/ Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un ma...

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico

 

Un reportage della giornalista vincitrice del premio Pulitzer, Ginger Thopson ha rivelato come la perdita delle informazioni ottenute dalla DEA, agenzia anti droga USA, provocò un massacro dei narcotrafficanti in Messico nel 2011.


Nel 2011, quando un agente della Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, DEA, ottenne i numeri di telefono che identificavano i leader del potente cartello Los Zetas mai si poteva pensare che avrebbero potuto generare un massacro.
 
Tra il 18 e il 20 marzo dello stesso anno, i membri del cartello Los Zetas avevano massacrato decine di persone, donne, anziani e bambini dalla città di bovini di Allende, 23.000 abitanti che si trova a 40 minuti dal confine del Messico con il Texas.
 
Il caso, conosciuto in Messico 2014 da un articolo del settimanale 'Proceso', è di nuovo salito alla ribalta nel paese a causa di un'indagine da parte della giornalista Ginger Thompson, vincitrice del Pulitzer, che mostra la gravità degli eventi del 2011, in particolare la responsabilità dei membri del DEA nello scatenare il massacro.
 
Il reportage intitolato 'Anatomia di un massacro' è stato pubblicato il 12 giugno scorso su 'ProPublica' e 'National Geographic', risultato di un anno di lavoro in cui ha realizzato le interviste con gli agenti della polizia messicana, ex membri di Los Zetas e parenti del vittime di quegli eventi.
 
La responsabilità della DEA
 
Thompson racconta la storia che tre settimane prima della carneficina, l'agente Richard Martínez convinse uno spacciatore Texas soprannominato José Vázquez Jr., 'El Diablo', di cooperare con lui per catturare i boss e Miguel i Omar Treviño, soprannominati 'La Z40' e 'The Z42'.
 
'El Diablo' diede i numeri di telefono per rintracciarli all'agente della DEA, ma lo avvertì che molte persone sarebbero morte se solo li avesse inviati alle autorità messicane.
 
Eppure, alti funzionari della DEA decisero di condividere l'informazione con la Polizia Federale di Città del Messico. Quindi, l'informazione arrivo ai fratelli Trevino, che si vendicarono terribilmente.
 
Demolizione di case, saccheggi, sequestri di persone innocenti e fattorie in fiamme si verificarono adn Allende dal 18 al 20 marzo 2011.

 
Intere famiglie furono perseguitate dai Trevino, soprattutto quelli che portavano il cognome Garza, che secondo i carnefici avrebbero fornito le informazioni. Dopo si è scoperto che tutta la famiglia Garza non aveva nulla a che fare con questa storia, ma due dozzine di membri della stessa furono trucidati in quei giorni.
 
Secondo i dati ufficiali, Los Zetas uccisero 28 persone in totale. Anche se diverse organizzazioni dei diritti umani parlano di oltre 300 vittime.
 
"Volevo i numeri. Volevamo catturare i leader dei Los Zetas. Ho pensato che questi numeri ci avrebbero dato le migliori possibilità di trovarli," ha racconato Martinez alla giornalista nordamericana.
 

 
"Preferisco non dire altro"
 
"Come mi ha fatto sentire il fatto che le informazioni erano trapelate? Preferisco non dirlo, per essere onesti con voi. Vorrei lasciare stare. Preferisco non dire altro", ha dichiarato l'agente Richard Martínez durante l'intervista con Thompson.
 
Mentre i Trevino sono stati catturati nel 2013 e il 2015 con l'assistenza della DEA, la punizione di tutti i responsabili è di gran lunga lontana dall'essere raggiunta, in quanto fino ad oggi meno di 12 persone sono state arrestate e la maggior parte sono della polizia locale.
 
Alla fine della sua intervista con la giornalista, l'agente di Martinez ha evidenziato una visione critica di ciò che è accaduto. "le  ho detto questo era una porcheria. Le cose non dovevano andare così. Le informazioni ci avrebbero aiutato a catturare questi, ma per il modo in cui hanno gestito tutto è crollato. E fu tutto un caos sanguinoso."
 
Fonte: https://www.propublica.org www.proceso.com
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa