Percosse e negligenza medica. È morta Saadia Matar, la più anziana prigioniera palestinese detenuta in Israele

Percosse e negligenza medica. È morta Saadia Matar, la più anziana prigioniera palestinese detenuta in Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è una prigioniera russa, cubana, siriana, iraniana, venezuelana e chi più ne ha più ne metta, la ragione per cui i nostri media non le daranno alcuna attenzione o tantomeno riporteranno la notizia che in una prigione di Israele” considerata l’occidente l’unica democrazia del Medo Oriente( lo ripetiamo, per fortuna non ce ne sono altre) è morta una prigioniera palestinese di 68 anni.

Fonti locali, infatti, hanno annunciato oggi che la prigioniera palestinese Saadia Matar è morta nel carcere israeliano "Damon" .

Inoltre, hanno riferito che è stata l'amministrazione delle carceri dell’occupazione a comunicare la sua morte.

Matar aveva 68 anni ed era originaria di Al-Khalil.

Da parte sua, la Muhjat Al-Quds Foundation ha ribadito che, con la morte di Matar, il numero dei palestinesi martirizzati durante la prigionia israeliana sale a 230.

Il direttore delle pubbliche relazioni della Fondazione ha confermato in un'intervista ad Al-Mayadeen che la prigioniera Saadia Matar è stata martirizzata a causa di malattia e negligenza medica.

È interessante notare che Matar è stata arrestata dalle forze di occupazione nel 2021 dopo che un colono l'aveva picchiata mentre attraversava la strada vicino alla moschea Al-Ibrahimi, sostenendo che aveva cercato di accoltellarlo.

In questo contesto, l'Ufficio informazioni sui prigionieri ha affermato che la prigioniera martire, Saadia Matar, è stata brutalmente aggredita e picchiata duramente durante il suo arresto, peggiorando le sue condizioni di salute, ulteriormente aggravate dalla negligenza medica.

Dopo la sua morte, la Muhjat Al-Quds Foundation ha riferito che la tensione è cresciuta in diverse sezioni delle carceri con i prigionieri che urlavano e battevano oggetti alle porte delle celle in segno di protesta. 

Il Centro per gli studi sui prigionieri palestinesi ha avvertito, in una dichiarazione dettagliata, che le vite dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane sono in pericolo reale , specialmente in base alla politica israeliana di negligenza medica deliberata.

Il centro ha avvertito che dozzine di prigionieri palestinesi potrebbero morire all'interno delle carceri israeliane se non riceveranno le cure mediche necessarie. 

Il direttore del Centro di studi sui prigionieri palestinesi, il ricercatore Riyad Al-Ashqar, ha affermato che 160 prigionieri palestinesi, che soffrono di malattie croniche, affrontano una "morte lenta" a causa di negligenza medica da parte delle autorità carcerarie israeliane.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti