Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo occidentale"

Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo occidentale"

La rilevazione del WSJ, confermata dal governo: Sigonella a disposizione per attacchi droni Usa ("i più grandi atti di terrorismo della storia dell'umanità")

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Bianchi
 
Come se fosse la cosa più normale al mondo oggi la stampa italiana riporta una rivelazione del  “Wall Street Journal” che recita così: “droni americani autorizzati a partire da basi italiane”. 
 
ll primo ministro Renzi ha dovuto confermare la notizia con queste parole a Rtl 102.5: “se si tratta di fare iniziative contro dei terroristi c'è uno stretto rapporto tra noi, gli americani e gli altri alleati”.  E anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti in un'intervista al Messaggero di oggi ha assecondato il volere dell'”alleato”: «La base di Sigonella è utilizzata dagli Stati Uniti secondo un trattato che risale al 1951. Ogni volta che si configurano assetti nuovi, parte una richiesta. Nulla di strano. C’è stato bisogno di una serie di interlocuzioni, perché l’Italia dev’essere coinvolta con un ruolo di leadership e di coordinamento in una strategia di sicurezza complessiva rispetto alla Libia». E, infine, Gentiloni sempre il più goffo e servile di tutti all'interno del governo: “la possibilità che le basi vengano utilizzate per operazioni antiterrorismo non è preludio a un intervento militare".
 
Con un alone imbarazzante di tranquillità sullo sfondo e senza nessun commento di critica a questa decisione, si sottolinea poi che l'autorizzazione sarà data caso per caso, in difesa delle truppe Usa e senza comunicazione obbligatoria al Parlamento. Come se servisse ancora a qualcosa, del resto. I droni partiranno da Sigonella. 
 
Lo strumento di morte più atroce della storia recente era già presente nella base siciliana, ma, fino ad oggi, con la sola autorizzazione per missioni di ricognizioni non armate. Da ora utilizzeranno tutta la loro atrocità partendo dall'Italia.
 
Cosa sono i droni e cosa hanno prodotto? Passiamo, in poche parole, alla parte della storia che sui giornali manca, quella che ha trasformato gli Stati Uniti nello stato terrorista più atroce della storia recente. Sono parole non nostre, ma di Noam Chomsky, il più grande intellettuale statunitense vivente, che ha dichiarato in più occasioni che “Gli attacchi con droni e le guerre alimentate da Washington sono i più grandi attacchi terroristici della storia dell’umanità”. 
 
Quarantacinque ex militari statunitensi, tra cui un colonnello dell'esercito in pensione, hanno pubblicato un appello congiunto ai "piloti" di droni che operano in Afghanistan, Iraq, Pakistan, Siria e altrove, chiedendo loro di rifiutare di svolgere i propri compiti, sostenendo che le “missioni” “violano profondamente le leggi nazionali e internazionali". Queste le loro parole: "Almeno 6.000 vite sono state ingiustamente spezzate dagli attacchi dei droni statunitensi in Afghanistan, Pakistan, Yemen, Somalia, Iraq, Filippine, Libia e Siria. Questi attacchi minano i principi del diritto internazionale e dei diritti umani".

I dati di questa carneficina, dimenticati dai media, e l'atrocità in questo video:

 
Di questo “terrorismo” come lo definisce correttamente Chomsky, Renzi, Pinotti e Gentiloni ne sono da oggi responsabili diretti. Lo strumento di morte più efferrato della storia recente partirà da oggi dall'Italia per concludere le sue operazioni di terrorismo, non anti-terrorismo, in Libia. E, statene certi, quando torneranno a Sigonella avrà trasformato cittadini in nuovi jihadisti pronti a vendicare la morte di un loro parente in ogni modo.
 
Ma, l'aspetto più interessante e tralasciato da molti organi di stampa sulla rilevazione del WSJ è la tempistica sull'"accordo": “gli Stati Uniti provavano da oltre un anno a convincere l'Italia a permettere loro di compiere questo tipo di operazioni partendo da Sigonella”. Da oltre un anno? L'accordo secondo il Wsj è stato siglato a gennaio. E allora è stato un caso che il governo Renzi abbia traballato a fine dicembre con il caso di Banca Etruria, finito in tutte le prime pagine dei giornali e con la Boschi costretta a presentarsi in aula per il caso mediatico sollevato? E, infine, è un caso che da gennaio nessun organo di stampa si ricorda più che c'è un caso Banca Etruria in Italia?

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti