Pepe Escobar - Guerra per procura Nato-Russia: a che punto siamo?

Pepe Escobar - Guerra per procura Nato-Russia: a che punto siamo?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'analista geopolitico Pepe Escobar racconta le sue prime sensazioni dopo i due mesi passati in Russia (con due viaggi in Donbass). Abbiamo tradotto il suo messaggio pubblicato sui suoi social personali.

-------

di Pepe Escobar

Dopo due mesi in Russia, compresi due viaggi nel Donbass, permettetemi di offrire una valutazione realistica della guerra per procura tra NATO e Russia, basata su numerose conversazioni approfondite con attori seri, compresi i comandanti sul campo.

La Russia sta spopolando de facto l'Ucraina di neonazisti/cripto-nazisti di ogni genere. Questo era uno degli obiettivi dell'operazione speciale fin dall'inizio, insieme alla smilitarizzazione.

L'obiettivo finale rimane comunque lo stesso: ciò che resta dell'Ucraina dovrà essere uno Stato neutrale, non appartenente alla NATO.

Non si tratta di ottenere il controllo del territorio. La Russia ha già molto più territorio di quello che è in grado di sviluppare - una questione che ho discusso in dettaglio con persone provenienti da diversi oblast (muoio dalla voglia di andare in Kamchatka, Altai, Buryatia, Yamal...).

Il Cremlino/Consiglio di sicurezza ha una strategia chiara. Il terrorismo - contro i civili e le infrastrutture - NON li farà deviare dalla strategia scelta.

L'USUKEU - abbreviazione di NATOstan - e i loro burattini ucraini a Kiev sono sempre più disperati ogni secondo che passa.

La loro strategia preferita d'ora in poi sarà il terrore.

C'è la possibilità di un altro attacco al ponte di Crimea - Budanov lo ha già dichiarato. Per non parlare dei civili di San Pietroburgo e Mosca.

Il signor 87% ha un mandato popolare per fare tutto il necessario. A seconda dell'escalation del terrore, la punizione potrebbe andare fuori scala e raggiungere una vera e propria autostrada per l'inferno.

Oppure no.

I britannici continueranno ad essere ossessionati dall'affondare il maggior numero possibile di navi del Mar Nero con droni e missili da crociera. Le informazioni sui bersagli provengono dagli aerei spia USUK basati in Romania. La Russia non li sta "neutralizzando" - ancora.

I droni/missili/HIMARS stanno distruggendo le raffinerie nel profondo della Russia, decimando la flotta del Mar Nero e distruggendo costantemente i veicoli da combattimento. La NATO ha un vantaggio tecnologico sulla Russia in alcuni settori chiave - ed è per questo che la guerra per procura si sta trascinando e si protrae.

E continuerà a trascinarsi. 

Perché la Russia non ha ancora tutto ciò che serve per mettere fuori gioco gli americani e la NATO. L'unica certezza è che ci saranno altre "sorprese" di guerra asimmetrica.

La CIA/MI6 continuerà a tessere la propria architettura del terrore attraverso ogni sorta di "proxy" - e non solo l'ISIS-K.

Non c'è alcuna indicazione che Mosca abbia intenzione di contrattaccare direttamente. Perché questo significherebbe una guerra aperta e calda tra Russia e NATO.

Tutto ciò spiega l'attuale - chiarametne esasperante - strategia russa. Macinare carne lungo le linee del fronte. Minime perdite russe. Obiettivi dettagliati per eliminare praticamente tutte le infrastrutture elettriche dell'Ucraina.

Tuttavia, la de-militarizzazione - certamente in corso - dovrà alla fine raggiungere lo stadio della decapitazione del regime.

E il corollario sarà inevitabile: la resa incondizionata. Per Mosca non c'è altro scenario possibile.

Quando saremo vicini alla fine del gioco, la Russia non chiederà "negoziati".

Il nocciolo della questione è stato esposto nella bozza di trattato sull'"indivisibilità della sicurezza" del dicembre 2021, che gli americani hanno letto a malapena e certamente non hanno capito.

L'Orso può aspettare. È tutto lì. Toccherà all'Egemone decidere finalmente di sedersi al tavolo. Prima di essere totalmente umiliato, prima o poi, terrore o non terrore, nella nera terra di Novorossiya.

-----------

Per approndire. 

Leggi: Terza guerra Mondiale? Fattore Malvinas




Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti