nell’emergere e nella crescita dell’Impero britannico. Nel primo capitolo del libro, descrisse il mare come una “grande autostrada” e un “ampio terreno” con “vie commerciali ben tracciate” su cui gli uomini passano in tutte le direzioni. Identificò numerosi passaggi stretti o “strozzature” strategiche, il cui controllo contribuì al controllo dei mari da parte della Gran Bretagna. Dunque elencò sei elementi fondamentali della potenza marittima: posizione geografica, conformazione fisica, estensione del territorio, dimensione della popolazione, carattere delle persone e carattere del governo. Basandosi in gran parte su questi fattori, Mahan immaginava gli Stati Uniti come il successore geopolitico dell’Impero britannico. 

La strategicità della potenza navale, secondo Mahan, era fondamentale per difendere gli interessi economici di una nazione, assicurare la sicurezza delle rotte marittime e proiettare il potere oltre i propri confini. Il controllo di punti chiave di strozzatura marittima e di basi navali diventava un mezzo per esercitare influenza su altre nazioni, spingendo gli Stati Uniti a potenziare le loro capacità navali per competere con le potenze coloniali consolidate, come Gran Bretagna e Germania.

Senza dubbio la teoria marittima di Mahan ha giocato un ruolo fondamentale nel plasmare il dominio imperialista statunitense, fornendo un quadro strategico per l'espansione dell'influenza USA e la costruzione di un impero oltre i confini nazionali. Questa teoria ha evidenziato l'importanza della potenza navale nel garantire interessi economici e nel proiettare il potere al di là dei confini nazionali, una visione abbracciata dagli Stati Uniti per giustificare politiche interventiste, acquisizioni territoriali e l'installazione di basi navali in tutto il mondo.

L'essenza dell'idea principale di Mahan era che il destino dell'umanità è deciso nella vastità dell'Oceano Mondiale e che la forza trainante del progresso è la competizione tra le forze marittime (insulari, costiere) e terrestri (continentali). Per spiegare la supremazia britannica alla fine del XIX secolo sugli altri Stati grazie alla sua potenza marittima, Mahan scrisse: “L’utilizzo e il controllo adeguati dei mari costituiscono non solo un anello della catena di scambio attraverso la quale (i paesi) accumulano ricchezza… ma è l’anello centrale”.

Mahan in Cina

Se il dominio dei mari ha accompagnato la lunga egemonia statunitense, adesso la situazione è molto cambiata. I tempi in cui la Marina a stelle strisce non conosceva rivali e dettava legge nei mari mondiali sembrano ormai archiviati. Come viene ammesso con preoccupazione negli Stati Uniti stessi. 

Un articolo uscito lo scorso dicembre sulla rivista Newsweek, riportava con preoccupazione il parere di esperti statunitensi, i quali sottolineavano l’impreparazione della flotta di Washington rispetto a imminenti sfide da affrontare. Al contempo il Wall Street Journal segnala che la Cina è divenuta il cantiere navale mondiale. L'anno scorso, più della metà della produzione mondiale di costruzioni navali commerciali proveniva dalla Cina, rendendola il principale costruttore navale mondiale con un margine significativo. I cantieri navali occidentali, un tempo prolifici, che contribuirono a costruire imperi, espandere il commercio e vincere guerre sono ormai finiti in rovina. L’Europa rappresenta solo il 5% della produzione globale, mentre il contributo degli Stati Uniti è quasi pari a zero.

La pubblicazione statunitense lo definisce un simbolo della trasformazione storica della Cina da potenza continentale a potenza marittima e ritiene inoltre che il leader cinese Xi Jinping veda la costruzione navale come una risorsa strategica chiave per cambiare l'ordine mondiale e prevalere sui rivali in qualsiasi guerra futura.

Allo stesso tempo, l’industria cantieristica degli Stati Uniti, un tempo potente, è caduta in declino. Non produce più un numero significativo di navi mercantili. Molti cantieri navali nordamericani hanno un solo cliente importante, la Marina, e questi cantieri navali non riescono a consegnare in tempo e sono troppo costosi.
 
La Marina cinese conta 370 navi da guerra, il che la rende la più grande del mondo. Si prevede che il numero di navi salirà a 435 entro il 2030. Inoltre, i cantieri cinesi stanno costruendo navi da guerra sempre più sofisticate, come i cacciatorpediniere Type 055. Nel frattempo, secondo le previsioni, la Marina USA, con le sue 292 navi, nella migliore delle ipotesi rimarrà la stessa dimensione, o nel peggiore dei casi, diminuirà nei prossimi anni.

Insomma, sembra che Mahan si sia trasferito a Pechino. La Cina, come potenza globale in ascesa, sta applicando sempre più la teoria marittima di Mahan al proprio pensiero strategico e all’espansione navale.

Innanzitutto, la posizione geografica e la lunga costa della Cina la rendono particolarmente suscettibile al concetto di potenza marittima. Con una linea costiera che si estende per oltre 18.000 chilometri, la Cina ha enormi interessi strategici che si trovano oltre i suoi confini. Ha bisogno di proteggere le sue rotte marittime di comunicazione, proteggere le sue risorse all’estero e garantire un ambiente sicuro per il suo commercio marittimo. Studiando la teoria di Mahan, la Cina capisce che deve investire in una marina forte in grado di proiettare il potere oltre le sue coste immediate.

La rapida modernizzazione militare e l'espansione delle sue capacità navali da parte della Cina riflettono la sua comprensione e applicazione della teoria di Mahan. Negli ultimi due decenni, la Cina ha investito molto nella tecnologia navale, costruendo navi da guerra, sottomarini e portaerei sempre più sofisticati. Questa espansione non è semplicemente una dimostrazione di forza, ma uno sforzo cosciente da parte di Pechino per affermare il proprio dominio nelle principali regioni marittime, come il Mar Cinese Meridionale e l’Oceano Indiano. Controllando queste rotte marittime cruciali, la Cina può salvaguardare meglio i propri interessi economici e aumentare la propria influenza nella regione.

Mahan evidenziava anche l'importanza di una forte flotta mercantile per garantire il dominio marittimo. La Cina ha riconosciuto questo aspetto della teoria di Mahan ed è diventata la più grande nazione commerciale del mondo. Sviluppando una solida flotta mercantile, la Cina non solo ha assicurato il proprio commercio marittimo, ma ha anche acquisito una significativa influenza economica sulle altre nazioni. Questa forza economica consente alla Cina di investire ulteriormente nelle sue capacità navali e di espandere la propria sfera di influenza.

Inoltre, lo sviluppo cinese di basi navali e strutture all’estero è in linea con la teoria di Mahan degli avamposti strategici. La creazione da parte della Cina di una base militare a Gibuti e la sua presenza militare nel Mar Cinese Meridionale sono esempi di tali avamposti strategici. Queste strutture consentono alla Cina di estendere la sua portata e di proteggere i propri interessi in regioni vitali, rafforzando in definitiva la sua supremazia marittima.

Inoltre, la crescente partecipazione della Cina alle esercitazioni navali internazionali e alle esercitazioni militari congiunte - come la recente con Russia e Iran - riflette la sua crescente fiducia e attuazione della teoria di Mahan. Impegnandosi in sforzi di cooperazione con altre potenze navali, la Cina acquisisce una preziosa esperienza e si afferma come attore marittimo globale. Questa partecipazione aiuta anche la Cina a costruire fiducia e partenariati con altre nazioni, mitigando potenziali conflitti e promuovendo la coesistenza pacifica.


Nuova via della Seta Marittima e teoria di Mahan

La Nuova Via della Seta Marittima, arteria navale della Belt and Road Initiative (BRI), è un piano ambizioso del governo cinese per migliorare la connettività e promuovere la cooperazione economica tra i paesi dell’Asia, dell’Europa e dell’Africa. Negli ultimi anni, la BRI ha guadagnato una notevole attenzione e ha suscitato varie discussioni e dibattiti. Un aspetto interessante della BRI è il suo allineamento con la Teoria di Mahan.

La Nuova Via della Seta Marittima è un’iterazione moderna dell’antica Via della Seta, che facilitava il commercio e lo scambio culturale tra diverse regioni del continente eurasiatico. La BRI mira a rilanciare ed espandere questa storica rotta commerciale investendo in progetti infrastrutturali come porti, ferrovie e autostrade. Questi investimenti sono progettati per migliorare la connettività e ridurre le barriere commerciali tra i paesi partecipanti, promuovendo lo sviluppo economico e la cooperazione.

La teoria Mahan di Alfred Thayer Mahan, come abbiamo visto, sostiene che la potenza marittima è cruciale per l'influenza di una nazione nel mondo. Secondo Mahan, una marina forte è essenziale per proteggere le rotte commerciali, proiettare il potere e garantire l’accesso alle risorse. In sostanza, la teoria di Mahan sottolinea l'importanza del dominio marittimo come mezzo per garantire un vantaggio strategico.

Il collegamento tra la Nuova Via della Seta Marittima e la Teoria di Mahan risiede nella loro attenzione condivisa al commercio marittimo e alla connettività. L’enfasi della BRI sulla costruzione di porti e altre infrastrutture lungo le rotte marittime riecheggia la convinzione di Mahan sull’importanza di mantenere il controllo sulle principali rotte marittime. Investendo nelle strutture portuali, la Cina mira ad espandere la propria influenza marittima, garantire i propri interessi economici e lo sviluppo condiviso. 

Inoltre, l’attenzione della BRI sul miglioramento della connettività è in linea con la teoria di Mahan. Mahan sosteneva che il controllo sulle rotte marittime cruciali consente a una nazione di facilitare il commercio e mantenere la prosperità economica. Allo stesso modo, la BRI mira a migliorare la connettività costruendo ferrovie, autostrade e gasdotti, che porteranno a un aumento del commercio e della cooperazione economica tra i paesi partecipanti.


Conclusioni

Mahan sosteneva nella sua opera “L'influenza della potenza marittima sulla storia 1660-1783" che “il potere del mare decide il destino della storia”. Evidentemente in linea con questa visione Xi Jinping nel 2013 avviava la lunga marcia per trasformare la Cina in una potenza marittima. 

La realtà attuale è innegabile: la Cina è diventata una grande potenza marittima. Eccelle in tutti gli elementi che costituiscono questa potenza, tra cui la sua capacità di costruzione navale, le sue navi mercantili e le sue navi da guerra.

A Pechino abbiamo quindi Alfred Thayer Mahan con caratteristiche cinesi.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti