/ NYT: Riad ha costretto Hariri a dimettersi per incolpare l'Iran

NYT: Riad ha costretto Hariri a dimettersi per incolpare l'Iran

 

Fonti diplomatiche riportate dal quotidiano statunitense, 'The New York Times', rivelano che il figlio del re saudita ha costretto alle dimissioni del premier libanese, Saad Hariri, per poi accusare l'Iran di destabilizzare il paese dei cedri.


Nelle dichiarazioni raccolte oggi dal noto quotidiano statunitense, 'The New York Times (NYT), fonti saudite, libanesi e occidentali hanno svelato nuovi scenari delle delle dimissioni a sorpresa, a lo scorso novembre, del primo ministro libanese dall'Arabia Saudita.
 
Secondo le fonti citate anonimamente, il regime di Riyadh ha convocato Hariri per un incontro nel regno arabo. Mentre Hariri si stava dirigendo verso il palazzo reale, quando gli "avrebbero preso il suo cellulare e le sue guardie del corpo" e le forze di sicurezza locali "lo avrebbero spinto e insultato".
 
Tuttavia, il capo del governo libanese ha sofferto "la più grande umiliazione" quando i sauditi gli hanno dato un discorso sul quale c'erano le sue dimissioni e lo hanno costretto a leggerlo alla televisione di stato.
 
Secondo i media statunitensi, l'architetto di questa misura sarebbe stato il controverso principe ereditario saudita, Mohamad bin Salmán. Infatti, il figlio del re costrinse Hariri a dimettersi "sotto pressione" e poi "accusare pubblicamente l'Iran" per destabilizzare il Libano.

 
Le fonti hanno aggiunto che, in effetti, Bin Salman ha cercato di "sbarazzarsi" del premier libanese perché ha "disobbedito" agli ordini sauditi contro l'Iran e il Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah).
 
In ogni caso, il New York Times ha definito "non riuscite" queste "tattiche goffe" adottate da Riyadh ed Hariri è tornato dopo tre settimane in Libano e ha formalmente ritirato le sue dimissioni, non è riuscito anche per impedire il rafforzamento delle Hezbollah come un attore politico influente del Libano.
 
D'altra parte, l'Arabia Saudita, con questa errata manovra, ha allontanato anche i suoi alleati sunniti dal Libano.
 
Fin dall'inizio, le autorità di Beirut e diversi gruppi politici hanno accusato i sauditi di pressioni su Hariri per dimettersi e di avere tenuto in ostaggio per indebolire la resistenza libanese e creare il caos e l'instabilità nel paese dei cedri.
 
Fonte: The New York times
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa