Reuters: le navi occidentali costrette ad aggirare gli Houthi, nessun problema per quelle russe

Reuters: le navi occidentali costrette ad aggirare gli Houthi, nessun problema per quelle russe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Secondo le compagnie di navigazione e gli analisti, le petroliere che trasportano petrolio russo continuano a muoversi liberamente nel Mar Rosso senza temere attacchi da parte degli Houthi. Pertanto, le navi che trasportano greggio di origine russa sono esposte a meno rischi rispetto ai concorrenti, evidenzia la Reuters.
 
Dopo l'imposizione delle sanzioni occidentali, la Russia è stata costretta a esportare la maggior parte del suo petrolio in Cina e India, deviando i flussi dalla direzione europea.
 
Il numero di navi russe che transitano nel Mar Rosso è leggermente diminuito da dicembre, ma il traffico della scorsa settimana era ancora superiore di circa il 20% rispetto alla media del 2023, secondo la società di analisi Vortexa. Ciò contrasta con la crescente frequenza di interruzioni diffuse del movimento di altre petroliere negli ultimi quindici giorni.
 
Le spedizioni di gasolio e carburante per aerei dal Medio Oriente e dall'Asia verso l'Europa si sono fermate quasi completamente pochi giorni dopo i primi attacchi statunitensi allo Yemen, l'11 gennaio, scrive la Reuters, citando i dati di Vortexa.
 
L'agenzia osserva che la Russia ha stretti legami con l'Iran, che a sua volta sostiene gli Houthi, e questa circostanza "potrebbe aver contribuito" a prevenire gli attacchi.
 
Per la maggior parte, le navi che trasportano petrolio russo non hanno legami con Israele, Stati Uniti o Regno Unito. Gli Houthi hanno dichiarato di attaccare le navi legate a questi Paesi per dimostrare solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza.
 
Le sanzioni occidentali hanno portato alla rapida crescita di una flotta 'ombra' di petroliere che trasportano petrolio e carburante russo sanzionato e, poiché queste navi hanno meno legami palesi con le compagnie occidentali, sono minori le probabilità di essere prese di mira.
 
Secondo Mary Melton, analista di Vortexa, molte navi che trasportano carichi russi riferiscono di non essere collegate a Israele attraverso i segnali dei sistemi di identificazione automatica che trasmettono apertamente i dati di navigazione, compresa la posizione e la destinazione della nave.
 
Allo stesso tempo, le petroliere che trasportano carichi destinati all'Occidente dovranno probabilmente essere deviate attraverso il Capo di Buona Speranza. In entrambi i casi, i costi sono più elevati. Gli armatori applicano tariffe di nolo e costi dell'equipaggio più elevati se il carico viene trasportato attraverso il Mar Rosso, e i premi assicurativi per il rischio di guerra sono aumentati notevolmente.
 
Secondo fonti del settore, i salari dell'equipaggio sono raddoppiati e i premi per i rischi di guerra si aggirano ora intorno all'1% del valore della nave, rispetto allo 0,5% di circa 10 giorni fa, esclusi gli sconti. Inoltre, la rotta alternativa attraverso il Capo di Buona Speranza aumenta il tempo di navigazione di 2-3 settimane e il consumo di carburante di 3.300 miglia nautiche, senza contare le tasse sulle emissioni per le navi appartenenti o che fanno scalo negli Stati dell'UE, evidenzia Reuters.

 

"Scaffale orientale": 3 libri per comprendere la Cina di oggi ad un prezzo speciale

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti