Pino Arlacchi sul coronavirus: «Un'influenza trasformata nella peste nera: i media hanno offerto uno spettacolo disgustoso»

Pino Arlacchi sul coronavirus: «Un'influenza trasformata nella peste nera: i media hanno offerto uno spettacolo disgustoso»

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Pino Arlacchi

Faccio fatica, in questi giorni, a leggere i giornali e guardare le televisioni. Lo spettacolo è disgustoso. Una banale, leggera influenza che sarebbe potuta passare inosservata e che fa meno vittime di un paio di incidenti stradali, è stata trasformata nella peste nera e nel Day After da mezzi di comunicazione in crisi di ascolti, lettori e credibilità. Prontamente assecondati da autorità pubbliche inette e pusillanimi, in perenne fuga dalle loro responsabilità.



Undici anni fa ho scritto un intero volume sul partito della paura, e ne sto pubblicando un altro dal titolo “Il grande inganno”. Questo è il mio contributo contro i “chiagni e futti” che dominano quasi incontrastati l’industria mediatica diffondendo allarmi falsi, inventati o grossolanamente esagerati.

E l’Italietta di questi giorni - un paese dal quale in certi momenti darei le dimissioni - è teatro e vittima delle loro gesta.

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti