Rappresentante russo alle Nazioni Unite: "La crisi attuale è figlia degli anni in cui l'Ucraina ha sabotato gli accordi di Minsk"

Rappresentante russo alle Nazioni Unite: "La crisi attuale è figlia degli anni in cui l'Ucraina ha sabotato gli accordi di Minsk"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il rappresentante permanente della Russia all'Onu, Vasili Nebenzia, ha riferito giovedì, in una riunione urgente del Consiglio di sicurezza, sulla situazione nel Donbass. Ha sostenuto che i segnali di Mosca sulla necessità di fermare le provocazioni contro le repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk "non sono stati ascoltati. "

"Mi dispiace dire alla fine della giornata che i nostri segnali a Kiev sulla necessità di fermare le provocazioni contro le Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk non sono stati ascoltati", ha detto il funzionario durante l'incontro tenutosi su richiesta dell'Ucraina. "Sembra che i nostri colleghi ucraini, che di recente sono stati attivamente armati e incitati da vari stati, non abbiano perso l'illusione che con la benedizione dei guaritori occidentali possano ottenere una soluzione militare al problema del Donbass", ha affermato.

Allo stesso modo, Nebenzia ha osservato che anche la scorsa settimana c'era speranza che Kiev vedesse ragione, ma che per questo era necessario un dialogo diretto con le repubbliche popolari. L'alto funzionario ha sottolineato che le autorità russe restano aperte al dialogo, ma non intendono consentire un "nuovo sanguinoso massacro" nel Donbass.

"Vorrei ribadire che la radice dell'attuale crisi risiede nelle azioni della stessa Ucraina, che è stata coinvolta per molti anni nel sabotare i suoi obblighi diretti nell'ambito del pacchetto di misure di Minsk", ha aggiunto.

Nel frattempo, ha sottolineato che l'operazione militare speciale in Donbass, annunciata dal presidente russo Vladimir Putin, non dovrebbe essere definita una guerra. "La Russia non agisce contro il popolo ucraino, ma contro la giunta che ha preso il potere a Kiev", ha concluso.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti