Putin: "Noi proteggiamo la nostra casa, mentre l'obiettivo dell'Occidente è il potere illimitato"

Putin: "Noi proteggiamo la nostra casa, mentre l'obiettivo dell'Occidente è il potere illimitato"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che lo scopo principale della Russia sulla scena mondiale è quello di difendere la propria casa, mentre l'Occidente cerca solo un dominio internazionale totale.

"Pronuncio questo discorso in un momento difficile per il nostro Paese, un momento di grandi e irreversibili cambiamenti in tutto il mondo e di grandi eventi storici che determineranno il futuro del nostro Paese e del nostro popolo, in un momento in cui ognuno di noi ha un'enorme responsabilità", ha affermato il Presidente.

"Noi proteggiamo la nostra casa, mentre l'obiettivo dell'Occidente è il potere illimitato", ha affermato Putin durante il suo discorso annuale alla Duma di Stato e al Consiglio della Federazione, le due camere dell'Assemblea Federale (il parlamento russo).

Putin ha ricordato che "un anno fa, per proteggere la popolazione nelle nostre terre storiche, per garantire la sicurezza del nostro Paese, per eliminare la minaccia rappresentata dal regime neonazista emerso in Ucraina dopo il colpo di Stato del 2014, è stata presa la decisione di condurre un'operazione militare speciale".

"Dal 2014 il Donbass ha combattuto, ha difeso il diritto di vivere sulla propria terra, di parlare la propria lingua madre, ha lottato e non si è arreso sotto il blocco e i continui bombardamenti, l'odio inconfessabile del regime di Kiev, ha creduto e sperato che la Russia sarebbe venuta in soccorso".

Putin ha sottolineato che Mosca ha fatto tutto il possibile per risolvere il problema in modo pacifico e ha dimostrato grande pazienza. Ma alle sue spalle si stava preparando uno scenario diverso.


Le promesse dei leader occidentali, le loro affermazioni sul desiderio di pace nel Donbass si sono rivelate una crudele menzogna. "Hanno solo guadagnato tempo, si sono impegnati in trucchi, hanno chiuso gli occhi sugli omicidi politici, sulla repressione del regime di Kiev nei confronti degli indesiderati, sulle vessazioni nei confronti dei credenti", ha evidenziato nel suo discorso all'Assemblea Federale.

Il regime ucraino non ha risolto i problemi del Donbass, mentre i Paesi occidentali hanno addestrato gli ufficiali dei battaglioni neonazisti ucraini che hanno perpetrato azioni terroristiche nell'Ucraina orientale".

Putin ha posto particolare enfasi sul fatto che anche prima dell'inizio dell'operazione militare speciale c'erano negoziati tra Kiev e l'Occidente sulla fornitura all'Ucraina di sistemi di difesa aerea, aerei da combattimento e altri macchinari bellici. Inoltre, il regime di Kiev stava dichiarando apertamente le sue aspirazioni ad acquisire armi nucleari.

Da parte loro, gli Stati Uniti e la NATO stavano rapidamente dispiegando basi militari e laboratori biologici segreti vicino ai confini della Russia con l'obiettivo di studiare attentamente il teatro delle future ostilità attraverso manovre militari e preparare l'Ucraina asservita a una guerra su larga scala, ha dichiarato Putin.

Il presidente russo ha osservato che i leader occidentali ora ammettono apertamente, e persino con orgoglio, che gli accordi di Minsk e il Formato Normandia non erano altro che uno spettacolo diplomatico e un grande bluff.

"È emerso che per tutto il tempo in cui il Donbass bruciava, in cui veniva versato sangue, in cui la Russia stava sinceramente, voglio sottolineare, sinceramente cercando una soluzione pacifica, stavano giocando con la vita delle persone, giocando, in effetti, come si dice nei circoli, con le carte segnate", ha denunciato Putin davanti all'Assemblea Federale.

Le promesse dell'Occidente sul suo desiderio di pace nel Donbass si sono rivelate "una scusa crudele e una bugia". Da parte sua, la Russia ha ricevuto un rifiuto di tutte le proposte di garanzie di sicurezza, ed è diventato chiaro che la minaccia cresce ogni giorno che passa.

La Russia difende con determinazione non solo i propri interessi, perché "non ci dovrebbe essere alcuna divisione nel mondo tra Paesi 'civilizzati' e altri Paesi".

Il leader russo ha poi sottolineato che "passo dopo passo, con attenzione e coerenza" tutti gli obiettivi dell'operazione saranno raggiunti.

Secondo il leader, gli individui che hanno diretto gli attacchi contro il Donbass hanno pianificato di fare della Crimea e di Sebastopoli, terre che fanno parte della Russia, i prossimi obiettivi.

"Coloro che hanno pianificato un nuovo attacco a Donetsk e Donbass, a Lugansk, hanno chiaramente indicato che il prossimo obiettivo era un attacco alla Crimea e a Sebastopoli, e noi lo sapevamo e lo abbiamo capito", ha sottolineato, ricordando che oggi Kiev sta già parlando apertamente di tali piani.

Per quanto riguarda i progressi dell'operazione militare speciale, il presidente russo ha sottolineato che le missioni vengono portate avanti in modo coerente una per una. Allo stesso tempo, Putin ha sottolineato che la Russia non sta combattendo contro il popolo ucraino, che è diventato ostaggio del regime di Kiev.

"L'Occidente chiude un occhio sull'ideologia neonazista in Ucraina, non gli importa su chi puntare nella lotta contro la Russia. L'importante è che combattano contro di noi. La politica dell'Occidente ha trasformato l'Ucraina in un materiale usa e getta, e il popolo si è offerto come sacrificio. La responsabilità di aver alimentato il conflitto ucraino è interamente delle élite occidentali".

A questo punto il presidente Vladimir Putin ha aggiunto che non è possibile sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. "Intendono trasformare il conflitto regionale in un confronto globale. Questo è il modo in cui lo comprendiamo e risponderemo di conseguenza, perché si tratta dell'esistenza del nostro Paese. Non possono non rendersi conto che è impossibile sconfiggere la Russia sul campo di battaglia”.

Putin ha inoltre ricordato che nessun altro Paese al mondo ha tante basi militari all'estero come gli Stati Uniti, con le loro centinaia di basi dislocate in tutto il mondo. Ma l'Occidente non potrà mai lavarsi di dosso la vergogna di ciò che ha fatto ad altri Paesi.

"Questo ripugnante metodo di inganno è già stato provato molte volte. Si sono comportati nello stesso modo spregiudicato e ingannevole quando hanno distrutto la Jugoslavia, l'Iraq, la Libia e la Siria. Non riusciranno mai a lavare via questa vergogna".

I motivi del discorso di Putin

Rivolgere all'Assemblea federale, il Parlamento russo che comprende la Duma di Stato e il Consiglio della Federazione (la Camera bassa e la Camera alta), messaggi annuali sulla situazione del Paese e sui principali orientamenti della politica interna ed estera è uno dei poteri del Presidente sanciti dall'articolo 84 della Costituzione russa.

Il discorso è rivolto non solo all'organo legislativo, ma anche a tutti gli altri organi legislativi e alla società nel suo complesso. Dopo il messaggio, il Presidente dà una serie di istruzioni e le Camere dell'Assemblea Federale adottano risoluzioni speciali per la loro attuazione.

Il primo messaggio del Presidente russo all'Assemblea Federale risale al 24 febbraio 1994. Vladimir Putin si è rivolto per la prima volta all'Assemblea federale l'8 luglio 2000 con un discorso intitolato: ‘Che tipo di Russia stiamo costruendo’.

Il discorso più lungo della storia è stato quello di Vladimir Putin del 1° marzo 2018, della durata di 1 ora e 55 minuti.

Il messaggio precedente risale al 21 aprile 2021. Il capo di Stato ha spiegato la pausa con il fatto che la situazione nel Paese e nel mondo si stava evolvendo molto rapidamente nel 2022. Pertanto, era difficile "fissare in un determinato momento i risultati concreti e i piani per il prossimo futuro". 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti