Rappresentante russo alle Nazioni Unite: "La crisi attuale è figlia degli anni in cui l'Ucraina ha sabotato gli accordi di Minsk"

Rappresentante russo alle Nazioni Unite: "La crisi attuale è figlia degli anni in cui l'Ucraina ha sabotato gli accordi di Minsk"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il rappresentante permanente della Russia all'Onu, Vasili Nebenzia, ha riferito giovedì, in una riunione urgente del Consiglio di sicurezza, sulla situazione nel Donbass. Ha sostenuto che i segnali di Mosca sulla necessità di fermare le provocazioni contro le repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk "non sono stati ascoltati. "

"Mi dispiace dire alla fine della giornata che i nostri segnali a Kiev sulla necessità di fermare le provocazioni contro le Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk non sono stati ascoltati", ha detto il funzionario durante l'incontro tenutosi su richiesta dell'Ucraina. "Sembra che i nostri colleghi ucraini, che di recente sono stati attivamente armati e incitati da vari stati, non abbiano perso l'illusione che con la benedizione dei guaritori occidentali possano ottenere una soluzione militare al problema del Donbass", ha affermato.

Allo stesso modo, Nebenzia ha osservato che anche la scorsa settimana c'era speranza che Kiev vedesse ragione, ma che per questo era necessario un dialogo diretto con le repubbliche popolari. L'alto funzionario ha sottolineato che le autorità russe restano aperte al dialogo, ma non intendono consentire un "nuovo sanguinoso massacro" nel Donbass.

"Vorrei ribadire che la radice dell'attuale crisi risiede nelle azioni della stessa Ucraina, che è stata coinvolta per molti anni nel sabotare i suoi obblighi diretti nell'ambito del pacchetto di misure di Minsk", ha aggiunto.

Nel frattempo, ha sottolineato che l'operazione militare speciale in Donbass, annunciata dal presidente russo Vladimir Putin, non dovrebbe essere definita una guerra. "La Russia non agisce contro il popolo ucraino, ma contro la giunta che ha preso il potere a Kiev", ha concluso.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti