Perché il ritiro dell'URSS dall'Afghanistan è stato così diverso da quello statunitense

Perché il ritiro dell'URSS dall'Afghanistan è stato così diverso da quello statunitense

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ritiro disorganizzato e casuale di Washington da Kabul è in netto contrasto con il modo in cui l'URSS lasciò il paese nel febbraio 1989, afferma il giornalista indipendente americano Max Parry, ricordando come l'establishment politico statunitense abbia cercato di creare un pantano afgano in stile Vietnam per i sovietici, ma alla fine è caduto nella sua stessa trappola.

Il 15 agosto, gli Stati Uniti hanno evacuato frettolosamente il personale dell'ambasciata dalla capitale afgana di Kabul mentre i talebani entravano in città.

L'immagine virale di un elicottero militare statunitense che sorvola l'ambasciata ha evocato forti ricordi della caduta di Saigon il 30 aprile 1975, spingendo gli esperti dei media e gli utenti dei social media a tracciare parallelismi tra la guerra del Vietnam degli Stati Uniti e la prolungata campagna afghana di 20 anni. Nell'aprile 1975, il fotografo olandese Hubert van Es scattò una foto di persone che scalano una scala verso un elicottero americano su un tetto a Saigon, alla fine della guerra del Vietnam.

?Sembra che la Casa Bianca non fosse preparata per un ennesimo "momento Saigon" domenica scorsa: il 12 agosto, i servizi di intelligence statunitensi prevedevano che Kabul sarebbe caduta in 90 giorni; poi hanno corretto la loro prognosi a 72 ore. Tuttavia, la capitale è caduta più velocemente di così, e settimane prima della scadenza prevista, innescando il crollo del governo di Ashraf Ghani e il panico all'aeroporto di Kabul. 

Ironia della sorte, oltre 40 anni fa Washington progettò di creare un simile "pantano vietnamita" per l'URSS in Afghanistan. Secondo le memorie dell'ex vicedirettore della CIA Robert Gates, l' operazione Cyclone volta ad armare e finanziare gli insorti afgani era stata lanciata mesi prima che le truppe sovietiche entrassero nello stato dell'Asia centrale su richiesta di Kabul.

 

 

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Zbigniew Brzezinski ha ricordato nel 1998 che il trucco era "indurre un intervento militare sovietico". Tuttavia, dopo una guerra di 10 anni, le forze sovietiche evitarono un'umiliante sconfitta in "stile vietnamita" ponendo fine alla lotta e conducendo un ritiro ordinato tra il 15 maggio 1988 e il 15 febbraio 1989.

Ritiro sovietico Vs il "momento Saigon" degli Stati Uniti

"La differenza fondamentale tra il ritiro sovietico nel 1989 e il ritiro statunitense di oggi è la natura completamente disorganizzata e casuale di quest'ultimo", afferma il giornalista indipendente americano Max Parry, riferendosi alla disordinata evacuazione del personale dell'ambasciata e all'invio di un contingente militare aggiuntivo nel paese per concludere il ritiro il prima possibile.

Nonostante fossero impantanati in uno stallo prolungato ed estenuante con i mujaheddin armati dagli Stati Uniti, i sovietici riuscirono a portare a termine il loro ritiro "in modo ordinato e responsabile", sottolinea. 

Tuttavia, secondo il giornalista, gli Stati Uniti ed i loro alleati hanno cercato di ostacolare il ritiro sovietico. Spiega che sebbene gli accordi di Ginevra stabilissero il calendario per l'evacuazione sovietica, a cui Mosca aderì, "gli Stati Uniti in realtà violarono l'accordo continuando a inviare armi ai jihadisti".

"Gli americani fecero di tutto per garantire che il ritiro non avvenisse o, in caso affermativo, con enormi perdite per noi", ha ricordato il colonnello generale Boris Gromov, ultimo comandante della 40a armata in Afghanistan, nel suo 2019 intervista a Sputnik. Tuttavia, l'esercito sovietico impedì provocazioni e garantì un ritiro sicuro attraverso rotte terrestri, che era apparentemente più rischioso del ritiro aereo degli Stati Uniti.

Inoltre, contrariamente a Washington, "l'esercito sovietico ha lasciato intatto un governo relativamente stabile a presiedere il Paese", rimarca il giornalista. Il governo filosovietico di Mohammad Najibullah governò il paese e mantenne una resistenza armata contro i mujaheddin fino all'aprile 1992. Gli insorti afghani presero Kabul poco dopo le sue dimissioni.

Accordi per il passaggio di potere

Gromov ha rivelato che la leadership militare sovietica aveva stabilito e mantenuto contatti con i leader dei Peshawar Seven, un'unione politico-militare dei leader dei Mujahideen afgani. In particolare, il generale strinse un accordo con Ahmad Shah Massoud, uno dei principali signori della guerra afghani che guidò la lotta contro le forze sovietiche nell'area della valle del Panjshir. Secondo il generale, i mujaheddin mantennero la parola data e fornirono un passaggio sicuro alle truppe sovietiche.

Al contrario, non è chiaro esattamente quali accordi siano stati conclusi tra l'amministrazione Biden e le ali politiche e militari talebane, dato che la velocità dell'avanzata dei miliziani avrebbe colto di sorpresa gli Stati Uniti, secondo Parry. Inoltre, il rinvio del completamento del ritiro militare da parte dell'amministrazione Biden da maggio a settembre 2021 ha provocato l'ira della leadership talebana e le minacce che i mujaheddin avrebbero combattuto fino alla fine se la Casa Bianca avesse violato gli accordi di Doha.

 

Per complicare ulteriormente le cose, l'ex presidente dell'Afghanistan Ashraf Ghani è fuggito dalla capitale, rompendo così i precedenti accordi su un ordinato trasferimento dei poteri. Secondo funzionari russi sul campo a Kabul, Ghani ha tentato di contrabbandare una grossa somma di denaro mentre fuggiva dal paese.

 

"Fino alla fine, Ghani ha rifiutato di garantire una transizione pacifica in cui si sarebbe dimesso", spiega Parry. "Alla fine, quando i leader afghani e talebani avevano provvisoriamente raggiunto un accordo di cessate il fuoco in Qatar con la disposizione che Ghani si sarebbe dimesso dall'incarico, l'accordo è andato in pezzi durante la fuga del presidente afghano, che a quanto pare ha portato anche i suoi funzionari nel bel mezzo dei negoziati in Doha a sorpresa. Abdullah Abdullah, con cui Ghani condivideva il potere nel governo unitario e guidava i colloqui di pace intra-afghani, ha subito denunciato Ghani per la sua improvvisa partenza".

Inoltre, sembra che Washington non si fidasse molto del governo Ghani, ritiene il giornalista: "Quando gli Stati Uniti hanno recentemente lasciato la base aerea di Bagram, lo hanno fatto senza nemmeno avvisare in anticipo il comandante afghano responsabile dell'aeroporto, il che indica una grave rottura nelle comunicazioni tra Washington e il governo Ghani a Kabul", spiega. Secondo Parry, questo episodio "dovrebbe servire da avvertimento ai governi lacchè di Washington di tutto il mondo che anche loro potrebbero essere abbandonati in un batter d'occhio".

L'operazione Cyclone è scoppiata negli Stati Uniti

Il discorso di Joe Biden del 16 agosto sul ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan ha suscitato un'ondata di critiche da parte dei commentatori conservatori per "si è assolto da ogni responsabilità" e "più o meno invitando i talebani a conquistare il paese". Da parte sua, l'ex presidente Donald Trump ha criticato aspramente il suo successore per il modo "incompetente" di ritirarsi.

"Il modo completamente negligente in cui l'amministrazione Biden ha gestito il ritiro ha portato quella che avrebbe potuto essere una certa vittoria in politica estera e l'ha trasformata in un completo disastro di pubbliche relazioni per la Casa Bianca", secondo Parry.

Spiega che il popolo americano ha sostenuto all'unanimità la fine del conflitto ventennale e il ritiro delle truppe statunitensi. Tuttavia, il modo in cui è stato condotto, "insieme alla caratterizzazione ampiamente percepita degli eventi sul campo da parte del Segretario di Stato Blinken e dello stesso Biden", si è ritorta contro l'amministrazione, secondo il giornalista.

 

 

Ora, la Casa Bianca di Biden si è trovata ad essere criticata sia da destra che da sinistra per la sua gestione della debacle afghana, osserva Parry, prevedendo che questa grave battuta d'arresto per Biden in materia di politica estera aiuterà il GOP ad andare a metà mandato il prossimo anno .

Nel frattempo, si dovrebbe tenere a mente che sono stati i politici di Washington ad armare, addestrare e abilitare i mujaheddin afgani negli anni '80, prosegue il giornalista. Parlando con Vincent Jauvert di Le Nouvel Observateur il 15 gennaio 1998, Zbigniew Brzezinski sottolineò che non si rammaricava che la guerra segreta afghana degli Stati Uniti avesse portato all'emergere dei talebani, designati come organizzazione terroristica in molti stati.

"Rimpiangere cosa?" chiese Brzezinski. "Quell'operazione segreta è stata un'ottima idea. Ha avuto l'effetto di attirare i russi nella trappola afghana e vuole che me ne penta?... Cosa c'è di più importante nella storia del mondo? I talebani o il crollo dell'impero sovietico? "

All'epoca, l'eminente geostratega non avrebbe potuto immaginare come questa operazione segreta si sarebbe ritorta contro gli Stati Uniti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti