Pepe Escobar - La power troika batte Biden in Asia occidentale

Pepe Escobar - La power troika batte Biden in Asia occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

I presidenti di Russia, Iran e Turchia si sono riuniti per discutere le questioni critiche relative all'Asia occidentale, con l'occupazione illegale della Siria da parte degli Stati Uniti un punto di discussione chiave.

Il vertice di Teheran che ha unito Iran-Russia-Turchia è stato un evento affascinante sotto più di un aspetto. Apparentemente sul processo di pace di Astana in Siria, avviato nel 2017, la dichiarazione congiunta del vertice ha debitamente notato che Iran, Russia e (recentemente ribattezzato) Turkiye continueranno a "cooperare per eliminare i terroristi" in Siria e "non accetteranno nuovi fatti in Siria in nome della sconfitta del terrorismo”.

Questo è un rifiuto totale dell'unipolarità eccezionalista della "guerra al terrore" che un tempo governava l'Asia occidentale.

Resistere allo sceriffo globale

Il presidente russo Vladimir Putin, nel suo stesso discorso , è stato ancora più esplicito. Ha sottolineato "passi specifici per promuovere il dialogo politico inclusivo intra-siriano": "Gli stati occidentali guidati dagli Stati Uniti stanno incoraggiando fortemente il sentimento separatista in alcune aree del paese e saccheggiando le sue risorse naturali con un alla fine di separare lo stato siriano”.

Quindi ci saranno "passi aggiuntivi nel nostro formato trilaterale" volti a "stabilizzare la situazione in quelle aree" e, soprattutto, a "restituire il controllo al governo legittimo della Siria". Nel bene e nel male, i giorni del saccheggio imperiale saranno finiti.

Ancora più intriganti gli incontri bilaterali a margine del vertice – Putin/Raisi e Putin/Erdogan. Qui il contesto è fondamentale: il raduno di Teheran si è svolto dopo la visita di Putin in Turkmenistan a fine giugno per il sesto vertice del Caspio, a cui erano presenti tutte le nazioni costiere, compreso l'Iran, e dopo i viaggi del ministro degli Esteri Sergei Lavrov in Algeria, Bahrain, Oman , e l'Arabia Saudita, dove ha incontrato tutti i suoi omologhi del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC).

Il momento di Mosca

Quindi vediamo la diplomazia russa intrecciare con cura il suo arazzo geopolitico dall'Asia occidentale all'Asia centrale, con tutti e il suo vicino desiderosi di parlare e ascoltare Mosca. Allo stato attuale, l’intesa cordiale Russia-Turchia tende a propendere per la gestione dei conflitti ed è forte nelle relazioni commerciali. Iran-Russia è un gioco completamente diverso: molto più di una partnership strategica.

Non è quindi una coincidenza che la National Oil Company of Iran (NIOC), in programma per il vertice di Teheran, abbia annunciato la firma di un accordo di cooperazione strategica da 40 miliardi di dollari con la russa Gazprom. Questo è il più grande investimento estero nella storia dell'industria energetica iraniana, estremamente necessario dall'inizio degli anni 2000. Sette accordi del valore di quattro miliardi di dollari si applicano allo sviluppo dei giacimenti petroliferi; altri si concentrano sulla costruzione di nuovi gasdotti di esportazione e progetti di GNL.

Il consigliere del Cremlino Yury Ushakov ha deliziosamente fatto trapelare che Putin e il leader supremo dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, nel loro incontro privato, "hanno discusso di questioni concettuali". Traduzione: significa grande strategia, come nel complesso e in evoluzione del processo di integrazione dell'Eurasia, in cui i tre nodi chiave sono Russia, Iran e Cina, che ora intensificano la loro interconnessione. Il partenariato strategico Russia-Iran rispecchia ampiamente i punti chiave del partenariato strategico Cina-Iran.

L'Iran dice "no" alla NATO

Khamenei, sulla NATO, ha detto le cose come stanno: “Se la strada è aperta per la NATO, allora l'organizzazione non vede confini. Se non fosse stata fermata in Ucraina, dopo un po' l'alleanza avrebbe iniziato una guerra con il pretesto della Crimea".

Non ci sono state fughe di notizie sull'impasse del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) tra Stati Uniti e Iran, ma è chiaro, sulla base dei recenti negoziati a Vienna, che Mosca non interferirà con le decisioni nucleari di Teheran. Non solo Teheran-Mosca-Pechino sono pienamente consapevoli di chi sta impedendo al JCPOA di tornare in carreggiata, ma vedono anche come questo processo di stallo controproducente impedisce all'Occidente collettivamente di accedere al petrolio iraniano di cui c'è un disperato bisogno.

Poi c'è il fronte delle armi. L'Iran è uno dei leader mondiali nella produzione di droni: Pelican, Arash, Homa, Chamrosh, Jubin, Ababil, Bavar, droni da ricognizione, droni d'attacco, persino droni kamikaze, economici ed efficaci, per lo più schierati da piattaforme navali nell'Asia occidentale.

La posizione ufficiale di Teheran non è quella di fornire armi alle nazioni in guerra, il che in linea di principio invaliderebbe le false "informazioni" statunitensi sulla loro fornitura alla Russia in Ucraina. Eppure, ciò potrebbe sempre accadere sotto il radar, considerando che Teheran è molto interessata all'acquisto di sistemi di difesa aerea russi e aerei da combattimento all'avanguardia. Dopo la fine dell'embargo imposto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia può vendere qualsiasi arma convenzionale all'Iran ritenga opportuno.

Gli analisti militari russi sono affascinati dalle conclusioni a cui sono giunti gli iraniani quando è stato stabilito che non avrebbero avuto alcuna possibilità contro un'armata della NATO; essenzialmente scommettono su una guerriglia di livello pro (una lezione appresa dall'Afghanistan). In Siria, Iraq e Yemen hanno schierato addestartori per guidare gli abitanti dei villaggi nella loro lotta contro i salafiti-jihadisti; ha prodotto decine di migliaia di fucili da cecchino di grosso calibro, ATGM e termiche; e, naturalmente, hanno perfezionato le loro linee di assemblaggio dei droni (con eccellenti telecamere per sorvegliare le postazioni degli Stati Uniti).

Per non parlare del fatto che contemporaneamente gli iraniani stavano costruendo missili a lungo raggio abbastanza capaci. Non c'è da stupirsi che gli analisti militari russi stimino che c'è molto da imparare tatticamente dagli iraniani, e non solo sul fronte dei droni.

Il balletto Putin-Sultano

Ora al Putin-Erdogan, sempre un balletto geopolitico che cattura l'attenzione, soprattutto considerando che il Sultano non ha ancora deciso di salire sul treno ad alta velocità di integrazione dell'Eurasia.

Putin ha diplomaticamente "espresso gratitudine" per le discussioni su questioni alimentari e cerealicole, ribadendo che "non tutte le questioni sull'esportazione di grano ucraino dai porti del Mar Nero sono state risolte, ma sono stati compiuti progressi".

Putin si riferiva al ministro della Difesa di Turkiye Hulusi Akar, che all'inizio di questa settimana ha assicurato che la creazione di un centro operativo a Istanbul, l'istituzione di controlli congiunti ai punti di uscita e di arrivo del porto e il monitoraggio attento della sicurezza della navigazione sulle rotte di trasferimento sono problemi che potrebbero essere risolto nei prossimi giorni.

A quanto pare Putin-Erdogan ha discusso anche del Nagorno-Karabakh (nessun dettaglio).

Quello che certo alcuni leak non hanno rivelato è che sulla Siria, a tutti gli effetti, la situazione è bloccata. Ciò favorisce la Russia, la cui priorità principale così com'è è il Donbass. Wily Erdogan lo sa – ed è per questo che potrebbe aver cercato di strappare alcune “concessioni” sulla “questione curda” e sul Nagorno-Karabakh. Qualunque cosa Putin, il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev e il vicepresidente Dmitry Medvedev possano davvero pensare a Erdogan, valutano sicuramente quanto sia inestimabile coltivare un partner così irregolare in grado di far impazzire l'Occidente nel suo insieme.

Istanbul quest'estate si è trasformata in una sorta di Terza Roma, almeno per i turisti russi espulsi dall'Europa: sono ovunque. Tuttavia, lo sviluppo geoeconomico più cruciale di questi ultimi mesi è che il crollo provocato dall'Occidente delle linee commerciali/di approvvigionamento lungo i confini tra la Russia e l'UE - dal Baltico al Mar Nero - ha finalmente messo in luce la saggezza e il senso economico del Nord internazionale -South Transportation Corridor (INTSC): un grande successo di integrazione geopolitica e geoeconomica Russia-Iran-India .

Quando Mosca parla con Kiev, parla attraverso Istanbul. La NATO, come ben sa il Sud del mondo, non fa diplomazia. Quindi ogni possibilità di dialogo tra russi e pochi occidentali istruiti si realizza in Turchia, Armenia, Azerbaigian e negli Emirati Arabi Uniti. L'Asia occidentale così come il Caucaso, per inciso, non hanno aderito all'isteria delle sanzioni occidentali contro la Russia.

Dì addio al "ragazzo teleprompter"

Ora confronta tutto quanto sopra con la recente visita nella regione del cosiddetto "leader del mondo libero", che alterna allegramente stringere la mano a persone invisibili alla lettura – letteralmente – di qualsiasi cosa stia scorrendo su un gobbo. Stiamo parlando del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ovviamente.

Fatto: Biden ha minacciato l'Iran con attacchi militari e, come semplice supplice, ha implorato i sauditi di pompare più petrolio per compensare la “turbolenza” nei mercati energetici globali causata dall'isteria delle sanzioni dell'Occidente collettivo. Contesto: l'evidente assenza di qualsiasi visione o qualcosa che assomigli anche a una bozza di piano di politica estera per l'Asia occidentale.

Quindi i prezzi del petrolio sono giustamente balzati al rialzo dopo il viaggio di Biden: il greggio Brent è salito di oltre il quattro percento a 105 dollari al barile, riportando i prezzi sopra i 100 dollari dopo una pausa di diversi mesi.

Il nocciolo della questione è che se l'OPEC o l'OPEC+ (che include la Russia) decideranno mai di aumentare le loro forniture di petrolio, lo faranno sulla base delle loro deliberazioni interne e non sotto pressioni eccezionali.

Quanto alla minaccia imperiale di attacchi militari contro l'Iran, si qualifica come pura demenza. L'intero Golfo Persico – per non parlare dell'intera Asia occidentale – sa che se USA/Israele attaccassero l'Iran, una feroce rappresaglia semplicemente svanirebbe con la produzione di energia della regione, con conseguenze apocalittiche, tra cui il crollo di migliaia di miliardi di dollari in derivati.

Biden ha poi avuto il coraggio di dire: “Abbiamo compiuto progressi nel rafforzamento delle nostre relazioni con gli Stati del Golfo. Non lasceremo un vuoto alla Russia e alla Cina per riempire il Medio Oriente”.

Bene, nella vita reale è la "nazione indispensabile" che si è trasformata in un vuoto. Solo i vassalli arabi comprati e pagati – la maggior parte dei quali monarchi – credono nella costruzione di una “NATO araba” (copyright del re Abdullah di Giordania) per affrontare l'Iran. Russia e Cina sono già dappertutto nell'Asia occidentale e oltre.

De-dollarizzazione, non solo integrazione eurasiatica

Non è solo il nuovo corridoio logistico da Mosca e San Pietroburgo ad Astrakhan e poi, attraverso il Caspio, a Enzeli in Iran e poi a Mumbai che sta scuotendo le cose. Si tratta di aumentare il commercio bilaterale che aggira il dollaro USA. Si tratta di BRICS+, di cui Turchia, Arabia Saudita ed Egitto non vedono l'ora di far parte. Si tratta della Shanghai Cooperation Organization (SCO), che accetta formalmente l'Iran come membro a pieno titolo il prossimo settembre (e presto anche la Bielorussia). Si tratta di BRICS+, della SCO, dell'ambiziosa Belt and Road Initiative (BRI) della Cina e dell'Eurasia Economic Union (EAEU) interconnesse nel loro percorso verso una Greater Eurasia Partnership.

L'Asia occidentale può ancora ospitare una piccola collezione di vassalli imperiali con sovranità zero che dipendono dall'"assistenza" finanziaria e militare dell'Occidente, ma questo è il passato. Il futuro è adesso: con i primi tre BRICS (Russia, India, Cina) che coordinano lentamente ma inesorabilmente le loro strategie sovrapposte in tutta l'Asia occidentale, con l'Iran coinvolto in tutte.

E poi c'è il Big Global Picture: quali che siano le circonvoluzioni e gli sciocchi schemi della varietà del "prezzo del petrolio" inventata dagli Stati Uniti, il fatto è che Russia, Iran, Arabia Saudita e Venezuela - le principali nazioni produttrici di energia - sono assolutamente in sync: sulla Russia, sull'Occidente collettivo e sui bisogni di un vero mondo multipolare.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti