Pepe Escobar - "L'orrore! L'orrore!", rivisitato in Palestina

Pepe Escobar - "L'orrore! L'orrore!", rivisitato in Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Pepe Escobar - Strategic Culture

"Mistah Kurtz - è morto".
Joseph Conrad, Cuore di tenebra

Joseph Conrad disse una volta che prima di andare in Congo era un animale semplice. Fu in una di quelle terre parzialmente tracciate dalla crudeltà e dall'ipocrisia dell'etica imperiale che Conrad scoprì il colonialismo europeo nella sua incarnazione più terribile, debitamente rappresentata in Cuore di tenebra, una delle grandi epopee di sensibilizzazione della storia della letteratura.

Fu in Congo che Conrad, di etnia polacca, nato in quella che ancora oggi è conosciuta come "Ucraina", allora controllata dalla Polonia, e che iniziò a scrivere in inglese solo a 23 anni, perse per sempre ogni illusione sulla missione civilizzatrice della sua razza.

Altri eminenti europei del suo tempo sperimentarono senza soluzione di continuità lo stesso orrore: partecipando a spettacoli di atrocità di conquista, aiutando le Metropoli a saccheggiare e depredare l'Africa, usando il continente come sfondo per le loro avventure giovanili e per i loro riti di passaggio, o mettendo alla prova il loro coraggio solo "salvando" le anime dei nativi.

Hanno attraversato il cuore selvaggio del mondo e hanno fatto fortuna, guadagnato reputazione o espiato i loro peccati solo per tornare al dolce conforto dell'incoscienza, quando non venivano spediti indietro in una bara, naturalmente.

Per dominare popolazioni "primitive" assortite, la Britannia ha sostituito il ferro e la spada con il commercio. Come ogni fede monoteistica, credevano che ci fosse un solo modo di essere; un solo modo di bere il tè; un solo modo di giocare al gioco, qualsiasi esso fosse. Tutto il resto era considerato non civilizzato, selvaggio, brutale, al massimo fornendo materie prime e forti mal di testa.

La giungla interiore

Per la sensibilità europea, il mondo subequatoriale, in realtà l'intero Sud globale, era il luogo in cui l'uomo bianco si recava per il trionfo personale o per la dissoluzione, diventando in qualche modo "uguale" ai nativi. La letteratura, dall'epoca vittoriana in poi, è piena di eroi che viaggiano verso latitudini "esotiche" dove le passioni - come i frutti tropicali - sono più grandi che in Europa, e forme perverse di conoscenza di sé possono essere sperimentate fino all'oblio.

Conrad stesso ha collocato i suoi eroi torturati in luoghi "oscuri" della Terra, per espiare le loro ombre insieme alle ombre del mondo, lontano dalla "civiltà" e dalle sue punizioni convenzionali.

E questo porta a Kurtz in Cuore di tenebra: è un personaggio a sé stante, perché arriva a un estremo di conoscenza di sé praticamente inedito nella letteratura europea, affrontando la piena rivelazione della malignità della sua missione e della sua specie.

In Congo, Conrad ha perso l'innocenza. E il suo protagonista perse la ragione.

Quando Kurtz è passato al cinema in Apocalypse Now di Coppola e la Cambogia ha sostituito il Congo come Cuore di Tenebra, ha denigrato l'immagine dell'Impero. Così il Pentagono inviò un guerriero-intellettuale per ucciderlo, il capitano Willard. Coppola raffigura lo spettatore passivo Willard come ancora più folle di Kurtz: ed è così che realizza lo smascheramento psichedelico dell'intera farsa del colonialismo civilizzatore.

Oggi non abbiamo bisogno di salpare o di imbarcarci su una carovana alla ricerca delle sorgenti dei fiumi nebbiosi per vivere l'avventura neo-imperiale.

Basta accendere lo smartphone per seguire un genocidio, in diretta, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anche in HD. Il nostro incontro con l'orrore... l'orrore - immortalato nelle parole di Kurtz in Cuore di tenebra - può essere vissuto mentre ci si rade al mattino, si fa pilates o si cena con gli amici.

E proprio come Coppola in Apocalypse Now, siamo liberi di esprimere uno stupore morale umanista di fronte a una "guerra", in realtà un massacro, che è già persa - impossibile da sostenere eticamente.

Oggi siamo tutti personaggi conradiani, che intravedono solo frammenti, ombre, mescolate allo stupore di vivere in un'epoca macabramente memorabile. Non c'è possibilità di cogliere la totalità dei fatti - soprattutto quando i "fatti" sono fabbricati e riprodotti o rafforzati artificialmente.

Siamo come fantasmi, questa volta non di fronte alla grandiosità della natura, o attraversando la giungla fitta e irreversibile; ma inseriti in un'urbanità devastata come in un videogioco, coautori della sofferenza senza sosta. Il Cuore di Tenebra viene costruito dall'"unica democrazia" dell'Asia occidentale in nome dei "nostri valori".

Ci sono così tanti orrori invisibili messi in atto dietro la nebbia, nel cuore di una giungla ora replicata come una gabbia urbana. Guardando impotenti l'uccisione selvaggia di donne e bambini, il bombardamento a tappeto di ospedali, scuole e moschee, è come se fossimo tutti passeggeri di una nave allo sbando in balìa delle onde che precipita in un vortice, ammirando la potente maestosità dell'intero scenario.

E stiamo già morendo prima ancora di intravedere la morte.

Siamo gli epigoni degli Hollow Men di T.S. Eliot. Le grida ossessionanti della giungla non provengono più da un emisfero "esotico". La giungla è qui, si insinua dentro tutti noi.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti