Percosse e negligenza medica. È morta Saadia Matar, la più anziana prigioniera palestinese detenuta in Israele

Percosse e negligenza medica. È morta Saadia Matar, la più anziana prigioniera palestinese detenuta in Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è una prigioniera russa, cubana, siriana, iraniana, venezuelana e chi più ne ha più ne metta, la ragione per cui i nostri media non le daranno alcuna attenzione o tantomeno riporteranno la notizia che in una prigione di Israele” considerata l’occidente l’unica democrazia del Medo Oriente( lo ripetiamo, per fortuna non ce ne sono altre) è morta una prigioniera palestinese di 68 anni.

Fonti locali, infatti, hanno annunciato oggi che la prigioniera palestinese Saadia Matar è morta nel carcere israeliano "Damon" .

Inoltre, hanno riferito che è stata l'amministrazione delle carceri dell’occupazione a comunicare la sua morte.

Matar aveva 68 anni ed era originaria di Al-Khalil.

Da parte sua, la Muhjat Al-Quds Foundation ha ribadito che, con la morte di Matar, il numero dei palestinesi martirizzati durante la prigionia israeliana sale a 230.

Il direttore delle pubbliche relazioni della Fondazione ha confermato in un'intervista ad Al-Mayadeen che la prigioniera Saadia Matar è stata martirizzata a causa di malattia e negligenza medica.

È interessante notare che Matar è stata arrestata dalle forze di occupazione nel 2021 dopo che un colono l'aveva picchiata mentre attraversava la strada vicino alla moschea Al-Ibrahimi, sostenendo che aveva cercato di accoltellarlo.

In questo contesto, l'Ufficio informazioni sui prigionieri ha affermato che la prigioniera martire, Saadia Matar, è stata brutalmente aggredita e picchiata duramente durante il suo arresto, peggiorando le sue condizioni di salute, ulteriormente aggravate dalla negligenza medica.

Dopo la sua morte, la Muhjat Al-Quds Foundation ha riferito che la tensione è cresciuta in diverse sezioni delle carceri con i prigionieri che urlavano e battevano oggetti alle porte delle celle in segno di protesta. 

Il Centro per gli studi sui prigionieri palestinesi ha avvertito, in una dichiarazione dettagliata, che le vite dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane sono in pericolo reale , specialmente in base alla politica israeliana di negligenza medica deliberata.

Il centro ha avvertito che dozzine di prigionieri palestinesi potrebbero morire all'interno delle carceri israeliane se non riceveranno le cure mediche necessarie. 

Il direttore del Centro di studi sui prigionieri palestinesi, il ricercatore Riyad Al-Ashqar, ha affermato che 160 prigionieri palestinesi, che soffrono di malattie croniche, affrontano una "morte lenta" a causa di negligenza medica da parte delle autorità carcerarie israeliane.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti