Patrick Lawrence - La banalità della propaganda israeliana

Patrick Lawrence - La banalità della propaganda israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Gli annali dell'arte orrenda - quella di Hitler, di Mussolini, del Giappone e dell'America durante la Seconda Guerra Mondiale - dimostrano che non è necessario che sia sofisticata. La esposizione del Mein Kampf da parte del presidente israeliano lo ha nuovamente dimostrato.


di Patrick Lawrence – ConsortiumNews

 

Domenica ho visto un video clip di Isaac Herzog, dove il presidente israeliano tiene in mano una copia del Mein Kampf, tradotto in arabo.

Il video è stato realizzato un giorno dopo un'immensa manifestazione a Londra in favore di un cessate il fuoco a Gaza e della liberazione dei palestinesi dalla lunga e violenta repressione di Israele. Ecco una parte delle parole di Herzog:

"Voglio mostrarvi qualcosa di esclusivo. Questo è il libro di Adolf Hitler, Mein Kampf. È il libro che ha portato all'Olocausto e alla Seconda Guerra Mondiale. Questo è il libro che ha portato... alla peggiore atrocità dell'umanità, contro la quale gli inglesi hanno combattuto.

Questo libro è stato trovato pochi giorni fa nel nord di Gaza, nel salotto di un bambino trasformato in una base operativa militare di Hamas, sul corpo di uno dei terroristi e assassini di Hamas, che ha persino preso appunti, ha segnato, e ha imparato ancora e ancora l'ideologia di Hitler di uccidere gli ebrei, di bruciare gli ebrei, di massacrare gli ebrei.

Questa è la vera guerra in cui ci troviamo. Quindi tutti coloro che hanno manifestato ieri - non sto dicendo che tutti loro sostengono Hitler. Ma sto solo dicendo che omettendo di capire in cosa consiste l'ideologia di Hamas, stanno fondamentalmente sostenendo questa ideologia."

È possibile vedere una versione di un minuto e 22 secondi di questo video clip qui o una versione più lunga della BBC qui. In entrambi i casi, vediamo il capo di Stato israeliano giocare la carta dell'Olocausto, la carta di Hitler, la carta delle vittime ebree e la carta di Hamas come mostri sanguinari che bruciano e massacrano, tutto in una volta.

Non riesco a identificare la rete televisiva che ha mostrato la versione più breve di Herzog, e mi stupisce che la BBC l'abbia presa abbastanza sul serio da trasmetterla, ma questa è la Beeb di questi tempi - sempre attiva per la causa transatlantica.

Dopo aver visto Herzog e aver preso appunti, ho pensato a quanto sia inconsistente la propaganda nella maggior parte dei casi. Questo è vero in molti, moltissimi casi negli annali della terribile arte: quella di Hitler, di Mussolini, del Giappone e dell'America durante la Seconda Guerra Mondiale. A guardarla ora, nessuna di queste opere è molto sofisticata per il semplice motivo che non è necessario che lo sia.

La propaganda si basa su un impatto forte, la sottigliezza è l'ultima cosa a cui pensa il propagandista. Il banale andrà sempre bene. I giapponesi durante la guerra del Pacifico si chiamavano "Japs" o "Nips", e nella moltitudine di immagini della propaganda americana avevano denti a becco d'oca e baffi a matita e portavano occhiali rotondi sui loro occhi malvagi da asiatici.

Dopo aver visto il video di Herzog, sono andato alla ricerca dei filmati di Londra del giorno precedente. Ci sono state molte manifestazioni contro la selvaggia campagna militare di Israele a Gaza da quando sono scoppiate le ostilità il 7 ottobre, e potrebbero essercene molte altre, ma quella di Londra di sabato scorso sembra la più grande fino ad oggi.

"Free Gaza", "Ceasefire Now", "Not in Our Names": queste erano alcune delle cose gridate e scarabocchiate sui cartelli mentre la protesta si snodava lentamente attraverso il centro di Londra, da Hyde Park all'ambasciata statunitense a diversi chilometri di distanza. La polizia ha stimato in 300.000 il numero dei manifestanti. Dai filmati - tutto quello che ho a disposizione - direi che si avvicina al mezzo milione.

Se si guarda abbastanza propaganda, contemporanea o storica, si scopre che non importa nemmeno se i copioni e le immagini tradiscono la crudezza e l'indegnità di chi produce la propaganda. L'intento è solo quello di catturare i pensieri e i sentimenti della maggioranza non pensante, per quanto sia necessario farlo.

Il dipartimento di propaganda israeliano in uno stato di disperazione

Ma questo progetto è più difficile oggi, nell'era dei media digitali e di una stampa indipendente sempre più influente. Così mi sembra. La gente può vedere di più e in modo più chiaro e immediato, se sceglie di guardare. E sempre più persone scelgono di farlo.

Se l'idiota filmato di Herzog ci ha detto qualcosa, è che il dipartimento di propaganda israeliano è in uno stato di disperazione, avendo già perso la guerra delle relazioni pubbliche mentre le Forze di Difesa israeliane scavano la fossa ogni giorno di più.

Dopo aver visto il video di Herzog e poi quello di Londra, ho pensato a un passaggio memorabile de Le origini del totalitarismo di Hannah Arendt:

"In un mondo sempre mutevole e incomprensibile, le masse erano arrivate al punto di credere contemporaneamente a tutto e a niente, di pensare che tutto fosse possibile e che niente fosse vero. La propaganda di massa scoprì che il suo pubblico era pronto in ogni momento a credere al peggio, per quanto assurdo, e non si opponeva particolarmente a essere ingannato perché riteneva che ogni affermazione fosse comunque una menzogna".

La Arendt guardava al Reich e all'Unione Sovietica di Stalin quando scrisse il suo celebre trattato del 1951. Ma il pensiero sembra non essere mai stato così lontano dalla sua mente.

In una conversazione con un attivista francese per la libertà di parola, non molto tempo prima della sua morte nel 1975, la Arendt ebbe parole ancora più crude su ciò che alla fine deriva da circostanze come la nostra. "Se tutti ti mentono sempre", disse a Roger Errera, "la conseguenza non è che tu creda alle bugie, ma piuttosto che nessuno creda più a niente".

Mezzo secolo prima che Herzog girasse il suo video e che i manifestanti riempissero le strade di Londra, la Arendt ha descritto perfettamente lo scorso fine settimana.

È una bella cosa che sempre meno persone si lascino ingannare dai blitz di psyop e propaganda dello Stato di sicurezza nazionale, dei media aziendali e di regimi spietati - anzi, hitleriani, per dirla tutta - come quello di Israele.

Ma vivere in un mondo in cui non si crede a nulla di ciò che viene detto è una vera e propria miseria. È di fatto una resa di tutto il discorso pubblico e dello spazio pubblico al maligno, all'indecente, al disumano, al degradato e al degradante. La verità, e con essa il pensiero logico e la semplice decenza, diventano "alternativi".

C'è un modo per guardare al di là delle nostre circostanze degradate? O dobbiamo vagare indefinitamente in uno stato di negatività, di non credenza, di alienazione dalla nostra stessa politica?

La mia risposta è sì alla prima domanda, no alla seconda: c'è sempre un modo per costruire un futuro diverso - è una questione di principio. In questo caso il progetto deve iniziare con il recupero del linguaggio. Rifiutare la lingua ufficiale di chi detiene il potere, come fanno oggi molte persone, è un inizio. Dobbiamo poi imparare di nuovo a parlare la lingua che non viene parlata, la lingua in cui risiede la verità.

In gran parte a causa del modo in cui ho trascorso i miei anni di professione, sono particolarmente sensibile al potere del linguaggio quando viene utilizzato per la chiarezza e la comprensione o per l'offuscamento e l'ignoranza.

Il linguaggio delle istituzioni, il linguaggio del potere, è fatto di eufemismi oscuranti - "leadership globale", "danni collaterali", "cambio di regime", "comunità di intelligence", "ordine basato sulle regole" e così via attraverso il lessico burocratico - e di audaci falsificazioni come quelle che Isaac Herzog ci ha offerto domenica scorsa.

Orwell ha descritto come il linguaggio degli ideologi e dei mandarini burocratici devasti la nostra capacità di pensare con chiarezza - proprio il suo scopo - in "Politics and the English Language". Da quando pubblicò il suo saggio su Horizon nell'aprile del 1946, il problema, così come lo abbiamo, è peggiorato di sette decenni.

Questo uso del linguaggio ha disarmato il linguaggio stesso, privandolo del suo potere di affermazione, cosicché discorsi o scritti al di fuori dell'ortodossia possono essere scartati come sede di un discorso serio.

Il linguaggio viene reso impotente come mezzo di pensiero creativo o come stimolo per un'azione nuova e fantasiosa.

L'uso assurdo e offensivo dell'espressione "antisemitismo", che ora ci assale, ne è un esempio. L'intento evidente è quello di imporre un vasto silenzio per oscurare i crimini dell'apartheid israeliana. 

Il compito che abbiamo di fronte è quello della restaurazione. È quello di riprendersi il linguaggio, di rinnovare la sua vita, di strapparlo all'influenza mortifera delle istituzioni, delle burocrazie e dei media aziendali, che hanno deformato il linguaggio in uno strumento per l'imposizione del conformismo. Ecco perché ogni grido e ogni cartello che si sente o si vede a Londra o in molte altre città in questi giorni è importante, è un atto di significato e di valore.

Il linguaggio chiaro è uno strumento - disadorno, scritto e parlato in modo semplice, colloquiale nel senso migliore del termine ma perfettamente capace di sottigliezze e complessità. È il linguaggio della storia, non del mito.

Questa lingua non è parlata per la causa dell'impero, ma sempre per la causa umana. "Palestina libera", "Dal fiume al mare": Sono esempi di due e sei parole del linguaggio che descrivo.  

Questo è il linguaggio necessario per affrontare il potere, anziché assecondarlo. È un linguaggio che presuppone l'utilità dell'intelligenza e del pensiero critico. È destinato a porre molte domande degne di nota. È dedicato senza riserve ad ampliare ciò che è possibile dire in risposta ostile al "grande indicibile", come lo chiamo io.

Attraverso questo linguaggio ci attende un discorso pubblico più vibrante e soddisfacente. Grazie a questo linguaggio, gli Isaac Herzog, Antony Blinkens e Ursula von der Leyens che inquinano il nostro spazio pubblico possono essere ridotti a ciò che sono: bugiardi e propagandisti. Il potere della lingua che descrivo priverà di ogni potere la lingua che parlano.

Parliamolo, scriviamolo, scarabocchiamolo sui muri e sui fogli di cartone. Riconosciamolo come lo strumento più potente a disposizione di coloro che rifiutano il silenzio che Isaac Herzog ha cercato di imporre a tutti i londinesi lo scorso fine settimana.

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*Patrick Lawrence, corrispondente all'estero per molti anni, principalmente per l’ International Herald Tribune , è critico dei media, saggista, autore e conferenziere. Il suo libro più recente è  Time No Longer: Americans After the American Century . Il suo sito web è Patrick Lawrence.

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti